Mentre l’Iran attacca Israele, Biden affronta la crisi in Medio Oriente che voleva evitare.

Adam Schultz/La Casa Bianca

Il presidente Joe Biden incontra i membri del Consiglio di sicurezza nazionale nella Situation Room della Casa Bianca sabato 13 aprile 2024, in merito agli attacchi missilistici contro Israele dall'Iran. Alcune parti di questa foto manuale sono sfocate dalla fonte.



CNN

Per il presidente Joe Biden, a Israele è stato attaccato dal suolo iraniano Si tratta di uno scenario che ha cercato di evitare fin dall’inizio dell’attuale conflitto in Medio Oriente.

Le rappresaglie aumentano il rischio di un conflitto regionale più ampio che potrebbe provenire direttamente dagli Stati Uniti, insieme ad altri paesi.

Hanno messo Biden – ancora una volta – nella posizione vulnerabile di promettere un fermo sostegno a Israele mentre cercavano di prevenire una nuova fiammata con gli Stati Uniti.

Non so cosa verrà dopo. Nel periodo immediatamente successivo agli attacchi iraniani, i funzionari statunitensi hanno riconosciuto che stavano entrando in un territorio inesplorato e la portata degli attacchi iraniani inizialmente non era chiara. Un punto interrogativo significativo è come i delegati potrebbero unirsi agli sforzi iraniani per prendere di mira Israele, aggiungendo un nuovo livello di imprevedibilità. Poiché i piani di risposta di Israele sono ancora in fase di sviluppo, ci si aspetta che i funzionari dell’amministrazione Biden continuino a consigliare le loro controparti israeliane, con in mente il desiderio di contenimento.

Biden opera anche all’interno di un sistema politico difficile Anno elettorale, ponendo maggiore enfasi sui suoi prossimi risultati. Un'esplosione di Guerra Israele-Hamas Ciò ha ferito Biden in patria il 7 ottobre, erodendo il suo sostegno nei collegi elettorali chiave mentre si rifiutava di chiedere un cessate il fuoco permanente a Gaza.

READ  Corrispondente di KTLA Entertainment 64

Uno dei motivi per cui Biden è tornato di corsa alla Casa Bianca dalla sua casa sulla spiaggia nel Delaware sabato pomeriggio è stata la natura immediata dell'attacco, ha detto un funzionario, con una stanza appositamente attrezzata per monitorare gli eventi in tempo reale.

I funzionari dell'amministrazione hanno considerato gli attacchi dell'Iran contro Israele sabato come sproporzionati rispetto agli attacchi israeliani a Damasco, provocando ritorsioni, ha detto un funzionario americano alla CNN.

Quel commento è stato un fattore chiave nelle discussioni della Casa Bianca sui prossimi passi durante la giornata, poiché Biden rimane determinato a prevenire lo scoppio di un conflitto regionale su vasta scala.

Si riconosce anche che ciò che Israele farà in risposta dipende da una valutazione completa dei danni, comprese le potenziali vittime, quindi il consiglio dell’amministrazione Biden a Israele dipende da un quadro mirato, ha aggiunto il funzionario.

Biden e il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu hanno parlato sabato sera, così come il segretario alla Difesa Lloyd Austin e il suo omologo, Yoav Galland, e i due governi rimarranno in stretto contatto nelle prossime ore e nei prossimi giorni.

Dopo che gli attacchi israeliani in Siria hanno ucciso i massimi comandanti iraniani, i funzionari statunitensi hanno osservato l’Iran prepararsi per un grande attacco contro Israele. Mentre gli Stati Uniti si consultano strettamente con Israele per capire come, quando ed esattamente dove l’Iran potrebbe reagire, i funzionari dell’amministrazione non hanno completamente escluso che l’Iran cerchi di attaccare all’interno di Israele e personale e risorse statunitensi nella regione.

Un alto funzionario dell'amministrazione ha detto che c'era una “situazione peggiore” nei giorni precedenti gli attacchi iraniani di sabato, che hanno scatenato un attacco iraniano diretto contro Israele e un conflitto stato per stato. Le conseguenze immediate dell’attacco del 7 ottobre da parte di Hamas hanno rappresentato l’inizio di un conflitto regionale più ampio che gli Stati Uniti hanno lavorato per prevenire.

READ  Putin afferma che la Russia porrà fine alle armi nucleari tattiche in Bielorussia: NPR

Nonostante le continue tensioni con Netanyahu sulla guerra a Gaza, Biden e i suoi massimi esponenti hanno cercato nell’ultima settimana di ridurre ogni spiraglio tra Stati Uniti e Israele quando si tratta della difesa di Israele contro l’Iran.

Alcune ore prima che l’Iran lanciasse il suo attacco, il segretario alla Difesa americano e il consigliere per la sicurezza nazionale hanno parlato con le loro controparti in Israele per ribadire tale sostegno. La settimana scorsa, il generale Eric Guerrilla, comandante del Comando Centrale degli Stati Uniti, stava discutendo con i funzionari le eventualità in vista dell’atteso attacco.

Biden ha mantenuto la promessa di venerdì che “gli Stati Uniti rimarranno impegnati nella difesa di Israele”, con funzionari della difesa che hanno detto alla CNN che sabato le forze armate statunitensi hanno intercettato con successo alcuni missili iraniani.

Funzionari che hanno familiarità con la questione hanno affermato che i colloqui sui preparativi per un attacco iraniano e sul coordinamento della risposta hanno implicitamente incoraggiato il governo israeliano a non permettere che la situazione sfuggisse al controllo se la risposta dell'Iran fosse stata di natura limitata.

Gli Stati Uniti hanno avvertito pubblicamente e privatamente l’Iran di un’ulteriore escalation della crisi e hanno esercitato pressioni sugli alleati europei e arabi affinché usassero le proprie forze per trasmettere messaggi simili a Teheran.

Quando i piani dell’Iran di attaccare Israele divennero chiari, i funzionari statunitensi valutarono che Teheran non stava cercando uno scontro diretto con gli Stati Uniti. In vista dell’attacco dei droni di sabato da parte dell’Iran, i funzionari statunitensi hanno affermato di non prevedere obiettivi che coinvolgano le forze statunitensi nella regione.

READ  L'introduzione di Victor Wembaniama alla fama e allo sport NBA a Las Vegas

Si è trattato di un passaggio dal conflitto, quando le milizie filo-iraniane hanno ripetutamente attaccato le truppe statunitensi in Medio Oriente, incluso un attacco che ha ucciso tre americani di stanza in Giordania. Dopo la risposta degli Stati Uniti, gli attacchi da parte degli iraniani sono diminuiti.

Ma la tensione tra Iran e Israele non si è allentata. Senza linee di comunicazione dirette tra i due paesi, aumenta il rischio di errori di calcolo.

Oren Liebermann della CNN ha contribuito al reportage.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *