Dichiarazioni di fuoco quelle di Rino Gattuso nel post-partita di Rijeka-Milan di Europa League. I rossoneri erano sì aritmeticamente qualificati e certi del primo posto nel girone, ma il 2-0 rimediato in Croazia è una delle prestazioni più sconcertanti in questi ultimi tormentati anni.


Il nuovo tecnico deve così affrontare nuove critiche dopo il clamoroso pareggio a Benevento di domenica scorsa. Gattuso ha prima provato a fare mea culpa ma, finite le frasi di circostanza, ha cominciato a caricare duramente con alcuni dei protagonisti in campo: “La colpa è mia, la formazione l’ho fatta io. Volevo dare spazio a chi ha avuto meno minutaggio ma la scelta non è stata giusta. Appena subiamo un colpo poi non sappiamo reagire e questo non deve accadere”.

Dopo aver risposto anche ad una domanda sui problemi societari, Gattuso trova un colpevole: “I problemi del club? Se ne occuperanno Fassone e Mirabelli, io sono impegnato a risolvere quelli sul campo. Chi indossa questa maglia deve onorarla fino in fondo. Andre Silva deludente? Sì, sembrava un corpo totalmente estraneo alla manovra. E’ un giocatore di livello internazionale, col Portogallo segna sempre. Ma quello che ha fatto vedere stasera non può certamente bastare. Se ha la possibilità di giocare 90 minuti in Europa con la maglia del Milan devi dare di più”.