Twitter strisce dal segno di spunta del New York Times | Notizie sui social

La mossa arriva dopo che il proprietario di Twitter Elon Musk ha fatto commenti denigratori sul giornale.

Twitter ha rimosso l’icona di verifica dall’account principale del New York Times, uno dei media più vituperati del CEO di Twitter Elon Musk.

La rimozione arriva quando molti degli utenti di alto profilo di Twitter perdono i segni di spunta blu che hanno contribuito a verificare la loro identità e a distinguerli dagli impostori sulla piattaforma dei social media.

Musk, il proprietario di Twitter, ha fissato una scadenza di sabato per gli utenti verificati per acquistare un abbonamento Twitter premium o perdere i controlli sui loro profili. Il Times ha detto in una storia giovedì che non paga Twitter per verificare i suoi account aziendali.

Domenica scorsa, Musk ha twittato che il segno di spunta del Times sarebbe stato rimosso. Successivamente ha pubblicato commenti denigratori sul giornale, che riportava in modo aggressivo su Twitter e le carenze dei sistemi di guida parzialmente automatizzati di Tesla, la società di auto elettriche gestita da Musk.

Gli account di Other Times, compresi quelli sulle sue notizie economiche e sulle pagine di opinione, avevano segni di spunta blu o dorati a partire da domenica, così come molti giornalisti della testata giornalistica.

“Non prevediamo di addebitare una tariffa mensile per Checkmark Status per i nostri account Twitter aziendali”, ha affermato domenica il Times in una dichiarazione. “Tranne in rari casi, non rimborsiamo i giornalisti per Twitter Blue per account personali, quando questa posizione è necessaria ai fini della segnalazione”, ha aggiunto il quotidiano.

L’Associated Press ha dichiarato che non pagherà per i segni di spunta, che sono comparsi nei suoi conti a partire da domenica a mezzogiorno.

READ  Il razzo cinese raggiunge i confini della Luna

Twitter non ha risposto alle domande inviate via e-mail dall’Associated Press sulla rimozione del segno di spunta da parte del New York Times.

I costi per mantenere i punteggi di controllo vanno da $ 8 al mese per i singoli utenti Internet a un prezzo iniziale di $ 1.000 al mese per il controllo con un’azienda e $ 50 al mese per ogni account affiliato o dipendente. Twitter non verifica i singoli account per confermare chi sono, il precedente segno di spunta blu è stato rilasciato a personaggi pubblici e altri durante l’amministrazione Musk prima della piattaforma.

Mentre gli abbonamenti a Twitter Blue possono sembrare niente per i commentatori più famosi di Twitter, gli utenti di celebrità che vanno dalla star del basket LeBron James a William Shatner di Star Trek si sono iscritti. L’attore della sitcom americana Seinfeld Jason Alexander ha promesso di uscire dal palco se Musk avesse preso il suo assegno blu.

La Casa Bianca sta anche aggirando l’iscrizione agli account premium, secondo un promemoria inviato al personale. Mentre Twitter ha dato al presidente Joe Biden e ai membri del suo gabinetto un’identità grigia gratuita, i dipendenti di livello inferiore non riceveranno i vantaggi di Twitter Blue a meno che non paghino loro stessi.

“Se vedi imitazioni che ritieni violino le politiche di impersonificazione dichiarate da Twitter, ti preghiamo di avvisare Twitter utilizzando il portale pubblico di impersonificazione di Twitter”, ha detto un promemoria dello staff del funzionario della Casa Bianca Rob Flaherty.

Alexander, l’attore, ha detto che ci sono problemi più grandi nel mondo, ma senza il segno di spunta blu, “chiunque può biasimarmi”.

Dopo aver acquistato Twitter per 44 miliardi di dollari nell’ottobre dello scorso anno, Musk ha cercato di aumentare le entrate della piattaforma in difficoltà spingendo più persone ad abbonamenti premium. Ma la sua mossa riflette la sua insistenza sul fatto che i segni di verifica blu siano diventati uno status symbol indegno o “corrotto” per élite, giornalisti e altri a cui è stata concessa una verifica gratuita dalla precedente leadership di Twitter.

READ  Biden chiede un risarcimento per i passeggeri per ritardi e cancellazioni dei voli

Oltre a proteggere le celebrità dagli imitatori, uno dei motivi principali per contrassegnare i profili di Twitter con un segno di verifica blu, a partire da 14 anni fa, è stato quello di verificare politici, attivisti e persone che si sono trovate improvvisamente nelle notizie, così come personaggi meno noti giornalisti. Le piccole pubblicazioni in tutto il mondo sono uno strumento aggiuntivo per impedire alla disinformazione di impersonare gli account. La maggior parte degli “assegni blu legacy” non sono nomi familiari e non dovrebbero esserlo.

Una delle prime mosse di prodotto di Musk dopo aver rilevato Twitter è stata quella di lanciare un servizio che avrebbe emesso assegni blu a chiunque fosse disposto a pagare $ 8 al mese. Ma è stato rapidamente sommerso da account falsi tra cui Nintendo, la società farmaceutica Eli Lilly e le attività di Musk Tesla e SpaceX, quindi Twitter ha dovuto chiudere temporaneamente il servizio pochi giorni dopo il suo lancio.

Il servizio rilanciato costerà $ 8 al mese per gli utenti Web e $ 11 per coloro che utilizzano le sue app per iPhone o Android. Gli abbonati dovrebbero vedere meno annunci, essere in grado di pubblicare video più lunghi e avere i loro tweet in primo piano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *