Il Napoli è atteso da una sfida cruciale in Champions League: ai partenopei, contro lo Shakhtar al San Paolo, serve soltanto vincere per restare in corsa per la qualificazione. E poi sperare nell’ultimo turno di vincere in Olanda col Feyenoord, con una nuova sconfitta degli ucraini, in casa col Manchester City. Insomma, molte combinazioni, ma il primo passo deve essere fatto.


Sarri ha in mente quattro cambi rispetto all’undici iniziale che sabato sera ha sconfitto – per la verità faticando durante tutto il secondo tempo – il Milan. Se dell’assenza di Koulibaly (squalificato) già si sapeva, l’allenatore toscano ha in mente di dare nuova linfa al centrocampo e di non spremere Mario Rui, ancora non al top della condizione.

Insomma, al centro della difesa, accanto ad Albiol, ci dovrebbe essere Chiriches, nettamente favorito su Maksimovic. Rui dovrebbe far spazio a Maggio, schierato ovviamente a destra con Hysaj spostato sul fronte opposto. In mezzo al campo, invece, Allan e Jorginho dovrebbero far spazio a Zielinski e Diawara, con una possibile sorpresa 20. Il croato, d’altronde, potrebbe dare quella dose di dinamismo che in questo periodo sembra mancare alla capolista di Serie A. In avanti tutto confermato con Callejon, Mertens e Insigne a comporre il tridente.