Droni russi ne uccidono 4 al rifugio Ucraina, finiscono i vertici rivali

Kiev, Ucraina (AP) – La Russia ha fatto esplodere droni in un dormitorio studentesco vicino a Kiev mercoledì prima dell’alba, uccidendo almeno quattro persone, poche ore dopo che il primo ministro giapponese ha lasciato la capitale ucraina. Lo stesso giorno, il presidente cinese Xi Jinping ha lasciato Mosca Dopo aver discusso la sua proposta di porre fine alla guerraÈ stato liquidato come non avviato dall’Occidente.

Una scuola superiore e due dormitori sono stati parzialmente distrutti in un attacco notturno di droni nella città di Rzhishchiv, a sud della capitale ucraina, hanno detto funzionari locali. Non è chiaro quante persone fossero nei rifugi in quel momento.

Il corpo di un uomo di 40 anni è stato estratto dalle macerie al quinto piano del rifugio, ha detto il capo della polizia regionale Andrii Nebytov.

Più di 20 persone sono state ricoverate in ospedale e alcune rimangono disperse, ha detto Nebitov.

Le forze di difesa aerea ucraine hanno abbattuto 16 dei 21 droni lanciati dalla Russia, ha detto il servizio civile ucraino. Otto di loro sono stati abbattuti vicino alla capitale, ha detto l’amministrazione militare della città. Altri attacchi di droni hanno colpito la provincia centro-occidentale di Khmelnytskyi.

Lo sbarramento di droni e altri attacchi notturni russi che hanno colpito le infrastrutture civili hanno suscitato una severa risposta da parte del presidente Volodymyr Zelensky, il giorno dopo che Xi e il presidente russo Vladimir Putin hanno discusso le proposte della Cina per porre fine alla guerra.

“Più di 20 droni assassini iraniani, missili, numerosi bombardamenti, è stata l’ultima notte del terrorismo russo”, ha scritto Zelenskyy in inglese su Twitter.

READ  La notizia che una denuncia federale afferma che le precedenti preferenze di Harvard nelle ammissioni violano le leggi sui diritti civili

“Ogni volta che qualcuno cerca di sentire la parola ‘pace’ a Mosca, viene dato un altro ordine per tali scioperi criminali”, ha scritto.

Martedì il primo ministro giapponese Fumio Kishida, attuale capo del G7, ha fatto una visita a sorpresa a Kiev, sostenendo il governo di Zelensky in favore del suo rivale asiatico, Xi Putin.

Dopo essere tornato in Polonia mercoledì mattina, Kishida ha affermato che durante i suoi colloqui con Zelenskiy, il Giappone e il G-7 hanno espresso un “incrollabile impegno di solidarietà” nei confronti dell’Ucraina.

La visita di Kishida in Ucraina è stata “molto significativa” per il futuro sostegno del Giappone al Paese, ha detto mercoledì il principale portavoce del governo giapponese.

“Attraverso la visita del primo ministro Kishida in Ucraina, il Giappone ha potuto dimostrare la sua determinazione a difendere una società internazionale basata su regole non solo agli altri membri del G-7, ma anche alla comunità internazionale, compresi i paesi del Sud del mondo, “, ha detto Hirokazu Matsuno.

La visita di Kishida ha distolto l’attenzione dal viaggio di Xi a Mosca, dove ha promosso la proposta di pace di Pechino per l’Ucraina, che l’Occidente aveva già rifiutato, per consolidare le conquiste di Mosca. Xi ha lasciato Mosca mercoledì presto.

Le visite di Xi e Kishida, a circa 800 chilometri (500 miglia) di distanza, evidenziano come i paesi si siano uniti a Mosca o Kiev durante la guerra di quasi 13 mesi.

In una dichiarazione congiunta, Russia e Cina hanno insistito sul fatto che la risoluzione del conflitto “deve rispettare le legittime preoccupazioni di sicurezza di tutti i paesi”, facendo eco all’argomento di Mosca secondo cui gli Stati Uniti e i suoi alleati della NATO hanno inviato truppe per impedire al paese di trasformarsi in avversari. Fortezza russa.

READ  Il pannello del Texas raccomanda accuse contro il procuratore generale Ken Paxton

Al contrario, Kishida ha definito l’invasione della Russia “una vergogna che mina le fondamenta dell’ordine legale internazionale” e ha promesso di “continuare il sostegno all’Ucraina fino al ritorno della pace nelle splendide terre ucraine”.

Il ministero delle finanze ucraino ha dichiarato mercoledì di aver concordato un pacchetto di prestiti da 15,6 miliardi di dollari con il Fondo monetario internazionale volto a rilanciare le finanze di Kiev. L’invasione della Russia ha paralizzato l’economia e i funzionari ucraini sperano che l’accordo con il FMI incoraggi anche i loro alleati a fornire aiuti finanziari.

___

Segui la copertura di AP sulla guerra in Ucraina: https://apnews.com/hub/russia-ukraine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *