Leonardo Bonucci è sempre più lontano dal Milan: il centrale della Nazionale, in attesa di sviluppi sulla situazione societaria e soprattutto sulla sentenza del TAS (attesa per domani) sull’esclusione dei rossoneri dalla prossima Europa League, si starebbe convincendo del trasferimento dopo che dal club non sono arrivati segnali positivi.

Bonucci non si sentirebbe al centro del nuovo progetto che sta nascendo. E’ anche il frutto di un’annata in chiaroscuro dell’ex Juventus, consapevole anche che due anni senza coppe, alla sua età, pesano e non poco. La presenza di Buffon al PSG sarebbe un dettaglio non da poco, ma un indizio decisivo è arrivato dall’incontro del procuratore del giocatore, Alessandro Lucci, col direttore sportivo del club francese, Antero Henrique.

Bonucci avrebbe così aperto alla partenza ma resta lo scoglio più difficile per un’eventuale trattativa. Il Milan non sarebbe in alcun modo disposto a generare una minusvalenza dopo l’acquisto della scorsa estate dalla Juventus per 40 milioni di euro e, anzi, vista la tendenza del mercato sarebbe propenso a far salire il prezzo del cartellino.

Il PSG, dal suo canto, com’è noto non naviga in acque tranquille in relazione al fair-play finanziario. Insomma, l’affare per concretizzarsi avrà bisogno di una lunga trattativa. Che potrebbe essere già cominciata…