Quando si dice “lasciare da vincenti”: Zinedine Zidane, con un annuncio decisamente a sorpresa, lascia la panchina del Real Madrid. Il francese abbandona così dopo aver vinto la finale di Champions League contro il Liverpool, la terza consecutiva con Zizou al comando.

Zidane ha convocato una conferenza stampa a sorpresa dove si è presentato in compagnia del presidente Perez, visibilmente deluso dalla decisione del suo ex tecnico. Tante, ovviamente, le domande a cui il transalpino non si è sottratto.

“Credo che questo club e questa squadra debbano continuare a vincere e non sono certo che possano farlo con me alla guida. Dopo tre anni arriva un logorio normale a questi livelli, probabilmente questi giocatori hanno bisogno anche di nuovi metodi di lavoro, nuovi stimoli”, le parole di Zidane che poi continua: “Posso essere soltanto grato al Real Madrid che mi ha voluto da calciatore e poi da allenatore. Il momento per lasciare è certamente strano, ma è giusto così. Per me questo non è addio, ma solo un arrivederci. E oggi non sono alla ricerca di una nuova squadra da allenare”.

Low, attuale ct della Germania, e Mauricio Pochettino sono i nomi che circolano con più insistenza per sostituire Zidane al Real Madrid.