L’undicesima giornata di Serie A si è chiusa con la vittoria dell’Inter al Bentegodi, contro l’Hellas Verona. I nerazzurri si sono imposti 2-1, nonostante i padroni di casa abbiano impensierito fino all’ultimo gli uomini di Spalletti. E’ la nona vittoria su undici partite disputate per l’Inter che, grazie anche agli altri due pareggi (a Bologna e a Napoli), ha così firmato il miglior avvio di sempre nella sua storia. In classifica i meneghini si riprendono il secondo posto, scavalcando Juventus e Lazio: il Napoli capolista dista solo due lunghezze.

L’Inter passa in vantaggio al 36′, dopo aver schiacciato il Verona nei primi 15 minuti: perfetto il cross di Candreva, Borja Valero ha il tempo di infilare, sul secondo palo, tutto solo grazie alla mancata marcatura di Caracciolo. I ragazzi di Pecchia cominciano con tutt’altra convinzione il secondo tempo e riescono a pareggiare al 59′ su rigore, concesso per un fallo di Handanovic su Cerci ma solo grazie l’intervento del Var: Pazzini entra per calciare il penalty, trasformato alla perfezione.

Il pareggio dura meno di 10 minuti, considerato che al 67′ arriva il gol partita: Perisic, con un siluro dal limite di destro, finalizza al meglio un’azione d’angolo, fulminando il povero Nicolas. L’Hellas ci prova davvero fino all’ultimo minuto di recupero ma a conti fatti di clamorose occasioni dalle parti di Handanovic non se ne contano.