La banda dei gioielli di Dresda è stata condannata ad anni di prigione

BERLINO – Martedì, un tribunale della città di Dresda, nella Germania orientale, ha condannato cinque membri della famiglia per un furto di gioielli da 129 milioni di dollari (113 milioni di euro) e li ha condannati a più di quattro anni di carcere.

Quando i membri del clan Remmo di Berlino hanno fatto irruzione nel museo Grünes Gewölbe (Green Vault) al Palazzo Reale di Dresda nelle prime ore del 25 novembre 2019, è stato uno dei peggiori e più audaci furti di gioielli mai compiuti in Europa. Ha portato a casa alcuni dei gioielli più preziosi d’Europa.

I pezzi rubati includevano una stella sul petto dell’Ordine Polacco dell’Aquila Bianca, una spada ingioiellata e un elmo ornato tempestato di 4.300 diamanti. I funzionari temono che alcuni oggetti potrebbero non essere recuperati.

GUARDA: Il momento in cui alcuni dei gioielli più preziosi d’Europa sono stati rubati

I cinque uomini, tutti sulla ventina, sono stati condannati martedì da quattro a sei anni di carcere. Un tribunale regionale di Dresda li ha giudicati colpevoli di “incendio doloso particolarmente grave”, lesioni personali pericolose, rapina con armi, danni alla proprietà e “incendio doloso intenzionale” per coprire un reato penale. Un sesto imputato e familiare è stato assolto dopo aver fornito un alibi.

I ladri hanno rubato fino a 100 gioielli del XVIII secolo dal Green Vault Museum del Palazzo Reale di Dresda il 25 novembre. (Video: Storyful della polizia della Sassonia)

A gennaio, la difesa, l’accusa e il tribunale hanno raggiunto un patteggiamento dopo che la maggior parte dei gioielli era stata restituita entro la fine del 2022. Due dei cinque imputati stanno già scontando la pena per il furto nel 2017 di un’enorme moneta d’oro dal Bode Museum di Berlino. Un rocambolesco furto che ha scosso il mondo museale. La moneta non è stata recuperata.

READ  Gli aiuti di Biden all'Ucraina arriveranno rapidamente e dureranno a lungo?

Le riprese televisive a circuito chiuso rilasciate il giorno dopo l’atroce furto hanno mostrato come il museo e l’area circostante siano precipitati nell’oscurità dopo che i ladri hanno appiccato il fuoco a un interruttore automatico vicino al museo.

Poi sono entrati nell’edificio attraverso una finestra. I pubblici ministeri hanno detto che aveva manomesso le sbarre delle finestre prima della rapina e le aveva riattaccate per ottenere un rapido accesso.

Entro cinque minuti, hanno distrutto una scena con un’ascia e se ne sono andati con 21 oggetti ricoperti da migliaia di gioielli. Il veicolo è stato successivamente incendiato in un parcheggio sotterraneo.

Dozzine sono ancora ricercate in relazione all’elaborata rapina. I funzionari hanno detto che potrebbero essere state coinvolte 40 persone.

Barbara Klepch, ministro regionale della cultura della Sassonia, di cui Dresda è la capitale, martedì ha espresso gratitudine per il fatto che gli investigatori siano riusciti a mettere al sicuro gran parte dei gioielli rubati.

“Parte del danno al nostro erario è stato riparato ei colpevoli sono stati debitamente puniti”, ha detto.

Il ministro ha anche affermato che le misure di sicurezza sono state adeguate a seguito del furto, che ha evidenziato carenze nella sicurezza in uno dei musei più antichi d’Europa.

Lo stato orientale della Sassonia ha chiesto quasi 89 milioni di euro di danni per la merce rubata e i danni causati dall’irruzione.

I gioielli rubati facevano parte di una collezione accumulata da Augusto il Forte, Elettore di Sassonia nel XVIII secolo. Nel 1723 Augusto aprì la Volta Verde di Dresda per mostrare il suo tesoro. Situato nel Palazzo Reale di Dresda, il museo è stato chiuso per decenni dopo aver subito ingenti danni durante la seconda guerra mondiale. È stato restaurato e riaperto nel 2006.

READ  Gli esperti bancari prevedono cosa accadrà dopo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *