Il 7-0 con cui la Juventus ha steso il Sassuolo in realtà ha portato con sé anche una bella gatta da pelare per Max Allegri: l’infortunio di Blaise Matuidi.


Il francese, arrivato a parametro zero in estate dal PSG, si è subito rivelato determinante al suo primo anno in bianconero: è stato proprio per lui che Allegri ha cambiato nuovamente modulo, passando al 4-3-3 e di fatto escludendo Dybala che aveva il posto assicurato nel 4-2-3-1 che pure tante gioie ha riservato.

Il problema muscolare di Matuidi potrebbe non essere di poco tempo, ad oggi è altamente improbabile vederlo in campo il prossimo 13 febbraio, nell’andata degli ottavi di finale di Champions League contro il Tottenham. Ed è così che, visto che la condizione di Dybala (semmai riuscisse a tornare in tempo per la sfida) non sarà al top e che Bernardeschi trequartista non convince, Allegri proverà a tenere duro nel prossimo mese per avere poi tutti a disposizione nella parte finale della stagione.


L’ex allenatore di Cagliari e Milan ha già in mente quale sarà la soluzione: nessun cambio modulo, nonostante in passato la Juve abbia sempre saputo trarne vantaggi, il titolare diventerà Marchisio, abile ed arruolabile già da questo fine settimana. Con Asamoah, Sturaro e Bentancur come soluzioni d’emergenza.