Probabilmente è stata la partita inaugurale meno emozionante di sempre in un Mondiale. Davvero imbarazzante la differenza vista in campo oggi tra Russia ed Arabia Saudita, match inaugurale della rassegna iridata e valevole per il Gruppo A (che comprende anche Egitto e Uruguay, in campo domani alle 14).

E’ finita 5-0 per i padroni di casa che, per la verità, per quasi tutto il secondo tempo hanno tenuto ritmi bassissimi senza nemmeno cercare più di tanto la via della rete. La prima frazione si era chiusa sul 2-0: Gazinsky insacca di testa il vantaggio su assist perfetto di Golovin, poi Cheryshev (entrato per l’infortunato Dzagoev) mette a sedere due difensori prima di infilare il raddoppio.

Ripresa da sbadigli, nel finale la Russia fa almeno divertire il pubblico: ancora Cheryshev, con un bellissimo gol d’esterno dal vertice dell’area, sigla il tris, poi Dzyuba, ancora di testa e ancora su cross di Golovin è autore del 4-0. In pieno recupero è ancora il talento 22enne del Cska Mosca, seguito molto da vicino dalla Juventus, a rendersi protagonista: perfetta la punizione a giro dal limite che non lascia scampo al goffo portiere saudita. Finisce così 5-0 ma per la Russia c’è da attendere prima di dare giudizi.