Come si trasmette l’influenza aviaria alle mucche? L’esperimento dà alcune “buone notizie”.

Da quando gli scienziati hanno scoperto l’influenza nelle mucche americane all’inizio di quest’anno, sono rimasti perplessi su come si diffonde da un animale all’altro. Un esperimento in Kansas e in Germania ha fatto luce sul mistero.

Gli scienziati non sono riusciti a trovare prove che il virus possa diffondersi come infezione respiratoria. Jürgen Richt, virologo della Kansas State University che ha contribuito a condurre la ricerca, ha affermato che i risultati suggeriscono che il virus viene trasmesso principalmente attraverso mungitrici contaminate.

In un’intervista, il dottor Richt ha affermato che i risultati offrono la speranza che l’epidemia possa essere fermata prima che il virus si evolva in una forma che possa essere facilmente trasmessa tra gli esseri umani.

“Penso che la buona notizia sia che è più facile da controllare di quanto la gente pensi”, ha detto il dottor Richt. “Speriamo che ora possiamo dare un calcio a questa cosa nella parte posteriore e metterla fuori combattimento.”

I risultati non sono ancora stati pubblicati online o in una rivista scientifica sottoposta a peer review.

Seema Lakdawala, virologo della Emory University che ricerca il virus negli allevamenti da latte e non è stato coinvolto nel nuovo studio, ha avvertito che interrompere la catena di trasmissione richiederebbe cambiamenti drastici nel modo in cui gli allevatori mungono le loro mucche.

“È fantastico che questi risultati vengano fuori”, ha detto. “Ma è un vero problema logistico.”

A gennaio i veterinari hanno cominciato a notare un misterioso calo nella produzione di latte delle singole mucche. I campioni sono stati inviati al Dipartimento dell’Agricoltura per l’analisi. A marzo, il dipartimento ha annunciato che il latte delle mucche del Kansas, del New Mexico e del Texas conteneva un ceppo mortale di influenza che si era diffuso agli uccelli. Hanno trovato il virus anche in tamponi prelevati dalla bocca di una mucca del Texas.

READ  Il giudice respinge la mozione di Menendez di respingere le accuse di corruzione ed estorsione

Da allora, 132 allevamenti in 12 stati Sono risultati positivi al virus. Le mucche sperimentano un calo della produzione di latte e poi alcune mucche di solito si riprendono sono morti Oppure vengono macellati perché non guariscono.

Ci sono ricercatori Conosciuto da molto tempo Alcuni ceppi di virus influenzali possono infettare le cellule mammarie delle mammelle ed essere diffusi nel latte. Ma non hanno mai visto l’influenza aviaria diffondersi al bestiame come quest’anno.

Finora, solo tre persone negli Stati Uniti sono state infettate da funzionari statali o federali. Due dei lavoratori agricoli infetti hanno sviluppato congiuntivite, nota anche come congiuntivite. Una terza vittima ha manifestato anche tosse e altri sintomi respiratori.

La rapida diffusione del virus tra le mucche ha sconcertato gli scienziati. Una possibile spiegazione per la diffusione del virus è che le grandi aziende agricole hanno approfittato del modo in cui vengono munte le mucche. I lavoratori puliscono i capezzoli di una mucca, li strizzano a mano e producono alcuni scarti. Quando l’artiglio ha finito di estrarre il latte della mucca, l’operaio lo rimuove e lo mette sulla mucca successiva. Un artiglio viene solitamente utilizzato prima di pulire centinaia di mucche.

in un altro studio Pubblicato mercoledì, il Dott. Lakdawala e i suoi colleghi hanno scoperto che il virus dell’influenza può rimanere vitale in un’unghia per diverse ore.

Gli scienziati temono anche che le mucche possano diffondere il virus come malattia respiratoria. Una mucca con il virus nelle vie respiratorie espellerà goccioline quando respira o tossisce. Altre mucche possono inalare le goccioline o raccoglierle attraverso il contatto fisico.

Se è così, è più probabile che il virus attacchi le mucche allevate per la carne che per il latte. Ciò consente al virus di diffondersi facilmente tra gli esseri umani.

READ  La Russia chiude l’organismo di monitoraggio delle Nazioni Unite che monitora le sanzioni economiche contro la Corea del Nord

A maggio, il dottor Richt e i suoi colleghi del Kansas hanno collaborato con ricercatori tedeschi per condurre esperimenti che hanno infettato deliberatamente le mucche. Entrambi i gruppi gestiscono strutture di biosicurezza di fascia alta che ospitano animali di grandi dimensioni come le mucche.

Martin Beer e i suoi colleghi del Friedrich-Löffler-Institut di Greifswald, in Germania, hanno iniettato il virus nei capezzoli di tre mucche in lattazione. Nel giro di due giorni, gli animali hanno sviluppato segni clinici di infezione simili a quelli osservati negli allevamenti: hanno sviluppato febbre, hanno perso l’appetito e hanno prodotto pochissimo latte.

Il latte che producono è denso. “È come se la cagliata uscisse dalle mammelle”, ha detto il dottor Beer.

Per vedere se il ceppo influenzale nelle mucche fosse significativamente diverso dai ceppi che colpivano altri uccelli, il dottor Beer e i suoi colleghi hanno iniettato nelle mucche un ceppo diverso del virus dell’influenza aviaria H5N1. Anche le mucche hanno manifestato gli stessi segni clinici di infezione.

“Quindi questo virus può verificarsi ovunque nell’ambiente”, ha detto il dottor Richt.

Il dottor Richt somministrò la febbre bovina a tre mucche femmine non in lattazione e a tre maschi. Invece di iniettare il virus nelle mammelle, il suo team ha iniettato il virus nella bocca e nel naso degli animali.

Le mucche hanno sviluppato infezioni di basso livello e hanno diffuso il virus dal naso e dalla bocca per otto giorni.

Due giorni dopo l’infezione, tre mucche sane e non infette dal virus sono state collocate nella stessa stanza delle mucche malate. Per 19 giorni, gli scienziati hanno testato se anche gli animali non infetti sviluppavano la febbre entrando in contatto con mucche malate o respirandone le goccioline.

Nessuna delle mucche sane si ammalò. “Non abbiamo visto alcun compromesso”, ha detto il dottor Richt. “Il virus non si comporta come un tipico virus dell’influenza respiratoria.”

READ  Dopo la rottura con Taiwan, l'Honduras ha stabilito relazioni con la Cina

Ha avvertito che i risultati delle due prove hanno coinvolto un piccolo numero di mucche. Gli scienziati hanno anche studiato i primi ceppi del virus. Il virus sta mutando mentre si sposta da animale ad animale, e i ricercatori non possono dire se gli ultimi ceppi agiranno come la malattia respiratoria.

Il dottor Lakdawala ha affermato che le nuove scoperte dei ricercatori del Kansas e della Germania sono coerenti. Studi epidemiologiciÈ stata aggiunta ulteriore urgenza per prevenire la diffusione del virus alle mucche da latte.

Ma potrebbe essere più facile a dirsi che a farsi. La disinfezione degli artigli di mungitura tra ciascuna mucca può rallentare la mungitura negli allevamenti. I prodotti chimici utilizzati per pulire le unghie possono finire nel latte. “Non vogliamo candeggina nel latte”, ha detto il dottor Lakdawala.

Oltre a prevenire la trasmissione da mucca a mucca, è essenziale proteggere le persone dal virus, ha affermato. “Non vogliamo che questi lavoratori del settore lattiero-caseario soffrano”, ha detto.

In una tipica sala di mungitura, le mucche stanno su una piattaforma in modo che le loro mammelle siano all’altezza degli occhi dei lavoratori. Quando il latte schizza sulla piattaforma, si trasforma in goccioline che possono volare negli occhi dei lavoratori o essere inalate. I dispositivi di protezione individuale come occhiali e visiere possono aiutare a prevenire il percorso dell’infezione.

Arrestare la diffusione per i produttori di latte non protegge solo la loro salute. Potrebbe anche impedire al virus di avere una nuova possibilità di evolversi all’interno dell’ospite umano e di adattarsi alla nostra specie.

“Non si sa mai cosa accadrà a questo virus in futuro”, ha detto il dottor Richt.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *