Guasto Blue Origin NS-23 causato dal surriscaldamento dell’ugello del motore a razzo

  • La compagnia spaziale Blue Origin di Jeff Bezos ha rilasciato i risultati di un’indagine sul fallimento di una missione cargo lo scorso anno.
  • Si dice che il guasto sia dovuto a un problema con l’estremità del motore del razzo.
  • “Con il nuovo volo dei carichi utili NS-23, Blue Origin prevede di tornare presto a volare”, ha affermato la compagnia.

Un momento di anomalia durante la missione cargo New Shepard NS-23, in cui il motore del booster si guasta.

Aspetto blu

La compagnia spaziale di Jeff Bezos, Blue Origin, ha rilasciato i risultati di un’indagine sul fallimento di un lancio di un cargo lo scorso anno, che si dice sia stato causato da un problema con l’estremità del motore del razzo.

Il razzo New Shepherd dell’azienda, la missione NS-23 che trasportava carichi utili di scienza e ricerca, è fallito nel settembre 2022. Nessuno era a bordo e Blue Origin afferma che il sistema di fuga di emergenza della sua capsula ha funzionato correttamente, ma il booster riutilizzabile del razzo è stato distrutto.

La compagnia di Bezos non ha detto molto sulla sua indagine, che è stata condotta negli ultimi sei mesi con la supervisione della Federal Aviation Administration.

In Un post sul blog Venerdì, Blue Origin ha identificato “il guasto termo-strutturale dell’ugello del motore” come la causa diretta del problema e ora sta modificando il motore, comprese le modifiche al design per tenere conto delle temperature più elevate del previsto durante il volo.

“Con il nuovo volo dei carichi utili NS-23, Blue Origin prevede di tornare presto a volare”, ha affermato la compagnia.

READ  Gli scienziati rivelano il motivo per cui i tuoi capelli diventano grigi quando invecchi

Il razzo New Shepard trasporta persone e carichi utili per più di 100 chilometri – o più di 340.000 piedi – dalla struttura privata di Blue Origin nel Texas occidentale per due minuti di assenza di gravità. La capsula vola autonomamente senza pilota umano e scende con l’ausilio di paracadute per atterrare nel deserto del Texas. Il nuovo razzo Shepard è riutilizzabile, tornando ad atterrare su una piattaforma di cemento vicino alla rampa di lancio.

Blue Origin ha attribuito il guasto del motore NS-23 a “temperature di esercizio che hanno superato i valori previsti e analizzati del materiale in ingresso”. L’azienda ha recuperato pezzi dell’ugello del motore BE-3PM, trovando “chiare prove di danni termici e striature calde derivanti da temperature di esercizio elevate”.

La società ha notato che le sue modifiche al design mirano a migliorare le prestazioni del motore alle alte temperature e rafforzare la punta del motore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *