Un milione di persone sono in allerta per inondazioni mentre le forti piogge sferzano il Midwest superiore

didascalia dell’immagine, Circa 4.000 residenti della Rock Valley in Iowa sono stati costretti a evacuare a causa delle inondazioni.

  • autore, Nadine Yusif
  • azione, notizie della BBC

Più di un milione di persone sono in allerta per inondazioni dopo che le forti piogge hanno colpito domenica il Midwest degli Stati Uniti, provocando evacuazioni e operazioni di salvataggio in diversi stati.

I paesi più colpiti sono stati l’Iowa e il Sud Dakota, dove alcuni fiumi hanno raggiunto livelli record.

Almeno una persona è morta nelle inondazioni nel South Dakota, ha detto il governatore Christie Nome.

Il governatore dell’Iowa Kim Reynolds ha definito l’alluvione “catastrofica” e ha dichiarato lo stato di disastro in 21 contee.

Le riprese dei droni rilasciate dalle autorità regionali hanno mostrato case ed edifici completamente sommersi, con solo i tetti visibili.

A Spencer, nel nord-est dell’Iowa, un indicatore del livello dell’acqua era completamente sommerso.

“Quando l’indicatore delle inondazioni è sott’acqua, è piuttosto alto”, ha detto Eric Dykes della Clay County Emergency Management in una conferenza stampa domenica.

I funzionari hanno detto che centinaia di case sono state danneggiate in città e anche l’impianto fognario della città è stato allagato.

Altri stati con aree sotto allerta per inondazioni nel fine settimana includono Nebraska, Minnesota e Wisconsin.

Un avviso di inondazione significa che l’inondazione è imminente o in corso.

Alcuni avvisi dovrebbero terminare domenica tarda, secondo i bollettini del National Weather Service (NWS), ma altri rimarranno in vigore fino a nuovo avviso.

Questo fine settimana in alcune zone sono caduti fino a 45 cm di pioggia.

Nel South Dakota, il governatore Noem ha dichiarato lo stato di emergenza, con le peggiori inondazioni previste lunedì e martedì, e ha avvertito che il fiume Big Sioux potrebbe superare i livelli record.

Circa 4.000 residenti della Rock Valley in Iowa – circa 50 miglia (80 km) a sud-est di Sioux Falls – sono stati costretti a evacuare dopo che il fiume Rock ha raggiunto livelli record sabato.

I funzionari della città di Rock Valley hanno detto che i residenti della zona sono senza acqua corrente pulita perché le acque alluvionali hanno contaminato i pozzi.

L’alluvione che ha colpito la città sabato mattina ha lasciato alcune persone e animali bloccati, rendendo necessarie le operazioni di salvataggio in elicottero.

Nel Wisconsin, secondo una parrocchia locale, il maltempo ha distrutto anche una chiesa storica nel villaggio di Argyle. La chiesa luterana di Apple Grove, fondata nel 1893, è stata completamente rasa al suolo dal tornado di sabato sera.

Le forti tempeste arrivano mentre alcune parti degli Stati Uniti continuano ad affrontare un’ondata di caldo durata una settimana che ha visto alcune città superare i record di temperatura giornaliera.

A partire da domenica, più di 100 milioni di persone erano sotto allarme caldo. Si prevede che diversi avvisi verranno estesi all’inizio della prossima settimana.

Si prevede che le calde temperature estive raggiungeranno quasi 100 F (37 C) in alcune regioni, con l’ondata di caldo che colpirà città e paesi dal medio Atlantico alla bassa valle del Mississippi, al Grande Bacino e alla California.

Anche la regione del Medio Atlantico, che comprende Washington DC e New York City, registrerà probabilmente temperature elevate, ha affermato l’NWS.

Sabato sono stati battuti molti record.

Baltimora ha raggiunto i 38°C (101°F), la temperatura più alta registrata quel giorno dal 1988, secondo l’NWS.

L’ondata di caldo è stata insolitamente precoce per questo periodo dell’anno e l’NWS ha avvertito che in alcune località potrebbe essere la più lunga degli ultimi decenni.

Gli scienziati affermano che gli eventi meteorologici estremi stanno diventando più frequenti e intensi a causa dei cambiamenti climatici indotti dall’uomo e alimentati da attività come l’uso di combustibili fossili e il taglio delle foreste.

Secondo il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC), l’organismo delle Nazioni Unite per il clima, le ondate di caldo globale sono diventate più frequenti e intense dal 1950.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *