Finisce 0-2 il secondo anticipo della 22esima giornata di Serie A tra Chievo Verona e Juventus: i bianconeri arpionano i tre punti nella ripresa, grazie alle reti di Khedira e Higuain, ma approfittano soprattutto delle ingenuità di Bastien e Cacciatore che hanno lasciato i clivensi in nove uomini, quando il risultato era ancora sullo 0-0.

Il primo è stato l’esterno belga: Bastien, nel giro di due minuti, è protagonista di due inutili interventi su Asamoah, entrambi da ammonizione. L’arbitro Maresca non lo grazia, il Chievo si trova ad affrontare un’ora in inferiorità numerica contro la Juve.

Inferiorità che diventa doppia a inizio ripresa per la follia di Cacciatore. Il terzino del Chievo, dopo essere stato invitato (a torto) dall’arbitro a restare fuori dal campo dopo l’intervento (mancato) dei medici, fa il gesto delle manette in due occasioni, proprio come Mourinho in uno storico Inter-Sampdoria. Maresca, avvertito dal guardalinee, gli mostra il rosso diretto.

La Juventus, ovviamente, impiega poco a passare in vantaggio: al 67′ Khedira sfrutta il velo di Mandzukic e fulmina Sorrentino con una conclusione potente sul primo palo. Nel finale torna al gol, dopo sei partite di digiuno, anche Gonzalo Higuain: preciso il colpo di testa su assist di Douglas Costa. La Juve vola, il Napoli è obbligato a rispondere.