Kawakami: Come Draymond Green, Steph Curry e Steve Kerr hanno progettato la loro vittoria in Gara 4

SAN FRANCISCO — Draymond Green ha trasformato i suoi minuti televisivi nella facile vittoria di Gara 3 dei Warriors contro i Kings giovedì scorso.

“Dov’è Stefano?” Ha urlato a un dipendente mentre faceva capolino nello spogliatoio dei Warriors circa 20 minuti dopo il cicalino finale. Draymond trova rapidamente Curry nella sala prove, reduce da una vittoria strepitosa. Quindi i due leader di questa squadra si sono messi d’accordo e hanno subito iniziato a pianificare Gara 4.

Draymond ha avuto un’idea dopo aver visto la partita: perché sostituire qualcosa della formazione iniziale che ha scosso i Kings in Gara 3 con Draymond sospeso? Perché costringere qualcun altro in panchina per fargli spazio in gara 4?

E voleva correre addosso a Curry in fretta. (Al di là del discorso sulla strategia, Draymond era più che disposto a celebrare la grande prestazione di Curry in Gara 3.) Il risultato: Steve Kerr, che la pensava allo stesso modo, non ha iniziato Draymond in Gara 4 domenica, sostituendo Draymond a volte. Kevon Looney, come ha fatto in Gara 3, ha tenuto più tiratori in campo ei Warriors hanno battuto i Kings 126-125 per pareggiare la serie sul 2-2.

Looney ha giocato bene, il che non è una sorpresa. Jordan Poole, che è stato espulso dalla formazione titolare nel caso in cui Draymond rientrasse, ha giocato bene. Draymond ha iniziato il secondo tempo con Looney (e Poole fuori) ed è allora che i Warriors hanno preso il controllo del gioco. La vittoria è stata perfetta, anche se i Warriors l’hanno quasi restituita all’ultimo minuto quando Curry ha chiamato un timeout dopo che i Warriors avevano speso tutto quello che avevano. Mercoledì in Gara 5 a Sacramento, i Warriors dovevano mettere alle calcagna i Kings.

Ecco perché è una parte immediata della storia dei Warriors: Draymond si è offerto volontario per un posto in panchina, Curry ha accettato di uscire dalla panchina per le prime quattro partite dopo che Andre Iguodala ha perso il suo posto da titolare all’inizio dell’era Kerr. Si è infortunato nella serie dello scorso anno a Denver ed è stato fuori dalla formazione per il resto della sua folle carriera da yo-yo.

I guerrieri lo hanno sempre fatto in quest’epoca. Decidi cosa devi fare per vincere la prossima partita. Allora fallo. Il vertice informale Curry-Draymond è un altro esempio di come agiscono quando devono assolutamente farlo.

READ  LeBron James passerà alla maglia numero 23 in onore del compianto Phil Russell

“Non è niente di nuovo”, mi ha detto Curry dopo la conferenza stampa post-partita della sua sessione di strategia. “Abbiamo sempre quelle conversazioni. Nei playoff, è un po’ divertente cercare di capire i pezzi degli scacchi di una certa serie. Ma (prima) di Gara 4 nel 2015 al Memphis Barbecue Spot, abbiamo sempre quelle conversazioni.

Immediatamente dopo che i Warriors hanno perso Gara 3 contro i Grizzlies e sono rimasti in svantaggio per 2-1, Curry si riferiva alla sua cena immaginaria per liberare la mente al Blues City Cafe con Draymond, David Lee e Festus Ezeli. Successivamente, i Warriors hanno spazzato via le tre partite successive per vincere il loro primo titolo dell’era.

Nessuno sa come se la caveranno i Warriors nel resto della serie o nella postseason, ma se Curry è una leggenda di Blues City, è successo qualcosa di importante quando lui e Draymond si sono incontrati dopo Gara 3. Draymond e Curry, quindi è importante per ogni parte dell’universo di Warriors.

La battaglia di Draymond con l’ufficio della lega, i Warriors che cadono 2-0, poi vengono spazzati via in casa in Gara 3, la consapevolezza che una sconfitta in questa serie potrebbe essere l’inizio della fine di questa dinastia. gruppo. Quindi Draymond è dovuto tornare nell’arena per incontrare Curry. Due futuri Hall of Famers dovevano continuare così.

“Non credo che a quel punto sia stata presa una decisione, ma sembrava relativamente entusiasta di ciò che ha visto in termini di cambiamenti che potremmo fare stasera”, ha detto Curry. “Penso che sia stato difficile per lui reprimere quell’energia; so che gli è mancato il coming out. Ma gli ha anche dato un’opportunità diversa all’interno della serie che lo ha aiutato.

Dopo che Draymond e Curry hanno deciso che probabilmente era una buona idea, Draymond è andato nell’ufficio di Kerr quella notte e gli ha detto che sarebbe andato bene se Kerr avesse voluto tenere Draymond fuori dalla formazione titolare di domenica. Kerr acconsentì. E l’azione è stata presa.

“Ho pensato che fosse la cosa giusta da fare, e ho pensato che Steph fosse la cosa giusta da fare”, ha detto domenica Draymond. “Voglio dire, penso che il numero 1, ed è quello che siamo sempre stati. Ci sono ragazzi in questa squadra che sono seriamente intenzionati a vincere e alla squadra, e se sei un ragazzo che non lo è, esci come un pollice dolorante perché questa è la cultura qui.

READ  La maggior parte dei paesi del G20 condanna la Russia per la guerra, la Cina rimane in silenzio

“Quindi, per me, è una cosa molto facile. Abbiamo vinto (Gioco 3) molto facilmente. Entrerai dalla porta dicendo: ‘Ragazzi, sono tornato, ecco il mio posto’, sai, quando Mi sono seduto e ho guardato quella partita, ho pensato che fosse fantastico, ho pensato che fosse chiaro come il giorno, ho pensato di poterlo vedere da un miglio di distanza, letteralmente, un miglio di distanza.

Cosa stava pensando Kerr quando Draymond ha fatto la raccomandazione?

“Non mi sorprende perché so che in fondo Draymond vuole vincere”, ha detto Kerr. “Tutta la sua passione e passione e tutto ciò che si impegna con il campionato o l’avversario o gli arbitri, proviene da un luogo di desiderio competitivo. È uno dei più grandi concorrenti che abbia mai visto. È uno dei giocatori più intelligenti che io’ sono stato in giro.

“Non mi ha sorpreso perché ha riconosciuto la stessa cosa che ho fatto io, il che ha reso tutto molto più semplice. È entrato e l’ha suggerito, il che ha reso tutto molto più semplice, e poi partiamo da lì. … Collaboriamo sempre. Il le decisioni che prendiamo stanno lavorando con i nostri giocatori chiave…. Steph è uscito dalla panchina. – Quattro partite contro Denver l’anno scorso. (Andrew Wiggins) è uscito dalla panchina in gara 1. Fai quello che devi fare, e pensavo che Draymond avesse un ottimo secondo tempo.

Nella seconda metà, Draymond è stato anche incaricato di proteggere De’Aaron Fox, il miglior giocatore dei Kings nella serie. Dopo aver segnato 21 punti su 9 tiri su 16 nel primo tempo, Fox ha effettuato solo 5 tiri su 15 nel secondo tempo. Draymond non ha fermato completamente Fox, ma nessuno lo farà. È un aspetto diverso, ha detto Kerr, e sa che Draymond adorerà la sfida.

Ora i Warriors devono decidere come gestire la situazione in Gara 5 e oltre. Kerr probabilmente riporterà Draymond nella formazione titolare per il resto della postseason, ma i Warriors sono 0-2 nella serie con Draymond nella formazione titolare e ora 2-0 per iniziare le partite con Poole in quel punto. . (Ovviamente, entrambe le sconfitte sono state a Sacramento ed entrambe le vittorie sono state al Chase Center.)

READ  L'OMS Cancer Hand considera l'aspartame un "probabile cancerogeno"; Il limite di consumo non cambierà

La mia ipotesi: Draymond e Looney inizieranno gara 5 insieme, con Poole in panchina, ma forse sostituzioni rapide se le cose iniziano ad andare male per i Warriors.

Kerr, naturalmente, non dirà cosa farà in Gara 5. E Draymond ha detto che andrà bene qualunque cosa Kerr decida: ha detto di aver giocato 31 minuti (con 12 punti, 10 rimbalzi e 7 assist) nel gioco. 4, comunque.

“Se è quello che pensa l’allenatore, è quello che funziona, assolutamente”, ha detto Draymond. “Dovrò andare a vedere un film e vedere come va a finire durante questa partita. Ma se va bene, va bene, non sono preoccupato. Giocherò la stessa quantità di minuti che faccio normalmente, non non importa. Questa è la mia mentalità.

In questo senso, Draymond è stato fischiato (insieme a Fox) per un fallo tecnico nel primo quarto per aver abbaiato a soli 55 secondi dal suo primo check-in. Era la sua prima azione da quando era stato espulso in gara 2 per fallo flagrante e poi squalificato.

Il problema tecnico per eccesso di velocità è stato un messaggio per tutti coloro che stavano guardando? Beh si.

“Sono ancora qui. … Ancora qui, nessun tecnicismo mi sposterà dalla mia piazza”, ha detto Draymond. “Sai, Fox ha sentito il bisogno di difendere il suo ragazzo. Rispetto quello. Lo rispetto al 100 percento. Ma sono ancora qui e niente mi ha cambiato. È così da 33 anni. Prego di poter essere così per altre 33 persone, e non si tratta solo di basket. Arriva alla fine. Ma quello che sono io, tutto il resto è.

Se Draymond salta di nuovo una partita, cosa che ha già detto accadrà quasi sicuramente, guarderà attentamente la partita. Dopodiché scappa a parlare con Curry e gli altri. Poi dirà quello che pensa. Troverà una strategia. Ciò include lui che inizia la partita successiva. Potrebbe non esistere. E di solito è intelligente. Di solito è quello che fa Steve Kerr. E molto probabilmente vinceranno i Warriors.

Programma TK: Vai alla pagina del podcast di Tim Kawakami Mela, Spotify E Atletico Processore.

(Foto: Ezra Shaw / Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *