Decisamente sopra le righe la conferenza stampa di Rino Gattuso alla vigilia del derby di Coppa Italia che il suo Milan giocherà contro l’Inter. In palio c’è la semifinale, ma per i rossoneri evidentemente in ballo c’è molto di più. Il periodo non è dei più semplici, le due sconfitte di fila in campionato contro Verona e Atalanta hanno ulteriormente abbassato l’autostima di un gruppo che sembra allo sbando.

La cura Gattuso, ad oggi, non è bastata: “Pensavo ci mettessi meno per eliminare la paura e la negatività della squadra. Non sono abbattuto, altrimenti non sarei qui. Giochiamo bene 20-25 minuti, alla prima difficoltà però non sappiamo reagire. E’ un peccato, spesso prendiamo gol anche in situazioni di gioco che abbiamo studiato a tavolino”.

Gattuso poi cerca di caricare a suo modo l’ambiente: “Contro l’Inter, domani, per noi sarà una finale Mondiale. Dovremo tenere d’occhio Candreva e Perisic in transizione, su Icardi non ci sarà alcuna marcatura a uomo: dobbiamo difendere di reparto. La pressione si sente, c’è bisogno di un bel risultato. La condizione fisica? In alcuni frangenti sembra che la squadra abbia gamba, poi però la testa deve seguire il fisico. Suso? La sua assenza si è sentita contro l’Atalanta, ma a Verona aveva sbagliato sempre mira…”.