Gordon E. Moore, co-fondatore di Intel dietro la Legge di Moore, muore a 94 anni

Gordon E. Moore, co-fondatore ed ex presidente di Intel Corp., ha contribuito a dare il nome alla Silicon Valley al produttore di chip per semiconduttori californiano che ha aiutato il dominio industriale delle ex gigantesche ferrovie americane o un’altra era di aziende siderurgiche. Venerdì nella sua casa alle Hawaii. Ha 94 anni.

La sua morte Intel ha confermato e la Fondazione Gordon e Betty Moore. Non hanno dato una ragione.

Insieme a una manciata di colleghi, il sig. Moore sarebbe orgoglioso.

Aspirando a diventare un insegnante, ma incapace di trovare un lavoro nel campo dell’istruzione, il sig. Moore è diventato milionario grazie a un investimento iniziale di $ 500 nel fiorente business dei microchip che ha rivoluzionato l’elettronica. Le più grandi industrie del mondo.

I suoi colleghi hanno detto che vedeva il futuro. Nel 1965, predisse che in quella che divenne nota come Legge di Moore, il numero di transistor posizionati su un chip di silicio sarebbe raddoppiato a intervalli regolari in futuro, causando un aumento esponenziale della potenza di elaborazione dei dati dei computer.

In seguito ha aggiunto due correlazioni: la tecnologia emergente renderà i computer più costosi da costruire, anche se i consumatori pagheranno sempre meno per loro man mano che ne vengono venduti di più. La legge di Moore è durata per decenni.

Sig. Attraverso una combinazione dell’intelligenza, della leadership, del carisma e delle connessioni di Moore e di quella del suo partner e co-fondatore di Intel Robert Noyce, i due hanno messo insieme una squadra. Età dell’alta tecnologia.

Questo è il gruppo che ha sostenuto l’uso di chip micro-sottili di silicio sabbiato altamente lucidato e trattato chimicamente, una delle risorse naturali più comuni sulla Terra, a causa della straordinaria ospitalità del silicio nelle case sempre più piccole. Un piccolo circuito elettronico che può funzionare a velocità sempre più elevate.

Con i suoi microprocessori al silicio, i cervelli di un computer, Intel a metà degli anni ’80 ha aiutato i produttori americani a riguadagnare la leadership sui loro formidabili rivali giapponesi nel campo più ampio dell’elaborazione dei dati informatici. Negli anni ’90, Intel ha inserito i suoi microprocessori nell’80% dei computer prodotti in tutto il mondo, diventando l’azienda di semiconduttori di maggior successo nella storia.

La maggior parte dei suoi Mr. È successo sotto la sorveglianza di Moore. È stato amministratore delegato dal 1975 al 1987 e Andrew Crowe gli è succeduto come presidente fino al 1997.

Per aumentare la sua ricchezza, Mr. Moore divenne anche una figura di spicco nella filantropia. Nel 2001, lui e sua moglie hanno donato 175 milioni di azioni Intel per creare la Gordon and Betty Moore Foundation. Nel 2001, hanno donato 600 milioni di dollari al California Institute of Technology, il più grande dono a un istituto di istruzione superiore dell’epoca. Le attività della fondazione ora superano gli 8 miliardi di dollari e ha assegnato più di 5 miliardi di dollari dalla sua fondazione.

Nelle interviste il sig. Moore era tipicamente umile riguardo ai suoi risultati, in particolare ai progressi tecnologici resi possibili dalla legge di Moore.

READ  Tamar Hamlin di Bills OK per giocare dopo l'infarto

“Quello che ho visto è che i dispositivi a semiconduttore avrebbero reso l’elettronica più economica. Questo era il messaggio che stavo cercando di trasmettere”, ha detto al giornalista Michael Malone nel 2000. “È una previsione incredibilmente accurata, molto più accurata di quanto pensassi”.

Mentre l’industria passa da transistor e tubi discreti a microchip in silicio, Mr. Non solo Moore ha previsto, ma la sua previsione è stata così affidabile nel corso degli anni che le aziende tecnologiche hanno basato la loro strategia di prodotto sul presupposto. Ci sarà la legge di Moore.

“Qualsiasi azienda che fa una pianificazione pluriennale razionale deve prendere questo ritmo di cambiamento, altrimenti ribollire”, ha detto Harry Sall, imprenditore di lunga data della Silicon Valley.

“Questa è la sua eredità”, ha detto Arthur Rock, uno dei primi investitori di Intel e Mr. disse l’amico di Moore. “Non è Intel. Non è la Moore Foundation. È quella frase: Legge di Moore.

debito…Intel

Gordon Earl Moore è nato il 3 gennaio 1929 a San Francisco. È cresciuto a Pescadero, una piccola località balneare a sud di San Francisco, dove suo padre, Walter H. La famiglia del vice sceriffo di Moore e sua madre, l’ex Florence Almira Williamson, gestivano l’emporio.

Sig. Moore ha frequentato il San Jose State College (ora San Jose State University), dove ha incontrato Betty Whittaker, una studentessa di giornalismo. Si sono sposati nel 1950. Quell’anno, ha conseguito la laurea in chimica presso l’Università della California, Berkeley. Nel 1954 conseguì anche un dottorato in chimica al Caltech.

Uno dei primi lavori per cui ha fatto domanda è stato come manager presso Dow Chemical. Nel 1994 il sig. Moore ha scritto. “Mi hanno mandato da uno psicologo per vedere come si adatta.

READ  USC assume Kliff Kingsbury come analista offensivo senior, secondo la fonte: cosa significa per i trojan

Quindi Sig. Moore ha accettato una posizione presso l’Applied Physics Laboratory della Johns Hopkins University nel Maryland. Successivamente, cercando un modo per tornare in California, ha sostenuto un colloquio presso il Lawrence Livermore Laboratory di Livermore, in California. Gli è stato offerto il lavoro, “ma ho deciso che non volevo prendere gli spettri delle bombe atomiche che esplodono, quindi ho rifiutato”, ha scritto.

Al contrario, nel 1956, il sig. Moore ha lavorato con William Shockley, l’inventore del transistor, nella divisione della West Coast dei Bell Laboratories, che mirava a sviluppare un transistor al silicio economico.

Ma Shockley Semiconductor è stata fondata sotto il signor Shockley che non aveva esperienza nella gestione di un’azienda. Nel 1957 il sig. Moore e Mr. Noyce si unì a un gruppo noto come “Traitorous Eight”. Con un sostegno di 1,3 milioni di dollari dal pioniere dell’aviazione Sherman Fairchild e 500 dollari ciascuno, gli otto decisero di formare la Fairchild Semiconductor Corporation, che divenne un pioniere nella produzione di circuiti integrati.

Morso dal bug imprenditoriale, Mr. Moore e Mr. Noyce ha deciso di fondare la propria azienda nel 1968, concentrandosi sulla memoria a semiconduttore. Sig. Hanno scritto quello che Moore ha descritto come un piano aziendale “molto generico”.

In un’intervista del 1994, disse: “Lavoreremo con il silicio… e realizzeremo prodotti interessanti.

Nonostante la loro vaga proposta, non hanno avuto problemi a trovare un sostegno finanziario.

Con un capitale di 2,5 milioni di dollari, Mr. Moore e Mr. Noyes chiamò la loro start-up Integrated Electronics Corporation, successivamente abbreviata in Intel. Il terzo dipendente è il sig. Grove, un giovane immigrato ungherese che vive a Fairchild con Mr. Ha lavorato sotto Moore.

Dopo qualche esitazione su quale tecnologia concentrarsi, i tre hanno optato per una nuova versione della tecnologia MOS (semiconduttore di ossido di metallo) chiamata Silicon-gate MOS. Per migliorare la velocità e la densità del transistor, hanno usato il silicio invece dell’alluminio.

“Fortunatamente, abbiamo trovato una tecnologia che ha il giusto livello di difficoltà per una startup di successo”, ha affermato Mr. Moore ha scritto nel 1994. “È così che è nata Intel.”

All’inizio degli anni ’70, il “computer on a chip” della serie 4000 di Intel iniziò la rivoluzione dei personal computer, anche se Intel perse l’opportunità di produrre un PC, Mr.

READ  Il processo sugli sci di Gwyneth Paltrow va alla giuria

“Molto prima di Apple, uno dei nostri ingegneri è venuto da me con un suggerimento per costruire un computer per la casa di Intel”, ha scritto. “E gli ho chiesto, ‘Cosa vorrebbe fare qualcuno con un computer in casa?’

Tuttavia, ha guardato al futuro. Nel 1963, mentre era direttore della ricerca e sviluppo presso Fairchild, Mr. Moore ha fornito un capitolo del libro che descrive quello che sarebbe diventato un precursore della sua omonima legge, senza un’apparente previsione numerica. Due anni dopo pubblicò un articolo su Electronics, una rivista di settore a larga diffusione, intitolato “Cumming More Components into Integrated Circuits”.

“L’articolo sostiene la stessa argomentazione del capitolo del libro, con l’aggiunta di questa apparente previsione numerica”, ha affermato David Brock, autore di “Moore’s Law: The Life of Gordon Moore, Silicon Valley’s Quiet Revolutionary”.

Ci sono poche prove che molte persone abbiano letto l’articolo quando è stato pubblicato, sig. disse Brock.

“Continuava a tenere discorsi con questi grafici e grafici, e la gente ha iniziato a usare le sue diapositive e a riprodurre i suoi diagrammi”, ha detto il signor. disse Brock. “Poi la gente ha visto questo fenomeno. I microchip di silicio sono diventati più complessi e sono diventati meno costosi.”

Negli anni ’60 il sig. Quando Moore iniziò a lavorare nel settore dell’elettronica, un transistor al silicio veniva venduto a 150 dollari. Quindi, $ 10 compreranno più di 100 milioni di transistor. Sig. Moore una volta scrisse che se le auto progredissero velocemente come i computer, “farebbero 100.000 miglia al gallone, e sarebbe più economico comprare una Rolls-Royce che parcheggiarla. (Le auto sono anche più lunghe di mezzo pollice.)

Sig. I sopravvissuti di Moore includono sua moglie ei suoi figli, Kenneth e Steven, e quattro nipoti.

Nel 2014, Forbes ha nominato Mr. Il patrimonio netto di Moore è stimato in $ 7 miliardi. Tuttavia, gli è mancata l’iniziativa per tutta la vita, preferendo camicie logore e pantaloni cachi. Fa acquisti da Costco e tiene una collezione di mosche e mulinelli da pesca sulla scrivania del suo ufficio.

La legge di Moore giunge alla sua conclusione mentre gli ingegneri affrontano alcuni limiti fisici fondamentali, nonché i costi estremi della costruzione di fabbriche per raggiungere il livello successivo di miniaturizzazione. Negli ultimi anni, il ritmo della miniaturizzazione è rallentato.

Sull’inevitabile conclusione della Legge di Moore, Mr. Moore commentava di tanto in tanto. “Non può andare avanti per sempre”, ha detto in un’intervista del 2005 con la rivista Techworld. “La natura degli estremi è che li respingi e alla fine accade il disastro.”

Holcomb, ex redattore scientifico di The Times B. Nobel è morto nel 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *