Le esportazioni cinesi scendono al minimo di tre anni mentre l’economia globale rallenta

PECHINO, 13 luglio (Reuters) – Le esportazioni cinesi sono diminuite il mese scorso al ritmo più veloce dall’inizio della pandemia di COVID-19 tre anni fa, mentre l’economia globale vacillante esercita maggiore pressione sui politici cinesi per nuove misure di stimolo.

La ripresa post-pandemica della Cina è rallentata dopo una vivace ripresa nel primo trimestre, con gli analisti che ora abbassano le loro previsioni per l’economia per il resto dell’anno mentre la produzione industriale diminuisce a fronte di una domanda globale persistentemente debole.

Le esportazioni in uscita dalla seconda economia più grande del mondo sono diminuite del 12,4% peggio del previsto a giugno, secondo i dati dell’Ufficio delle dogane cinese, dopo un calo del 7,5% a maggio.

Le importazioni sono diminuite del 6,8%, più ripide del calo previsto del 4,0% e del 4,5% del mese precedente.

Grafica Reuters

“Il calo della domanda globale di materie prime continuerà a pesare sulle esportazioni”, ha affermato Jichun Huang, economista cinese di Capital Economics.

“Ma la buona notizia è che il peggior crollo della domanda estera è già alle nostre spalle”, ha aggiunto.

Grafica Reuters

Nei commenti in una conferenza stampa a Pechino, LV Daliang, portavoce dell’Amministrazione generale delle dogane, ha attribuito la scarsa performance delle esportazioni alla “debole ripresa economica globale, al rallentamento del commercio e degli investimenti globali e all’aumento dell’unilateralismo, del protezionismo e della geopolitica”.

Le esportazioni verso gli Stati Uniti, una destinazione chiave per le merci cinesi, sono diminuite drasticamente tra i suoi principali partner commerciali nella prima metà dell’anno a causa dell’aumento delle tensioni diplomatiche sulla tecnologia dei chip e su altre questioni, mentre le esportazioni verso la Russia sono aumentate notevolmente. Da un livello normale.

READ  MotoGP Misano: un'emozionante tappa italiana nel campionato di motomondiale

Con le esportazioni che rappresentano un quinto dell’economia e un terzo del settore immobiliare, le prospettive della Cina di una rapida ripresa dopo che i blocchi legati al Covid hanno colpito l’economia nel 2022 si sono attenuate.

Il governo ha fissato un obiettivo di crescita del PIL di circa il 5% per quest’anno, dopo aver mancato gravemente l’obiettivo dell’anno scorso.

“Le esportazioni deboli e la pressione deflazionistica si aggiungeranno alle richieste di stimolo, ma non credo che il livello di sostegno sarà enorme”, ha affermato Sue Tianchen, economista senior presso l’Economist Intelligence Unit.

“Ciò è dovuto ai vincoli fiscali del governo, che richiede loro di prendere in prestito di più per finanziare grandi spese”, ha aggiunto.

Pressione per la stimolazione

Il premier cinese Li Keqiang, entrato in carica a marzo, ha promesso misure politiche per stimolare la domanda e stimolare i mercati, ma sono state annunciate poche misure concrete e gli investitori stanno diventando impazienti.

Lo yuan cinese è sceso rispetto al dollaro dopo la pubblicazione dei dati, ma gli analisti hanno affermato che un’ulteriore debolezza della valuta è improbabile poiché gli investitori hanno messo gli occhi sulla riunione del Politburo del mese prossimo e su qualsiasi potenziale mossa sullo stimolo economico.

“La grande domanda è se la domanda interna si riprenderà senza ulteriori stimoli nei prossimi mesi”, ha affermato Shiwei Zhang, capo economista di Pinpoint Asset Management.

L’attività delle fabbriche in Cina è diminuita negli ultimi mesi, mentre i prezzi al consumo hanno oscillato sull’orlo della deflazione a giugno ei prezzi alla produzione sono scesi al ritmo più veloce in oltre sette anni.

READ  La banda dei gioielli di Dresda è stata condannata ad anni di prigione

Le importazioni cinesi di semiconduttori sono diminuite del 13,6% a giugno, più lentamente del calo del 15,3% registrato a maggio, ma indicando una minore propensione tra i produttori cinesi per i componenti da riesportare in prodotti finiti.

Anche la domanda di materie prime ha mostrato segni di debolezza poiché le importazioni di rame sono diminuite del 16,4% a giugno rispetto all’anno precedente.

Rapporto di Joe Cash ed Ellen Zhang; Montaggio di Edmund Claman

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Joe Cash copre gli affari economici della Cina, la politica fiscale e monetaria interna, i principali indicatori economici, le relazioni commerciali e il crescente impegno della Cina con i paesi in via di sviluppo. Prima di entrare a far parte di Reuters, ha lavorato alla politica commerciale del Regno Unito e dell’UE nella regione Asia-Pacifico. Joe ha studiato cinese all’Università di Oxford e Mandar…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *