Aggiungendo Fred VanVleet, gli Houston Rockets ottengono il loro leader

Segui le notizie e le analisi dell’agenzia gratuita da tutto il nostro staff NBA e iscriviti a The Bounce per ricevere i contenuti di basket direttamente nella tua casella di posta.


Quando i Rockets sono entrati in free agency venerdì pomeriggio armati di 64 milioni di dollari in cap, sono state delineate alcune intenzioni.

Per cominciare, c’era una naturale necessità di migliorare la squadra su più fronti. L’approccio alla ricostruzione di Houston ha prodotto giovani giocatori di talento come Jalen Green, Jabari Smith Jr., Darrie Eason e Alberon Sengun, ma mancava ancora qualcosa. Avendo vinto solo 59 partite nelle ultime tre stagioni, era chiaro che c’erano difetti da correggere.

Uno dei licenziamenti – una parte presumibilmente negoziabile delle conversazioni tra il nuovo allenatore Ime Udoka e l’ottone dei Rockets. La versatilità difensiva, un aspetto che manca gravemente, ne è un altro. Ma ancora più importante, Houston aveva bisogno di un playmaker. Richiedeva una presenza stabilizzatrice. Un capo. Un connettore.

Entra Fred VanVleet. Il playmaker 29enne ha raggiunto un accordo per firmare con Houston venerdì, hanno detto fonti del team Atletico. I Rockets hanno ottenuto il loro miglior obiettivo di free agent sul mercato e, cosa più importante, hanno ingaggiato un veterano nel punto più importante del basket e il loro apparente divario.

“Penso che sia una posizione di bisogno”, ha detto l’ex emittente ESPN Jeff Van Gundy Atletico Recentemente. “Hanno bisogno di un playmaker competitivo. Porterà le giuste esperienze, la tenacia e il fattore cura, che saranno fondamentali per ribaltare una franchigia che ha perso terreno in campionato negli ultimi tre anni.

READ  Jayson Tatum prende vita mentre i Celtics forzano Gara 7 contro Sixers

Le esibizioni offensive di Houston nelle ultime due stagioni, nonostante la presenza di una serie di giocatori con vantaggi e momenti qua e là, hanno mancato di coordinazione e controllo. Scambiare per Kevin Porter Jr. e arruolare Şengün per renderlo un portatore di palla leader sono stati i migliori tentativi dei Rockets di aumentare i compiti di regia. A volte, però, sembrava funzionare: il naturale altruismo e la visione di corte di Şengün combinati con la maestria sobria e avanzata di Porter. Ma come detto, quei momenti sono fugaci. I Rockets hanno operato in un pasticcio che era in gran parte colpa dell’ex capo allenatore Stephen Silas, ma era davvero un problema di roster.

Ora che VanVleet è all’ovile, i Rockets possono finalmente passare da una squadra che sceglie il miglior giocatore e inizia a mettere insieme i pezzi a una squadra che vuole migliorare rapidamente.

Da quando ha assunto l’incarico di capo allenatore, Udoka non ha perso tempo a rivedere lo staff. Ha trascorso molto tempo con i suoi nuovi giocatori, con entrambe le parti che parlano costantemente e imparano le tendenze.

Un tema ricorrente durante le settimane in free agency, il messaggio coerente dall’alto verso il basso, è stato trovare un ottimo ballhandler. Naturalmente, i Rockets hanno recentemente arruolato Amen Thompson di Overtime Elite al n. 4 Prescelto per selezione, giocatore atletico e difensivo che ricopre lo stesso ruolo. Ma Houston ha imparato dagli errori delle ultime due stagioni. Non c’era fretta o desiderio di gettare Thompson nel fuoco e vederlo badare a se stesso come a volte Green e Smith erano costretti a fare. Ora ha un grande mentore e un modello da osservare e da cui imparare mentre continua a sviluppare il proprio gioco.

READ  'Sii vigile': 3 anziani accoltellati a morte in casa Newton, nessun arresto

Una rapida occhiata alle statistiche di conteggio di VanVleet indicherebbe che ha avuto un anno negativo nel 2022-23, e lo ha fatto dal punto di vista delle riprese. Tuttavia, ha segnato una media di 7,2 assist a partita, il punteggio più alto della sua carriera, e la sua importanza nel mantenere a galla l’attacco di Toronto era indiscutibile: i Raptors erano quasi sette punti migliori con VanVliet sul pavimento per aver pulito il vetro, buono per il 92esimo percentile. . Dal punto di vista del gioco, ci sono solo una manciata di grandi portatori di palla. VanVleet è paziente ma veloce nel prendere decisioni. La sua risolutezza ha salvato una squadra di Raptors per lo più noiosa e la sua leadership in tribunale è stata stellare. Dall’altro lato della palla, VanVleet è uno dei migliori difensori in attacco nella sua posizione, un’impresa impressionante per una guardia sottodimensionata. Muove bene i piedi, ha grandi mani e anticipazione e, soprattutto, intelligenza. Farebbe miracoli per una squadra dei Rockets che ha bisogno di un lifting su quel lato del campo e si accoppierebbe bene con un capo allenatore a Udoka che sta sanguinando fermate difensive.

La presenza di VanVleet solleva istantaneamente il pavimento e il soffitto del giovane nucleo di Houston. Insieme al nuovo attacco di Udoka, che include più movimenti e palle perse dei giocatori, è prevista una migliore efficienza di cattura e tiro per giocatori come Green (35,1% la scorsa stagione), Smith (29,4%) e Porter (43,5%) in una partnership immediata. ) VanVliet dovrebbe accoppiarsi bene con Şengün, un omone con un alto QI

Ora inizia il divertimento. I Rockets sono ancora armati di ampio spazio sul tetto e hanno ancora intenzione di essere aggressivi sul mercato. Houston sta ancora inseguendo Dillon Brooks e Brook Lopez, affermano fonti della squadra e della lega, mentre continua a rinnovare il proprio elenco. Ma con il loro obiettivo principale ora al sicuro, i Rockets possono respirare un po’ più facilmente mentre cercano di tornare alla rilevanza NBA.

READ  I profondi legami della Silicon Valley Bank con il settore tecnologico

(Foto: Troy Taormina / USA Today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *