L’ex funzionario del Dipartimento di Giustizia Jeffrey Clark potrebbe essere licenziato per aver aiutato Trump

Jeffrey Clark, l'ex funzionario del Dipartimento di Giustizia che ha cercato di utilizzare l'influenza dell'agenzia per invertire la sconfitta elettorale del presidente Donald Trump nel 2020, ha violato l'etica legale e dovrebbe essere ammesso professionalmente e escluso dall'esercizio della professione legale nella capitale della nazione, ha detto l'avvocato di Washington Barr a un'agenzia di regolamentazione. martedì il panel.

“Utilizzare il potere della magistratura per ribaltare un'elezione basata su una menzogna, indipendentemente dal fatto che il dipartimento abbia o meno prove di frode che ha influenzato le elezioni – e il signor Clark non ne ha nessuna – è essenzialmente un colpo di stato nella magistratura”, ha detto Hamilton. B. ha detto “Bill” Fox III, avvocato capo dell'ufficio del consiglio disciplinare dell'Ordine degli avvocati di Washington.

Fox si stava rivolgendo a una commissione investigativa di avvocati che alla fine deciderà se Clark, nominato assistente procuratore generale da Trump nel 2017, debba affrontare la disciplina professionale nel distretto, inclusa la sospensione della sua licenza legale. Il trasloco dovrebbe durare fino alla prossima settimana.

Fox ha detto al comitato di tre membri che Clark, che era a capo della divisione Ambiente e risorse naturali del Dipartimento di Giustizia, ha ripetutamente violato l'etica del dipartimento quando ha cercato di aiutare Trump a ribaltare i risultati delle elezioni presidenziali della Georgia e invertire la vittoria di Joe Biden alle elezioni.

Clark è stato incriminato insieme a Trump e ad altri 17 nella contea di Fulton lo scorso anno in relazione a tali sforzi. Si è dichiarato non colpevole di due capi di imputazione per aver violato la legge della Georgia sulle organizzazioni influenzate dai racket e corrotte, nota come RICO.

READ  Un'eclissi solare totale attraverserà gli Stati Uniti tra un anno: l'8 aprile 2024

L'Ufficio del consulente disciplinare ha affermato che Clark si è impegnato in una condotta disonesta quando ha redatto una lettera che il Dipartimento di Giustizia avrebbe dovuto inviare ai funzionari della Georgia chiedendo che la legislatura statale convocasse una sessione speciale per esaminare i voti nelle elezioni presidenziali.

Nella bozza della lettera, Clark ha affermato che il dipartimento “ha identificato preoccupazioni significative che potrebbero aver influenzato i risultati elettorali in diversi stati, compreso lo stato della Georgia”. Questa affermazione è falsa, secondo l’Office of Regulatory Counsel, il quale ha osservato che i funzionari della giustizia non erano a conoscenza di eventuali accuse di frode elettorale in Georgia che avrebbero influenzato i risultati delle elezioni presidenziali.

L'avvocato di Clarke ha ripetutamente sottolineato durante l'udienza di martedì che la lettera non è mai stata inviata e che Clarke dovrebbe essere protetta dalla disciplina a causa del segreto professionale tra avvocato e cliente.

“Le prove in questo caso dimostreranno che il signor Clark ha cercato di fare sempre la cosa giusta”, ha detto il pubblico ministero Harry McDault. “Non ha violato le regole di deontologia professionale, e certamente non l'imputato in questo caso.” MacDougald ha anche sostenuto che l'ufficio disciplinare dell'Ordine degli avvocati di Washington non ha mai accusato un avvocato di “sforzo disonesto” per una bozza di lettera che non è mai stata inviata.

“Si è trattato di una discussione interna e di un disaccordo interno. La lettera non è stata diffusa dal signor Clark o dal presidente”, ha detto. Clark non ha fatto nulla di male ad avere un'opinione dissenziente da parte dei suoi superiori giudiziari, soprattutto quando era ritenuta vera, le prove dimostreranno.

READ  Almeno 21 morti mentre le tempeste squarciano il Midwest e il sud

Clark ha la licenza per esercitare nella contea dal 1997. Citando il suo procedimento penale, ha esercitato il diritto del Quinto Emendamento contro l'autoincriminazione rifiutandosi di testimoniare al bar.

In un atto d'accusa federale separato a Washington DC relativo all'ingerenza elettorale di Trump, i pubblici ministeri hanno delineato il presunto ruolo di Clark in una cospirazione che secondo loro ha orchestrato Trump. L'accusa identifica Clarke sarebbe solo “co-cospiratore 4”, ma ciò include dettagli che corrispondono al rapporto sul ruolo post-elettorale di Clarke. È Aggirando il procuratore generale ad interim, lo dipinge come una figura chiave nei piani di utilizzare l’imprimatur del Dipartimento di Giustizia per diffondere “false accuse di frode elettorale” e per ingannare gli elettori legittimi trasformandoli in falsi surrogati che sostengono Trump.

Un mese dopo le elezioni del 2020, Trump ha preso in considerazione la possibilità di nominare Clark come procuratore generale ad interim per sostituire l'allora procuratore generale ad interim Jeffrey Rosen. Ciò ha portato a un drammatico confronto alla Casa Bianca, quando alti funzionari del Dipartimento di Giustizia hanno detto a Trump che se avesse licenziato Rosen e nominato Clarke, che si era rifiutata di aiutare a legalizzare le accuse di frode elettorale in Georgia, avrebbe dovuto affrontare dimissioni di massa, secondo testimoni di entrambi i partiti. . Commissione della Camera per indagare sui tumultuosi eventi post-elettorali.

L'udienza di martedì si è svolta davanti alla commissione uditiva ad hoc del DC Board of Professional Responsibility. Dopo una settimana di udienze davanti allo stesso comitato nel 2022, l'avvocato personale di Trump, Rudy Giuliani, è stato sospeso dall'esercizio della professione legale in città per i suoi sforzi per influenzare le elezioni.

READ  La banda dei gioielli di Dresda è stata condannata ad anni di prigione

Il primo testimone di Fox, Richard Donoghue, che ha servito come vice di Rosen, ha ripetutamente ricordato a Clarke e ad altri funzionari del Dipartimento di Giustizia di non incontrare personalmente Trump o funzionari della Casa Bianca sulle accuse di frode elettorale, dicendo che era compito della legge. Autorità di controllo per indagare su tali affermazioni. Donoghue ha detto che i funzionari del Dipartimento di Giustizia sono rimasti sgomenti nell'apprendere che Clark ha continuato a incontrare Trump e che il presidente stava considerando un “cambio di leadership” con Clark in sostituzione di Rosen.

Quando Clark ha redatto la lettera, Donogh ha detto che né lui né Rosen pensavano che fosse “appropriata”. Donoghue ha testimoniato di aver detto a Clarke che i funzionari del Dipartimento di Giustizia avevano completato le loro indagini e che non c'erano “basi” per le accuse di frode di Clarke.

“Gli abbiamo detto che era fuori dal campo sinistro”, ha testimoniato Donoghue. “Ho detto: 'Da dove lo prendi? Non sei coinvolto in nessuna di queste indagini.' Ha detto che era su tutte le notizie e su Internet e ha letto le dichiarazioni giurate depositate.

Clarke ha riconosciuto l'incontro con Trump e la violazione delle politiche relative alle riunioni del Dipartimento di Giustizia, ha detto Donoghue, ma Clarke ha insistito: “Qui c'è in gioco qualcosa di più della politica”.

Donoghue lo ha avvertito di non incontrare nuovamente Trump. Clark gli ha detto di no.

Isaac Stanley-Becker ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *