Microsoft scatenerà un’ondata di computer basati sull’intelligenza artificiale?

la settimana scorsa, Microsoft Introdotta una linea di personal computer predisposti per l’intelligenza artificiale (AI).

Nuove scoperte di Morgan Stanley – oggetto di un rapporto di domenica (26 maggio) di Seeking Alpha – in cui si sostiene che il lancio del gigante della tecnologia potrebbe portare a un limite. La nuova ondata di vendite di PC.

“Crediamo che il mercato dei PC aziendali sarà il primo ad adottare i PC AI Commercializzati principalmente come strumenti di produttività”, afferma il rapporto Morgan Stanley.

Il rapporto cita diversi fattori che potrebbero accelerare le vendite di PC nella seconda metà di quest’anno e nel 2025: un prezzo iniziale di 1.000 dollari o più, una base installata di PC aziendali più grande del 13% rispetto a prima della pandemia e l’imminente Windows 10. Rilassarsi.

Secondo Morgan Stanley, il 75% dei CIO in Europa e negli Stati Uniti sta valutando o pianificando di valutare i PC AI. Le previsioni iniziali della banca sui PC AI prevedono che i nuovi PC rappresenteranno il 2% del totale dei PC quest’anno prima di salire al 64% entro il 2028.

Come ha scritto PYMNTS la scorsa settimana, i nuovi “Copilot+ PC” di Microsoft – una nuova iterazione di macchine Windows progettate per gestire processi di intelligenza artificiale sviluppati internamente – mostrano ciò su cui l’azienda scommette è il futuro dell’informatica. Alimentato dall’intelligenza artificiale – e gli utenti vogliono che l’intelligenza sia a portata di mano anziché nel cloud.

Sviluppati in collaborazione con produttori di chip e produttori di apparecchiature originali (OEM), questi PC basati sull’intelligenza artificiale sono dotati di unità di elaborazione neurale in grado di fornire fino a 40 Tera Operations al secondo, 16 GB di RAM e 256 GB di spazio di archiviazione.

READ  Da Twitter a X: Elon Musk si propone di distruggere un marchio Internet iconico

Come accennato in questo articolo, il passaggio all’elaborazione locale dell’intelligenza artificiale sui personal computer rappresenta un cambiamento importante nel settore. Man mano che le applicazioni IA crescono sempre di più, aumenta la necessità di risolvere tali problemi Privacy dei dati e colli di bottiglia prestazionali associati all’implementazione basata su cloud. Dotando i personal computer di hardware specializzato per attività di intelligenza artificiale, Microsoft spera di fornire agli utenti un’esperienza informatica più sicura ed efficiente.

“Tuttavia, resta da vedere quanto bene queste macchine funzioneranno negli scenari del mondo reale e se giustificheranno i costi più elevati associati all’hardware avanzato”, ha scritto PYMNTS.

Nel frattempo, amministratore delegato di Microsoft Satya Nadella La scorsa settimana, respingendo l’idea di assistenti IA di tipo umano, Bloomberg ha dichiarato alla TV: “Non mi piace. IA antropogenica. Credo che sia uno strumento.

In effetti, pensa che il termine “intelligenza artificiale” sia un termine improprio.

“Vorrei che l’avessimo chiamata ‘intelligenza differenziale'”, ha detto Nadella. “Perché ho la mia conoscenza. Non ho bisogno di alcuna intelligenza artificiale.

Per tutta la copertura PYMNTS AI, iscriviti a Daily Newsletter dell’AI.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *