Il terzo volo di prova della Starship di SpaceX: aggiornamenti video in diretta dal lancio

Persone a Matamoros, in Messico, oltre il confine con Brownsville, in Texas, guardano il razzo SpaceX Starship Mega decollare a novembre.debito…Abraham Pineda-Jacome/EPA, tramite Shutterstock

Il secondo volo di prova della Starship a novembre è stato molto più alto e più veloce del primo tentativo sette mesi prima.

Nell'aprile dello scorso anno, durante il primo lancio fuori Brownsville, in Texas, le cose andarono storte fin dall'inizio: lo scarico dei motori del booster superpesante scavò un buco sotto la rampa di lancio, inviando pezzi di cemento fino a tre quarti della distanza. A miglia di distanza, un pennacchio di polvere che raggiungeva una distanza di 6,5 miglia copriva la vicina città di Port Isabel. Diversi motori booster si sono guastati e lo stadio superiore non si è separato dal booster.

Invece, il razzo ha iniziato a fare loop-de-loop prima che il sistema di arresto del volo lo distruggesse.

Durante il secondo volo di prova, tutti i 33 motori booster hanno funzionato durante il decollo. Un sistema a diluvio proteggeva la rampa di lancio. Lo stadio superiore dell'astronave si separò dal booster, quindi raggiunse la velocità orbitale. Tuttavia, sia le missioni di potenziamento che quelle della fase superiore dell'astronave terminavano comunque con esplosioni.

Per il booster, mentre scendeva dal palco superiore, 13 dei 33 motori si sono accesi per guidarlo verso il sito di atterraggio. Sebbene questo particolare booster non sarebbe stato recuperato, SpaceX voleva testare tecniche di rientro simili a quelle attualmente utilizzate per i suoi razzi più piccoli Falcon 9. Tuttavia, qualcosa è andato storto. Diversi motori si sono spenti e poi uno è esploso, provocando la distruzione del booster.

READ  Almeno 22 persone sono state uccise nello sciopero vicino all'ufficio del CICR a Gaza

In un aggiornamento pubblicato sul sito Web della società il 26 febbraio, SpaceX ha attribuito il guasto del booster a un filtro intasato attraverso il quale l'ossigeno liquido scorreva verso i motori. La società ha affermato di aver apportato modifiche al design per evitare che ciò accada di nuovo.

Il palco superiore ha continuato a salire per sette minuti dopo la divisione del palco. Si è trattato di un'impresa perché l'azienda ha completato una fase chiamata hot-staging, durante la quale i motori dello stadio superiore bruciano prima che lo stadio si separi dal booster superpesante.

Poiché la navicella era vuota, è stato caricato ulteriore ossigeno liquido per simulare il peso dei futuri carichi utili che avrebbe potuto trasportare in orbita. Ma quando l’ossigeno in eccesso fu scaricato, scoppiò un incendio, interrompendo le comunicazioni tra i computer di volo della navicella. I computer spengono i motori e quindi impostano il sistema di arresto del volo, distruggendo la navicella.

L'astronave superiore raggiunse un'altitudine di circa 90 miglia e una velocità di 15.000 miglia all'ora. Per raggiungere l'orbita, una navicella spaziale deve viaggiare a una velocità di 17.000 miglia all'ora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *