Karl-Heinz Rummenigge ha parlato alla stampa tedesca di una situazione di mercato al Bayern Monaco che stava cominciando a diventare “calda”: Robert Lewandowski, dopo aver espresso il desiderio di cambiare casacca qualche mese fa (con chiaro riferimento al Real Madrid), è diventato il pezzo pregiato del mercato europeo col Chelsea in prima fila per portare a casa il fuoriclasse polacco.

L’a.d. del Bayern Monaco è stato chiaro a riguardo: “Lewandowski ha un contratto con noi e non si muoverà da qui neppure con un’offerta stratosferica di 100-150 milioni di euro. Questi prezzi sono il frutto degli ultimi anni con le spese folli di Manchester City e PSG. Eppure l’esempio del Real Madrid, che ha speso davvero poco in questi ultimi anni, dovrebbe valere per tutti: la Champions League non si vince spendendo centinaia e centinaia di milioni nel calciomercato. Ed è per questo motivo che il Bayern Monaco proseguirà nella sua politica societaria e non venderà i suoi calciatori più validi”.

Rummenigge ha poi parlato anche dell’affare dell’anno, quello che ha portato Cristiano Ronaldo alla Juventus: “Sono sorpreso da quanto fatto dal mio amico Andrea Agnelli: tutti questi soldi per un 33enne noi non li avremmo mai spesi, ma è vero anche che il calcio italiano ha bisogno di questo per rinascere”.