Dopo undici anni, l’Italia porta nuovamente due squadre ai quarti di finale di Champions League. Dopo la Juventus, tocca alla Roma staccare il pass dopo la mini-rimonta completata ai danni dello Shakhtar.

Il 2-1 subito all’andata in Ucraina era un risultato recuperabilissimo e così è stato: gli uomini di Di Francesco hanno sfruttato la tattica insolitamente troppo attendista dello Shakhtar, capace comunque di creare un paio di pericoli nel primo tempo con Taison e Ferreyra.

La Roma ha pazientemente atteso ed ha colpito alla prima vera opportunità: lancio di Strootman, Dzeko scatta sul filo del fuorigioco e infila Pyatov con un preciso rasoterra. Gli ucraini si sono poi disuniti, Dzeko ha sfiorato subito il raddoppio. Espulso, tra gli ospiti, Ordets a quindici dalla fine ma i capitolini hanno sofferto nei minuti finali, di fronte allo scenario prestigioso dei quarti, raggiunto per la quarta volta nella sua storia.

Gran sorpresa nell’altra partita della serata: il Siviglia di Vincenzo Montella è stato capace di eliminare la corazzata Manchester United con un clamoroso 2-1 all’Old Trafford (si partiva dallo 0-0 scaturito in Spagna). Uomo della provvidenza, Ben Yedder: il francese è entrato e ha siglato nel giro di cinque minuti una doppietta letale per gli inglesi (74′ e 78′), capaci di rendere almeno onorevole la sconfitta con una rete di Lukaku nel finale.