Gigi Di Biagio è soddisfatto del pareggio ottenuto dalla sua Italia, almeno per il momento, in extremis contro l’Inghilterra. Il rigore di Insigne salva il c.t. dalla seconda sconfitta di fila, vedremo se basterà anche per salvargli la panchina.

Il prossimo 27 maggio si dovrebbe decidere il nome del futuro commissario tecnico. Di Biagio quasi preferisce non parlarne: “Contava la crescita della squadra, dei ragazzi. Li ho ringraziati prima della partita, sono stati dieci che per me hanno significato davvero tanto. Dovessi restare io c.t. insisterei coi miei concetti. Questi ragazzi non sono così scarsi come si vuol far credere, sono l’Italia e devono capire quello che rappresentano. Non accetterò qualsiasi cosa nel mio futuro”.

Di Biagio poi preferisce soffermarsi sulla partita dell’Inghilterra che, ancora una volta, ha testimoniato come all’Italia manchi per prima cosa un goleador viste le occasioni sciupate da Immobile: “Sono stato contento, al di là del risultato che senza dubbio è positivo. Bisogna fare un passo avanti e c’è stato, soprattutto dal punto di vista della personalità. Non era facile giocare davanti a 80mila persone e continuare a cercare il pareggio fino alla fine. Non dobbiamo aver paura a giocare, stavolta siamo stati anche più precisi nel palleggio”.