I fossili di trilobiti “Bompeii” di 508 milioni di anni mostrano caratteristiche mai viste prima

Trilobiti risalenti a 508 milioni di anni fa sono conservati nel materiale vulcanico, rivelando dettagli mai visti prima in 3D. La loro fossilizzazione è stata così rapida che piccoli gusci si sono conservati in situ e i tessuti molli, compreso l’apparato boccale e gli organi interni, sono ancora visibili.

I trilobiti furono sepolti in un flusso piroclastico, un materiale caldo e denso che talvolta raggiunge velocità elevate quando espulso dai vulcani. 200 metri (656 piedi) al secondo. Normalmente brucia ogni forma di vita sul suo cammino, ma ciò può cambiare nel sistema oceanico.

“La superficie dell’oceano in cui scorre la cenere sarebbe stata pericolosamente calda e, sì, avrebbe bruciato gli animali a profondità minori”, ha spiegato il coautore dello studio. Dottor Greg Edgecombe Lo ha detto a IFLScience il Museo di Storia Naturale di Londra. “Mentre i trilobiti che vivono sul fondo dell’oceano trasportano e aggiungono, la cenere viene mescolata con l’acqua di mare. Questa miscelazione attraverso una colonna di acqua di mare deve aver raffreddato sufficientemente la cenere.

Raccolte nell’Alto Atlante del Marocco, le antiche meraviglie furono soprannominate i trilobiti “Bombi” per via della loro notevole conservazione nella cenere. Sono incredibilmente vecchi, ma non sono i trilobiti più antichi mai scoperti.

Hanno circa 508 milioni di anni, sono più giovani dei trilobiti più antichi, che hanno circa 521 milioni di anni. Ci sono anche tracce fossili più antiche sotto forma di tane chiamate Rusophicus, che si pensa siano opera di trilobiti e si pensa che abbiano più di 528 milioni di anni.

Tuttavia, i dentici comparativi sono ancora notevoli per il livello di protezione che esibiscono.

READ  Trump in disprezzo per aver violato l'ordine di silenzio nell'indagine sul "silenzio". Ecco quanto deve.

“Ciò che rende i nostri esemplari unici, e in effetti particolarmente primitivi, è la conservazione tridimensionale delle loro appendici”, ha continuato Edgecombe. “Le articolazioni non sono appiattite, riorganizzate o rotte. Sono preservate vicino agli orientamenti della vita. E poiché sono preservate come vuoti nella matrice rocciosa, possono essere fotografate tomograficamente per vederle in 3D.”

Ricostruzione microtomografica del trilobite Zygotella mauretanica in vista ventrale.

Credito immagine: © Arnaud MAZURIER, IC2MP, Univ. Poitiers

“Le appendici conservate nello scisto possono preservare magnificamente la loro composizione, ma i fossili sono compressi al punto da essere quasi 2D, e dobbiamo utilizzare un campionamento distruttivo per scavare meccanicamente le parti superiori di un’appendice per vedere le parti inferiori. I nostri modelli sono perfetti dopo l’esame come lo erano prima.

Questo dettaglio mai visto prima ci permette di osservare i trilobiti più da vicino di quanto non avessimo mai visto prima, con bocche a fessura e caratteristiche appendici cefaliche per l’alimentazione. Non è bella?

Lo studio è pubblicato sulla rivista Scienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *