Chuck Todd lascia il panel politico della NBC “Meet the Press” e viene sostituito da Kristen Welker

NEW YORK (AP) – Chuck Todd ha detto domenica che lascerà il panel politico della NBC per “incontrare la stampa” quasi un decennio dopo che è stato neutralizzato.Kristen Welker sarà sostituita nei prossimi mesi.

Todd, 51 anni, ha detto al pubblico: “Ho visto molti amici e parenti lasciarli andare a lavorare prima che sia troppo tardi” e ha assicurato alla sua famiglia che non l’avrebbe fatto.

Todd è stato spesso un sacco da boxe online per i critici, incluso Donald Trump, e c’erano voci secondo cui il suo tempo nello show sarebbe stato interrotto quando il suo produttore esecutivo è stato riassegnato alla fine dell’estate scorsa, ma la NBC non ha indicato che questo è qualcosa di diverso da La fine di Todd. Non è chiaro quando sarà l’ultimo spettacolo di Todd, ma ha detto al pubblico che questa sarà la sua ultima estate.

“Sono preoccupato per questo momento storico, ma sono rassicurato dagli standard che abbiamo stabilito qui”, ha detto Todd. “Non tolleriamo i propagandistiE questa rete e questo programma non lo saranno mai”.

Welker, l’ex capo corrispondente della Casa Bianca, è stato con NBC News a Washington dal 2011 ed è stato vice capo di Dodd negli ultimi tre anni. Ha vinto elogi per aver moderato il dibattito presidenziale finale 2020 tra il repubblicano Trump e il democratico Joe Biden.

Il caporedattore di NBC News, Rebecca Blumenstein, ha dichiarato domenica in una nota che annunciava la promozione di Welker che “l’aspro interrogatorio dei legislatori è l’apice dell’intervista politica”.

Ora Welker, 46 anni, sarà spinto in quello che promette di essere un altro controverso ciclo elettorale presidenziale.

READ  La notte del Papa 'ben spesa' dopo l'appendicectomia a Roma

Il talk show politico della domenica mattina è in onda dal 1947, guidato dall’inventore e prima conduttrice Martha Rowntree. Il suo apice è arrivato durante gli anni di Tim Russert come moderatore dal 1991 fino alla sua morte nel 2008, e da allora le sue basi sono state traballanti. Tom Brokaw ha risposto brevemente dopo la morte di Russert e David Gregory è stato abbandonato a favore di Todd.

Welker sarà la prima moderatrice nera di “Meet the Press” e la prima donna da quando Rountree se ne andò nel 1953.

Todd ha affermato di essere orgoglioso di espandere il marchio “Meet the Press” in uno spettacolo quotidiano inizialmente trasmesso su MSNBC ma che è passato allo streaming, ai podcast e alle newsletter, persino a un festival cinematografico.

“Ha trasformato il marchio in un importante franchise dei giorni nostri, espandendo la sua impronta in una serie di nuovi media e mettendo ‘incontra la stampa’ in prima linea nel discorso politico”, ha detto Blumenstein.

Ciò non ha impedito ai critici di saltare sui social media quando non gli piace l’intervista di Todd. Trump ha consacrato Todd con uno dei suoi soprannomi distintivi, Sleepy Eyes, e in seguito ha invitato la NBC a licenziarlo nel 2020 per aver mandato in onda una clip della sua intervista alla CBS con l’allora procuratore generale William Barr. Todd in seguito ha detto che lo spettacolo non sapeva che la durata del tempo di registrazione dell’intervista avrebbe fornito più contesto e si è scusato per l’errore.

Todd è stato grigliato da Trevor Noah alla cena dell’Associazione dei corrispondenti della Casa Bianca nel 2022, che lo ha indicato tra il pubblico e ha chiesto: “Come stai? Ho sentito quanto segue, ma so che non sai cosa sono.

READ  La banda dei gioielli di Dresda è stata condannata ad anni di prigione

Todd si è rivolto ai suoi critici annunciando la sua uscita domenica.

“Se stai facendo questo lavoro per la fama, stai facendo questo lavoro sbagliato”, ha detto. “Prendo gli attacchi del partito come complimenti. E prendo i complimenti genuini con le pinze quando vengono dai partigiani.

L’obiettivo di ogni spettacolo, ha detto, è “farti impazzire, farti pensare, scuotere la testa in segno di diniego a un certo punto e scuotere la testa in segno di approvazione negli altri”.

Nella stagione televisiva appena conclusa, “Meet the Press” si è classificato al terzo posto in termini di spettatori dietro “Face the Nation” della CBS e “This Week” della ABC, che hanno avuto una media di 2,5-2,9 milioni di spettatori ciascuno, secondo l’agenzia di rating Nielsen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *