I giornali abbandonano il fumetto “Dilbert” dopo le proteste del creatore sui “gruppi di odio” neri

Centinaia di giornali in tutto il paese smetteranno di pubblicare un fumetto “Dilbert” dopo che il suo creatore ha dichiarato in un live streaming su YouTube che i neri sono un “gruppo odioso” e che i bianchi dovrebbero “stare alla larga” da loro.

Il creatore, Scott Adams, era dietro il fumetto ampiamente diffuso che prendeva in giro la cultura dell’ufficio, ed è stato ampiamente condannato per i suoi commenti dai giornali che hanno stampato il suo lavoro nel corso degli anni.

La rete USA TODAY, che pubblica più di 200 giornali, ha dichiarato che non pubblicherà più il fumetto “Dilbert” a causa degli ultimi commenti discriminatori del suo creatore.

Sabato il Los Angeles Times ha dichiarato di aver sospeso la pubblicazione del fumetto a causa dei suoi commenti razzisti. Chris Quinn, direttore di The Cleveland Plain Dealer, Mr. Adams si è impegnato in uno “sfogo razzista” che ha spinto il giornale a eliminare “Dilbert”.

“Non è stata una decisione difficile”, ha detto il sig. disse Quinn.

Altri giornali che hanno affermato che interromperanno il fumetto includono The Boston Globe, The Washington Post, The San Antonio Express-News e MLive Media Group, che ha otto punti vendita nel Michigan.

Daniel Rhodes Ha, portavoce del New York Times, ha dichiarato: “A seguito dei commenti razzisti di Scott Adams, abbiamo deciso di non pubblicare il fumetto di ‘Dilbert’ nella nostra edizione cartacea internazionale”. Ha detto che il fumetto è apparso solo nell’edizione cartacea internazionale, non nell’edizione americana di The Times o online.

Sig. Adams ha rifiutato di essere intervistato, dicendo in un discorso sabato che “tutto ciò che devi sentire” è su YouTube.

READ  Davenport, Iowa, crollo dell'edificio: i documenti mostrano che i lavori di riparazione sono iniziati 4 giorni prima del crollo.

Nello show di sabato, ha difeso le sue opinioni. Ha detto che l’abrogazione era sbagliata, che “devi essere assolutamente razzista ogni volta che è a tuo favore” e che qualsiasi cambiamento nella società, incluso il cambiamento dei codici fiscali, è “cambiamento razzista”.

Sembrava calcolare un rapido declino, dicendo che “la maggior parte del mio reddito sarebbe sparito entro la prossima settimana” e “la mia reputazione sarebbe stata rovinata per il resto della mia vita”.

Andrews McMeel Syndication, la società che distribuisce “Dilbert”, non ha risposto immediatamente a un’e-mail di richiesta di commento sabato sera.

Nel video rilasciato martedì, Mr. Adams ha detto che “ha iniziato a identificarsi come nera” diversi anni fa. sondaggio Rasmussen riferisce che il 53% dei neri americani è d’accordo con l’affermazione che “va bene essere bianchi”.

Sabato Rasmussen Reports non ha risposto immediatamente a un’e-mail di richiesta di commenti sui suoi dati.

Sig. Adams ha detto nel video.

“È un gruppo di odio e non voglio avere niente a che fare con loro”, ha detto, aggiungendo: “Non ha senso aiutare i neri americani se sei bianco”.

L’editore di The Plain Dealer Mr. Quinn ha descritto i commenti come “una serie di dichiarazioni scioccanti, quasi certe che gli costeranno il sostentamento”.

“Odio citarlo, ma lo faccio per evitare risposte secondo cui si tratta di una decisione di ‘cultura dell’annullamento'”, ha detto Mr. disse Quinn.

Dopo aver realizzato commenti satirici sul posto di lavoro per i giornali di tutta l’America per tre decenni, Mr. Adams ha già affrontato critiche per le sue opinioni estremiste e le provocazioni online.

Nel 2019, Gilroy ha utilizzato una sparatoria di massa al Garlic Festival in California per promuovere un’app che aveva sviluppato.

READ  L'amministrazione Biden ha approvato Willow, un importante progetto di trivellazione petrolifera dell'Alaska

Cronaca di San Francisco segnalato Ha smesso di portare “Dilbert” mesi fa perché ha scherzato sui compensi e gli sforzi per diversificare il posto di lavoro.

“Il suo pezzo andava dall’esilarante all’offensivo e al volgare”, ha detto Emilio Garcia-Ruiz, redattore capo di The Chronicle.”Pochissimi lettori se ne sono accorti quando l’abbiamo ucciso, e abbiamo avuto solo una manciata di lamentele”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *