Sembra essere arrivato il primo duro colpo alla favola Leicester. L’Arsenal di Arsene Wenger infatti, sembra deciso a pagare la clausola rescissoria di 38 milioni di euro di Jamie Vardy, bomber delle foxies e artefice dello storico titolo ottenuto dagli uomini di Ranieri poco più di un mese fa.

[adinserter block=”8″] [adinserter block=”11″]

Non sono ovviamente mancate le reazioni a questa notizia, soprattutto sui social network, dove i tifosi del Leicester hanno espresso in maniera inequivocabile il loro disappunto etichettando il loro ormai ex idolo come un “traditore” e tempestando di offese anche la moglie dell’attaccante, costretta a ricordare ai tifosi che lei non c’entra con la carriera del marito.

La storia di Vardy è ormai nota a tutti: arrivato alla celebrità quest’anno alla soglia dei trent’anni, dopo tante stagioni nelle serie inferiori e con un buonissimo impatto anche nella nazionale inglese dove ha già segnato 3 reti in appena 7 presenze, adesso sembra per lui arrivato ormai il momento del grande salto e ad aspettarlo ci sono i Gunners in cerca di riscatto dopo stagioni nient’affatto negative, ma in cui non sono riusciti ad alzare al cielo nessun titolo significativo.

Riuscirà il buon Jamie a confermarsi anche in un top club? La domanda è lecita e i dubbi tra gli addetti ai lavori non sono pochi. Senza dubbio quest’anno il Leicester è stato un miracolo sportivo frutto di tanto lavoro da parte di Ranieri e dei suoi giocatori, ma non si può negare che il rischio di essere capitato al posto giusto nel momento giusto è alto.

In più la storia del calcio è piena di attaccanti che dopo uno o due anni a grandi livelli non sono riusciti a ripetersi altrove indipendentemente dal blasone dei nuovi club. Inoltre è ormai cosa nota come nel calcio in un piccolo club le pressioni siano minori e la squadra giochi solo per il suo terminale offensivo, mentre nei top club o ti chiami Messi o CR7 oppure sei solo uno dei tanti, e se ti hanno pure pagato un sacco di soldi hai tutti gli occhi addosso e sono tutti pronti a rinfacciarteli al primo errore.

Insomma ci vuole carattere e coraggio caro Jamie per fare una scelta del genere, ma l’appuntamento per consacrarti tra i grandi del calcio è arrivato. Quindi prova a scacciare a modo tuo tutte le paure e tutti i fantasmi perché l’Emirates Stadium ti aspetta e magari, dopo aver contribuito a scrivere quella del Leicester, puoi scrivere un’altra favola tutta tua.
[adinserter block=”12″]

CONDIVIDI