Biden lancia un avvertimento sul potere presidenziale e su Trump, dopo la sentenza sull’immunità della Corte Suprema


Washington
CNN

Lunedì il presidente Joe Biden ha condannato la sentenza della Corte Suprema Ha stabilito che i presidenti hanno l’immunità assoluta I procedimenti giudiziari per azioni ufficiali chiave e l’ex presidente Donald Trump hanno lanciato avvertimenti terribili sulla possibilità di un secondo mandato.

“Non ci sono re in America. Siamo tutti uguali davanti alla legge. Nessuno, nessuno è al di sopra della legge, nemmeno il presidente degli Stati Uniti”, ha detto Biden in un discorso dalla Casa Bianca.

“(Con) la sentenza odierna della Corte Suprema sull’immunità presidenziale è radicalmente cambiata. A tutti gli effetti pratici, non ci sono praticamente limiti a ciò che il presidente può fare. È una politica fondamentalmente nuova ed è un precedente pericoloso perché l’autorità dell’ufficio non è più limitata dalla legge, inclusa la Corte Suprema degli Stati Uniti.

La Corte Suprema, in una decisione 6-3 basata sull’opinione, Ha governato Trump potrebbe chiedere l’immunità dai procedimenti penali per alcune delle sue azioni come presidente prima di lasciare l’incarico, ritardando ulteriormente le sue indagini sulla manomissione delle elezioni federali sulle sue azioni del 6 gennaio.

IL Regola Una sentenza della corte d’appello federale di febbraio ha annullato la sentenza della corte d’appello federale di febbraio secondo cui l’ex presidente non aveva l’immunità per i crimini commessi mentre era presidente per alterare i risultati delle elezioni del 2020.

Biden ha ripetutamente avvertito che i limiti del potere del presidente risiedono solo nella persona che ricopre la carica e nelle scelte che quella persona fa. Trump sarebbe pericoloso in quel ruolo, ha detto.

L’importante discorso politico arriva in un momento critico per la campagna di Biden, che sta cercando di superare le persistenti preoccupazioni sulla sua età alimentate dalla sua performance nel dibattito presidenziale della scorsa settimana. La sua prestazione irregolare ha causato preoccupazione tra i suoi principali donatori e ha sollevato domande scomode ai democratici sull’opportunità di rimanere nel loro biglietto, e tanto meno servire altri quattro anni alla Casa Bianca.

READ  Donald Trump incriminato dal gran giurì di Manhattan per oltre 30 capi d'accusa di frode aziendale

Durante il discorso di lunedì, Biden è apparso vigile, leggendo con entusiasmo da un gobbo nella Cross Hall della Casa Bianca. Ma non ha risposto alle domande e se n’è andato subito dopo una dichiarazione scritta di cinque minuti.

Lunedì Biden ha fatto riferimento alla rivolta al Campidoglio del 6 gennaio 2021, definendola “uno dei giorni più bui della storia degli Stati Uniti”. La decisione della corte significa che è improbabile che Trump debba affrontare accuse penali legate alle rivolte prima delle elezioni, ha detto.

La sentenza della corte consente tecnicamente di portare avanti il ​​caso di manomissione elettorale del consigliere speciale Jack Smith contro Trump, ma lascia diverse questioni tecniche irrisolte, rendendo improbabile che un processo possa aver luogo prima delle elezioni di novembre. Il caso di Smith ora ritorna ai tribunali di grado inferiore, che devono esaminare le azioni specifiche intraprese da Trump per alterare i risultati delle elezioni del 2020 e se tali azioni siano ufficiali, e quindi immuni, o personali, che non lo sono.

La maggioranza ha affermato che le conversazioni di Trump con il Dipartimento di Giustizia – i suoi tentativi di convincere i funzionari a tentare di ribaltare le elezioni – erano completamente immuni. La corte ha ritenuto che esistesse almeno una certa immunità per altri atti ufficiali e per i poteri consuetudinari del presidente, che spesso ha lasciato decidere ai tribunali di grado inferiore. Questo è un processo che può richiedere settimane o addirittura mesi.

Forse ancora più importante, la maggioranza ha chiarito che gli atti ufficiali non possono essere considerati prove in un potenziale processo, il che renderebbe più difficile per Smith prevalere. Il presidente della Corte Suprema John Roberts ha scritto che i tribunali di grado inferiore potrebbero non prendere in considerazione le intenzioni dell’ex presidente e consentire agli avvocati di Trump di sostenere che non stava cercando di far oscillare le elezioni a suo favore.

READ  Saks acquisisce il proprietario Neiman Marcus, creando una società di vendita al dettaglio di lusso

“So che rispetterò i limiti dei poteri presidenziali che ho avuto per tre anni e mezzo, ma qualsiasi presidente, incluso Donald Trump, sarebbe libero di ignorare la legge adesso”, ha detto Biden.

Biden, che ha fatto della protezione della democrazia un principio centrale della sua campagna, ha descritto la decisione come un ampio modello della Corte Suprema che indebolisce “vari principi giuridici consolidati da tempo”, indicando altre decisioni relative ai diritti di voto e alle libertà civili. Stava implicitamente fissando la posta in gioco per le elezioni presidenziali.

Ha aggiunto che gli elettori ora hanno l’ultima parola nel ritenere Trump responsabile.

“Il popolo americano dovrà decidere se vuole cedere la presidenza a Donald Trump, sapendo ora che sarà ancora più incoraggiato a fare ciò che vuole ogni volta che lo vorrà.”

Ha aggiunto: “Sono d’accordo con il dissenso del giudice (Sonia) Sotomayor. Ecco cosa ha detto: “In ogni esercizio del potere esecutivo, il presidente è ora un re al di sopra della legge”. Temendo per la nostra democrazia, mi rifiuto”, conclude la citazione. Quindi il popolo americano deve resistere. Sono in conflitto.”

La sentenza della Corte Suprema ha avuto effetto immediato: il team legale di Trump ha presentato lunedì una lettera all’Alta Corte cercando di contestare la condanna dell’ex presidente nel processo criminale di New York. Sentenza sull’immunità presidenzialeUN La fonte ha detto alla CNN.

L’avvocato di Trump ha presentato una lettera al giudice Juan Merson chiedendo il permesso di impugnare la sentenza. Se il giudice consentirà a Trump di presentare la mozione, ciò potrebbe ritardare la sentenza di Trump – fissata per la prossima settimana – e consentire alle parti di informare la questione. Lunedì l’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan non ha depositato le sue istanze di condanna, secondo una fonte.

READ  Gli Heat prendono il vantaggio della serie 2-0 sui Celtics nelle finali della Eastern Conference: come l'intensità di Miami ha battuto Boston

Jon Fritz e Kara Scannell della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori sviluppi lunedì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *