La FTC sta impugnando una sentenza che ha consentito a Microsoft di acquistare Activision Blizzard

Secondo la Federal Trade Commission (FTC). È impressionante Una recente ordinanza del tribunale federale degli Stati Uniti ha spianato la strada a Microsoft per l’acquisto di Activision Blizzard. La FTC ha presentato un ricorso contro la decisione del giudice Jacqueline Scott Corley, ma non conosceremo le argomentazioni dell’autorità di regolamentazione fino a quando l’appello completo non sarà presentato alla Corte d’Appello del Nono Circuito.

Microsoft ha vinto un’aspra battaglia con la FTC all’inizio di questa settimana, quando un giudice federale ha negato la richiesta del regolatore statunitense di un’ingiunzione preliminare. “La corte ritiene che la FTC non abbia dimostrato una probabilità di successo sulla sua affermazione secondo cui questa particolare fusione verticale ridurrebbe sostanzialmente la concorrenza in questo particolare settore”, ha scritto il giudice Corley nella sentenza. “Piuttosto, le prove documentali indicano un maggiore accesso dei consumatori .” Call of Duty e altri contenuti di Activision.”

Se l’ingiunzione preliminare fosse stata concessa, avrebbe temporaneamente impedito a Microsoft di chiudere il suo accordo con Activision Blizzard in attesa dell’esito del procedimento amministrativo della FTC contro la società. Quella sfida legale separata dovrebbe ancora iniziare il 2 agosto.

Ora che la FTC ha scelto di presentare ricorso contro la decisione del giudice Corley, la Corte d’Appello del Nono Circuito deve concedere una sospensione d’emergenza per estendere l’attuale Ordine di restrizione temporanea (TRO), che scade alle 23:59 PT di venerdì luglio. 14. Non è chiaro se la corte d’appello si pronuncerà prima della scadenza del contratto del 18 luglio, lasciando la porta aperta a Microsoft per chiudere l’accordo con Activision Blizzard lunedì o martedì senza un’ingiunzione.

READ  Le azioni salgono sull'accordo sul tetto del debito degli Stati Uniti, ma la Cina si trascina

Dopo che il regolatore ha bloccato l’accordo all’inizio di quest’anno per problemi legati al cloud, Microsoft deve ancora risolvere i problemi dell’Autorità per la concorrenza e i mercati (CMA) del Regno Unito con la sua acquisizione prima della chiusura. Microsoft e CMA hanno entrambi annunciato immediatamente martedì di aver accettato di sospendere le loro battaglie legali per negoziare dopo la sentenza del giudice Corley.

In una dichiarazione a sorpresa di mercoledì, la CMA ha avvertito che l’offerta di Microsoft di rinegoziare il suo accordo “potrebbe portare a una nuova indagine sulla fusione” e che i negoziati tra l’autorità di regolamentazione e Microsoft erano ancora in una “fase iniziale”.

Un rapporto da CNBC Inizialmente si diceva che Microsoft e CMA avessero concordato una “separazione minore” per affrontare i problemi di cloud gaming, ma in seguito è stato corretto per chiarire che Microsoft aveva offerto solo una “separazione minore e discreta” che la CMA non ha accettato. CNBC Non ha spiegato cosa comporterebbe tale partenza, ma tale scenario sarebbe specifico per il Regno Unito e potrebbe includere modifiche ai servizi di cloud gaming Xbox di Microsoft nella regione.

L’accordo di Microsoft con l’UE include un accordo chiave che include licenze gratuite per i consumatori nei paesi dell’UE, consentendo loro di trasmettere in streaming tutti i giochi per PC e console Activision Blizzard attuali e futuri attraverso “i servizi di streaming di giochi cloud di loro scelta”. I fornitori di servizi cloud riceveranno anche una licenza gratuita per lo streaming di questi giochi.

Tutti gli occhi sono ora rivolti alla Corte d’Appello del Nono Circuito e al potenziale accordo di Microsoft con la CMA nel Regno Unito.

READ  Strada rialzata di Baltimora crollata: arriva un'enorme gru per sollevare 4.000 tonnellate di detriti appesi alla nave mercantile

Correzione 12 luglio, 19:33 ET: Sulla base di un rapporto della CNBC, questo articolo originariamente affermava che Microsoft e CMA avevano concordato una “cessione di quote minori”. Da allora CNBC ha corretto il suo articolo, affermando che Microsoft ha fatto l’eccezione senza dire che la società ha accettato la modifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *