Il Napoli continua la sua marcia in testa alla classifica: il 2-0 al Verona nella prima di ritorno consente agli azzurri di arrivare a quota 51 punti dopo la prima giornata di ritorno. In 20 partite, in pratica, gli uomini di Sarri hanno perso appena 9 punti per strada.

Non può che essere soddisfatto il tecnico toscano che, però, dopo il successo sull’Hellas, punta il dito sulla decisione delle varie associazioni (allenatori e calciatori) di imporre almeno sei giorni di pausa in cambio del turno di campionato che si è giocato tra Natale ed Epifania.

“E’ ovvio che c’è necessità di staccare anche mentalmente: siamo insieme dall’1 luglio, sono più di sei mesi in cui abbiamo giocato tante partite con tanta intensità”, esordisce Sarri che poi continua: “Detto ciò per me è follia fermarsi per sei-sette giorni. Per un professionista d’alto livello è inconcepibile. I ragazzi hanno dato disponibilità per rientrare un giorno prima: un gesto di buona volontà, mettiamola così…”

Sarri ha accennato anche al discorso mercato: “E’ davvero complicato migliorare questa rosa e in particolare l’undici titolare. Per farlo bisognerebbe spendere davvero tanto, le cifre che girano sono folli. Tutto dipende dalla società e dalle ambizioni. Verdi? Non l’ho chiamato e voglio precisare che non ho mai chiesto giocatori che ho allenato in passato…”.