Una sala per banchetti con dipinti conservati scoperti tra le rovine di Pompei | Italia

Tra le rovine di Pompei è stata scoperta una sala per banchetti ricca di affreschi ben conservati raffiguranti personaggi ispirati alla guerra di Troia, descritta come una delle scoperte più straordinarie mai fatte in un sito archeologico dell'Italia meridionale.

La camera lunga 15 metri e larga sei è stata scoperta in un'ex residenza privata sulla Via di Nola, la strada più lunga dell'antica Pompei, durante gli scavi nell'area Regio IX del sito.

Il colore delle sue pareti, conosciute come la “stanza nera”, potrebbe essere stato destinato a nascondere il calore delle lampade a olio accese, hanno detto gli esperti, aggiungendo che si trattava di un “ambiente raffinato per intrattenersi in momenti intimi”.

Scoperta a Pompei la “Stanza Nera”. Foto: Parco Archeologico di Pompei/Reuters

Le sue pareti sono decorate con opere d'arte raffiguranti personaggi mitologici greci, tra cui Elena di Troia Paride, che incontra per la prima volta il principe di Troia. Il murale presenta un cane e un'iscrizione greca che recita “Alexandros”, un altro nome del principe. Secondo la leggenda greca, la fuga della coppia scatenò la guerra di Troia nel XII secolo a.C.

Un altro dipinto raffigura il dio greco Apollo che cerca di corteggiare la sacerdotessa Cassandra. Nel tentativo di corteggiarla, Apollo le diede il potere di predire il futuro, ma quando lei lo rifiutò lui la maledisse affinché nessuno credesse alle sue previsioni. Di conseguenza, non riuscì a superare i tragici eventi di una guerra che aveva profetizzato. Dopo essere stata violentata durante la presa di Troia, Cassandra finì ridotta in schiavitù.

Gabriel Zuchtriegel, direttore del Parco Archeologico di Pompei, ha affermato che le figure mitologiche avevano l'ovvia funzione di intrattenere gli ospiti e fornire spunti di conversazione durante i banchetti.

READ  Il ministro del governo Mark Harper nega che i conservatori abbiano un problema razziale

“Le coppie mitiche forniscono idee per conversazioni sui tempi passati e sulla vita, che sono di natura puramente romantica”, ha detto. “Si riferiscono infatti al rapporto tra l'individuo e il destino: Cassandra che vede il futuro, ma nessuno le crede, Apollo che sostiene i Troiani contro gli invasori greci, ma essendo un dio non può garantire la vittoria, Elena e Paride nonostante la loro storia d'amore politicamente scorretta, che potrebbe causare una guerra o potrebbe essere una scusa.

Ha aggiunto: “Le persone si incontrano per cenare dopo il tramonto; La luce tremolante delle luci aveva l'effetto di far sembrare le immagini in movimento, soprattutto dopo qualche bicchiere di buon vino Compagnon.”

Nella “Stanza Nera” è stato scoperto un dipinto. Foto: Parco Archeologico di Pompei/Reuters

Le opere appartengono al “Terzo Stile” o Stile Decorato e sono datate tra il 15 aC e il 40-50 dC.

“La qualità è sempre difficile da giudicare, ma ciò che vediamo è una grande attenzione ai dettagli, all'esposizione e alle ombre”, ha affermato Zuchtriegel. “È sorprendente quanto il titolo delle opere.”

Nel frattempo, il sofisticato pavimento a mosaico della stanza presenta più di un milione di minuscole tessere bianche.

Evita la pubblicità passata nelle newsletter

La stanza si apre su un cortile con una lunga rampa di scale che conduce al primo piano dell'immobile, al di sotto del quale si trova un grande materiale da costruzione. Sugli archi della scalinata qualcuno aveva disegnato a carboncino due coppie di gladiatori e quello che, secondo gli archeologi in un comunicato, “sembrava un enorme fallo stilizzato”.

Reggio IX, un quartiere della città che ospitava case e laboratori, ha prodotto numerose altre scoperte dall'inizio di febbraio dello scorso anno, tra cui una casa con uno stretto forno che si ritiene avesse ospitato persone schiavizzate. Sfruttato per fare il pane.

In una delle stanze del panificio sono stati ritrovati i resti di tre vittime dell'eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Su una parete del corridoio di casa è stato ritrovato un dipinto fisso somigliante ad una pizza. A dicembre, 13 statuette in stile presepe furono trovate in piedi su uno scaffale nel corridoio di una casa. Gli archeologi hanno affermato che le statue fornivano la prova che a Pompei si svolgevano rituali pagani prima che la città fosse distrutta dal Vesuvio.

“Pompei è davvero uno scrigno che non smette mai di sorprenderci e di stupirci, perché ogni volta che scaviamo troviamo qualcosa di bello e di straordinario”, ha affermato il Ministro dei Beni Culturali Gennaro Sangiuliano.

Le rovine di Pompei furono scoperte nel XVI secolo e i primi scavi iniziarono nel 1748. Pompei è il secondo sito archeologico più visitato al mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *