L’economia statunitense ha aggiunto 253.000 posti di lavoro in segno di forza del mercato del lavoro

La crescita dell’occupazione negli Stati Uniti è stata più forte del previsto ad aprile, mostrando la resilienza dell’economia anche se la Federal Reserve ha segnalato che si stava “avvicinando” alla pausa del suo ciclo di aumento dei tassi di interesse.

Il mese scorso gli Stati Uniti hanno aggiunto 253.000 posti di lavoro non agricoli, confondendo le aspettative di una recessione, secondo un rapporto del Bureau of Labor Statistics di venerdì.

Gli aumenti salariali principali sono stati parzialmente controbilanciati dalle revisioni al ribasso dei dati dei due mesi precedenti, ma i dati sul tasso di disoccupazione e sulla crescita salariale hanno indicato una continua tensione nel mercato del lavoro e hanno sollevato dubbi sul fatto che la banca centrale inizierà presto a tagliare i tassi di interesse. Come si aspettavano gli investitori.

I rendimenti dei Treasury a due anni sono balzati ai massimi della sessione dopo il rilascio dei dati, in linea con le aspettative sui tassi di interesse. È salito dello 0,15% al ​​3,94% nel corso della giornata. I trader nel mercato dei futures – che avevano valutato la possibilità di un taglio dei tassi di interesse a luglio prima del rapporto – hanno tagliato quelle scommesse.

“Questo rapporto dipinge il quadro di un mercato del lavoro riscaldato e non giustifica il taglio dei tassi”, ha affermato Eric Winograd, economista senior per il reddito fisso presso AllianceBernstein.

Il tasso di disoccupazione è sceso al 3,4% il mese scorso, rispetto alle stime di consenso del 3,6%. La crescita dei salari orari è aumentata dello 0,5% nel mese e del 4,4% nell’anno.

Il presidente della Fed di St Louis, James Bullard, ha affermato che il mercato del lavoro è ancora “molto teso” e la domanda richiederà tempo per allentarsi.

READ  In mezzo a una faida con DeSantis, la Disney incassa 1 miliardo di dollari per lo sviluppo

“Le voci sull’imminente fine dell’economia sono esagerate”, ha detto durante un evento venerdì. Ha aggiunto che la disoccupazione non ha bisogno di aumentare bruscamente per abbattere l’inflazione.

La crescita dei posti di lavoro ad aprile è stata particolarmente forte nei servizi professionali e alle imprese, mentre le assunzioni sono aumentate fortemente anche nei settori della salute, del tempo libero e dell’ospitalità.

Jack Janasiewicz, portfolio manager di Natixis Investment Managers, ha affermato che le assunzioni sono state forti nelle aree che hanno sofferto di carenza di manodopera per qualche tempo o sono meno sensibili dal punto di vista economico, mentre la crescita è stata debole nelle aree più sensibili ai tassi di interesse come la vendita al dettaglio e la produzione.

I salari sono un fattore chiave dell’inflazione, in particolare nel settore dei servizi, quindi gli economisti e gli investitori hanno osservato attentamente i segnali che i tassi di interesse più elevati stanno rallentando l’economia e riducendo l’inflazione.

I dati sono arrivati ​​dopo che mercoledì la Federal Reserve americana ha alzato il suo tasso di riferimento sui fondi federali al 5,25%, annunciando il suo decimo aumento consecutivo dei tassi di interesse. Il presidente della Fed Jay Powell ha affermato che il mercato del lavoro è “anormalmente teso” ma “ci sono alcuni segnali che la domanda e l’offerta… stanno tornando a un migliore equilibrio”.

I dati rilasciati all’inizio di questa settimana hanno supportato la valutazione di Powell, con le aperture di lavoro da aprile 2021 che sono scese a un livello molto inferiore al previsto. Tuttavia, le cifre di venerdì sono state l’ultimo promemoria che le pressioni inflazionistiche rimangono elevate.

READ  Mercato azionario oggi: aggiornamenti in tempo reale

Mercoledì Powell ha insistito sul fatto che ci vorrà del tempo prima che l’inflazione raggiunga l’obiettivo del 2% della Fed, ma gli investitori scommettono che la Fed taglierà i tassi, prima a luglio.

“Il mercato del lavoro è ancora resiliente: potresti argomentare che la crescita dei salari sta rallentando, ma non abbastanza velocemente… È ancora una probabilità bassa, ma non credo che tu possa cancellarlo e dire che altri aumenti sono completamente annullati tavolo”, ha detto Janacewicz.

Gli investitori esamineranno il rilascio di ulteriori rapporti economici la prossima settimana per determinare se la banca centrale seguirà con una pausa.

David Kelly, capo stratega globale di JP Morgan, ha affermato che sarebbe “molto sciocco da parte loro aumentare i tassi”, citando le sue preoccupazioni per un peggioramento della crisi bancaria. “Penso che siano stati sciocchi ad allevarli tanto quanto hanno fatto.”

L’indagine trimestrale della banca centrale sugli alti funzionari del credito prevista per lunedì fornirà informazioni su come il crollo di diverse banche regionali abbia influito sulla disponibilità a prestare altrove, mentre il rapporto sui prezzi al consumo di mercoledì indicherà se gli sforzi della banca centrale per controllare l’inflazione stanno dando i loro frutti.

“Se la banca centrale sorprende le persone a giugno [with a rate rise]È meno probabile che questa sia una reazione al numero dell’occupazione e più probabile che sia una reazione al numero dell’inflazione “, ha affermato David Donabedian, chief investment officer di CIBC Private Wealth.

“Continuiamo a pensare che a breve emergeranno condizioni di recessione [the] Seconda metà dell’anno. . . Ma il mercato sta scontando troppo velocemente per le dimensioni dell’attenzione della Fed”.

READ  I lavoratori di Amazon se ne vanno in mezzo ai licenziamenti citando preoccupazioni per il clima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *