Il Padova primo nella classifica di serie C, girone B, ha concluso a 8 punti dalla seconda la prima parte del campionato.


Ma il primo posto, per quanto rilevante, non è l’unico elemento degno di nota di questa. Vi è infatti anche l’entrata nella società Calcio Padova Spa di un nuovo investitore, il franco armeno Joseph Oughourlian. Il che, in caso le cose continuassero così, potrebbe avere ancora più valore in vista del calcio mercato del prossimo giugno.

Il campionato è ancora molto lungo, infatti, e tante cose possono succedere da qui alla fine del torneo. In caso di promozione in serie B, sarà necessario valutare attentamente gli acquisti. In base agli obiettivi che Zamuner, Bonetto e gli altri si porranno di fronte: semplice mantenimento a metà classifica o prime posizioni per puntare dritti alla massima serie, vi sarà bisogno di cercare rispettivamente nei vivai delle altre squadre (anche e soprattutto all’estero, da dove molte giovani promesse o futuri campioni prendono le mossa), o tra giocatori più esperti, anche se magari con qualche anno in più.


L’entrata in società di Oughourlian rappresenta un rafforzamento sotto il profilo finanziario, ma anche un “arricchimento umano e professionale”, come lo ha definito il Presidente Bonetto. Umano, in quanto l’imprenditore franco armeno è un grande appassionato di calcio e un profondo conoscitore dell’Italia (la sua società detiene dal 2006 una quota di Ducati). Professionale, perché oltre ad essere un imprenditore, quello nel Calcio Padova è il terzo investimento nel settore per Oughourlian: l’ormai socio dei bianco scudati è dentro le società del Millionarios Futbol Club, squadra della Liga Postobon, la massima serie della Colombia, e nel Racing Club de Lens, che milita nella francese L2.

In virtù di questa operazione, nelle casse della società padovana sono finiti 300.000€, mentre altri 200.000€ saranno versati entro la fine dell’esercizio.

Mister Bisoli è piuttosto tranquillo, dato che nelle prove con Fermana e Ternana gli undici scesi in campo hanno soddisfatto le aspettative, soprattutto il reparto difensivo, che ha dimostrato una solidità importante. Gli allenamenti degli ultimi giorni hanno espresso la grinta, la decisione e la tecnica giusta. Nel frattempo, giocatori importanti, come Candido e Mandorlini, hanno recuperato la loro forma fisica e saranno sicuramente impiegati.

A meno di soprese dell’ultimo minuto, l’inizio 2018 vedrà Bisoli adottare lo schema a “albero di Natale, il 4 – 3 – 2 – 1. In porta, vi sarà la certezza dell’estremo difensore Bindi; davanti a lui bloccheranno l’accesso agli attacchi delle squadre avversarie il quartetto, che tante soddisfazioni ha dato negli ultimi incontri a Fermo e a Terni: Cappelletti, Ravanelli, Trevisan e Contessa. A centro campo, troneggeranno e costruiranno le azioni Pinzi, Belingheri e Mandorlini.

La vera rivoluzione Bisoli la compie nel reparto offensivo, da dove spariscono Guidone, Chinellato, Cisco e Marcandella, a tutto vantaggio di Pulzetti e Candido a supporto della punta estrema Capello.

La forma fisica e la testa ci sono, a questo punto bisognerà aspettare il responso del campo. Nel frattempo, gli appassionati di scommesse calcio e William Hill potranno comunque approfittare per continuare a puntare sulle sorti dei biancoscudati e delle loro avversarie in questa seconda metà del campionato.