ONU Il Consiglio di Sicurezza ha approvato una risoluzione che chiede il cessate il fuoco a Gaza

Titolo del video,

GUARDA: Momento in cui l'ONU approva la risoluzione per il cessate il fuoco a Gaza

ONU Il Consiglio di Sicurezza ha chiesto un cessate il fuoco immediato a Gaza, senza che gli Stati Uniti abbiano posto il veto sulla mossa, in contrasto con la sua posizione precedente.

Ha inoltre chiesto il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi.

Era la prima volta che il consiglio chiedeva un cessate il fuoco dall'inizio della guerra in ottobre, dopo ripetuti tentativi falliti.

La mossa degli Stati Uniti segna una spaccatura crescente tra loro e il loro alleato Israele sull'offensiva israeliana su Gaza.

Con una condanna insolitamente forte, una dichiarazione dell'ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu afferma che gli Stati Uniti hanno “abbandonato” la loro posizione precedente.

“Purtroppo gli Stati Uniti non hanno posto il veto alla nuova risoluzione”, si legge.

Il rapporto afferma che ciò ha minato gli sforzi per liberare gli ostaggi dando ad Hamas la speranza di poter usare la pressione internazionale su Israele per raggiungere un cessate il fuoco senza rilasciare i prigionieri.

Si afferma inoltre che Netanyahu ha deciso di annullare gli incontri tra rappresentanti israeliani e funzionari statunitensi previsti per questa settimana a Washington.

Il ministro della Difesa israeliano afferma che la guerra non finirà lì poiché a Gaza vengono tenuti ostaggi.

Riyad Mansour, il rappresentante palestinese presso le Nazioni Unite, ha accolto con favore la risoluzione ma ha affermato che era attesa.

“Ci sono voluti sei mesi, 100.000 palestinesi uccisi e mutilati, due milioni di sfollati e di carestia, perché questo consiglio chiedesse finalmente un cessate il fuoco immediato”, ha detto Mansour.

Hamas, il gruppo islamico palestinese che governa Gaza, ha scatenato la guerra il 7 ottobre con un attacco senza precedenti contro Israele. Si è detta pronta a “impegnarsi in un immediato processo di scambio di prigionieri che porti al rilascio dei prigionieri di entrambe le parti”.

Il gruppo ha condizionato il rilascio degli ostaggi alla condizione che Israele rilasci i palestinesi nelle carceri israeliane.

Nella votazione di lunedì al Consiglio di Sicurezza gli Stati Uniti si sono astenuti, mentre i restanti 14 membri hanno votato a favore.

Gli Stati Uniti hanno precedentemente bloccato le risoluzioni che chiedono un cessate il fuoco, affermando che tale mossa sarebbe sbagliata, mentre sono in corso delicati negoziati tra Israele e Hamas per un cessate il fuoco e il rilascio degli ostaggi.

Ma giovedì ha presentato la propria bozza, che chiede per la prima volta un cessate il fuoco, segnalando un inasprimento della sua posizione nei confronti di Israele.

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Kirby, ha affermato che la decisione degli Stati Uniti di consentire l'approvazione della risoluzione non significa “un cambiamento nella nostra politica”. Gli Stati Uniti hanno sostenuto il cessate il fuoco ma non hanno votato a favore della risoluzione perché il testo non condanna Hamas.

Intervenendo in una conferenza stampa dopo l'approvazione della risoluzione, Kirby ha dichiarato: “Siamo molto chiari, siamo molto impegnati a sostenere un cessate il fuoco come parte dell'accordo sugli ostaggi. Questo è il modo in cui è strutturato l'accordo sugli ostaggi. La risoluzione riconosce l'attuale negoziati.”

Il segretario generale dell'ONU Antonio Guterres ha affermato che la risoluzione “deve essere attuata” per il cessate il fuoco e il “rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi”.

didascalia dell'immagine,

Gli Stati Uniti hanno fatto pressioni su Israele affinché fornisse aiuti a Gaza, dove affermano che tutta la sua popolazione soffre di insicurezza alimentare.

Mark Lyall-Grant, che è stato ambasciatore britannico presso le Nazioni Unite dal 2009 al 2015, ha dichiarato al programma 16:00 della BBC Radio che la risoluzione ora “obbliga Israele, essenzialmente, a fermare la sua campagna militare per i prossimi 15 giorni” – il resto dei musulmani mese sacro del Ramadan, che il testo prevede come cessate il fuoco.

Poiché l'Autorità Palestinese non è uno Stato, il testo è giuridicamente vincolante per Israele, ma non per Hamas, ha affermato.

Gli Stati Uniti sono stati precedentemente accusati di usare il loro potere di veto per proteggere Israele alle Nazioni Unite.

Tuttavia, Israele è stato sempre più critico nei confronti del crescente bilancio delle vittime a Gaza, dove più di 32.000 persone – principalmente donne e bambini – sono state uccise dai bombardamenti israeliani, secondo il ministero della sanità locale gestito da Hamas.

Gli Stati Uniti hanno spinto Israele a fare di più per fornire aiuti a Gaza, dove dicono che l’intera popolazione soffre di grave insicurezza alimentare.

ONU Israele accusato di aver bloccato gli aiuti; Israele ha accusato l’ONU di non aver consegnato i rifornimenti.

L’attuale guerra è scoppiata dopo che uomini armati di Hamas sono entrati nel territorio e hanno attaccato le comunità israeliane, uccidendo circa 1.200 persone e prendendo 253 ostaggi a Gaza, secondo i calcoli israeliani.

Di quelli sequestrati, 130 rimangono dispersi a seguito di una serie di rilasci, salvataggi e recupero di corpi.

Sebbene Israele abbia deciso di annullare la visita della sua delegazione a Washington prevista per questo fine settimana in seguito alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza, gli incontri previsti tra il Ministro della Difesa israeliano Yoav Galand e il Consigliere per la Sicurezza Nazionale statunitense Jack Sullivan andranno avanti come previsto, ha affermato Kirby.

“Non vediamo l'ora di chiarire al ministro della Difesa che gli Stati Uniti continuano a stare dalla parte di Israele contro Hamas”, ha detto lunedì in una conferenza stampa.

READ  Mercato azionario oggi: aggiornamenti in tempo reale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *