Intervista interessante quella rilasciata da Matias Vecino ai microfoni di Premium Sport. Il centrocampista dell’Inter è stato raggiunto dopo l’amichevole pareggiata dal suo Uruguay contro la Polonia (0-0) ed è stato proprio il match l’oggetto delle prime domande: “E’ stata una partita importante perché hanno esordito diversi giovani e ci siamo misurati contro una grande squadra. Sarà così anche al Mondiale, speriamo di fare bene. Se ci andrà anche l’Italia? Lo spero, perché ho tanti compagni in nazionale, e lo credo. L’1-0 è ribaltabile e San Siro darà una grossa mano”.


Vecino ha poi parlato dei suoi primi mesi all’Inter: “Di solito quando si cambia squadra c’è bisogno di un periodo d’adattamento, ma per me è stato molto semplice. Conoscevo già alcuni compagni e sento la fiducia di Mister Spalletti. Voglio solo continuare così e voglio che la squadra faccia bene. Scudetto? L’obiettivo principale resta la Champions ma è ovvio che siamo l’Inter e puntiamo sempre al massimo. Io come Gerrard? E’ un onore, ma sono lontano da lui: ha fatto la storia del calcio inglese. Mi dispiace per la traversa col Torino, avremmo potuto portarla a casa…”.