Le detenzioni di immigrati al confine tra Stati Uniti e Messico hanno raggiunto livelli record dopo la fine del titolo 42

SAN DIEGO/WASHINGTON, 11 maggio (Reuters) – I migranti si sono radunati su entrambi i lati del confine tra Stati Uniti e Messico giovedì, poche ore prima della scadenza delle restrizioni all’immigrazione note come Titolo 42, alcuni affrettandosi ad approvare nuove severe regole sull’asilo che sostituirebbero il COVID . – Ordine di epoca.

La US Customs and Border Protection (CBP) ha trattenuto 28.000 migranti nelle sue strutture negli ultimi giorni, superando la sua capacità dichiarata, in quello che sembra essere un record, hanno detto a condizione di anonimato due funzionari federali e la Border Patrol Association.

Secondo il presidente del sindacato Brandon Judd, la Valle del Rio Grande in Texas ed El Paso e l’Arizona sono due delle strutture di frontiera più trafficate.

Questa settimana, il numero di persone catturate illegalmente ha superato le 10.000 al giorno.

A causa dell’elevato numero di visite, gli agenti rilasciano alcuni immigrati senza preavviso per comparire presso il tribunale dell’immigrazione dove stanno presentando le loro richieste di asilo e poi dicono loro di presentarsi all’ufficio immigrazione, ha detto Judd.

In media, le persone trascorrono quasi tre giorni in custodia, ha detto Judd. Il CBP non ha risposto a una richiesta di commento.

A Yuma, in Arizona, centinaia di migranti hanno aspettato prima dell’alba per consegnarsi agli agenti statunitensi in un varco in un’alta recinzione di confine.

Alcuni – come la colombiana Joanna Gomez, 40 anni – hanno deciso di tentare la fortuna subito dopo aver sentito parlare del cambiamento della politica statunitense.

“Nel mio paese si sente dire che l’immigrazione è consentita solo fino all’11 maggio, quindi abbiamo corso contro il tempo”, ha detto. “Non è facile.”

READ  I futures sulle azioni sono scesi mentre i trader attendevano l'ultima decisione di rialzo dei tassi della Federal Reserve

Ai sensi del titolo 42, in vigore da marzo 2020 e che scadrà a mezzanotte, centinaia di migliaia di immigrati sono stati rapidamente deportati in Messico.

Ma il Messico ha accettato solo poche nazionalità – per lo più i propri cittadini e centroamericani, e più recentemente venezuelani, cubani, haitiani e nicaraguensi – e gli immigrati provenienti da altri paesi possono portare avanti le loro richieste di immigrazione.

Grafica Reuters Grafica Reuters

Ciò è destinato a cambiare poiché l’amministrazione del presidente Joe Biden invia più personale e fondi al confine mentre implementa nuovi regolamenti che negheranno l’asilo a quasi tutti gli immigrati che attraversano illegalmente.

La misura escluderebbe le persone che sono entrate in un altro paese senza chiedere asilo altrove o che non hanno utilizzato i canali legali per entrare negli Stati Uniti.

Entrerà in vigore quando il titolo 42 verrà revocato, con la decisione di dichiarare un’ampia emergenza sanitaria pubblica Covid giovedì.

I massimi funzionari statunitensi hanno emesso un altro avvertimento per gli attraversatori illegali. “I nostri confini non sono aperti”, ha detto ai giornalisti il ​​segretario per la sicurezza nazionale Alejandro Mayorkas durante un briefing alla Casa Bianca.

Il CBP ha ribadito in una dichiarazione che venezuelani, cubani, haitiani e nicaraguensi che attraversano illegalmente il confine sud-occidentale dopo il Titolo 42 continueranno ad essere inviati in Messico. .

Gli Stati Uniti hanno aperto opzioni legali per gli immigrati di quelle nazioni per richiedere l’ingresso dall’estero nel tentativo di impedire alle persone di arrivare al confine.

Dito puntato politico

Le città di confine degli Stati Uniti stanno lottando per proteggere i nuovi arrivati ​​e fornire il trasporto verso altre destinazioni. Più lontano dal confine, altre città dicono che stanno lottando per far fronte, come New York, dove il sindaco Eric Adams ha temporaneamente allentato le regole di rifugio sul posto a causa della mancanza di risorse.

READ  50 anni fa fece la prima telefonata

Il procuratore generale della Florida si rivolgerà al tribunale federale per cercare di bloccare il rilascio di massa di immigrati negli Stati Uniti dopo la fine del titolo 42.

La senatrice statunitense Kirsten Cinema, un’indipendente dell’Arizona che ha lasciato il Partito Democratico cinque mesi fa, giovedì ha criticato l’amministrazione, dicendo ai giornalisti che il presidente non si era adeguatamente preparato per la fine del titolo 42.

Ha detto che le piccole città nel suo stato stanno lottando per accogliere i migranti in arrivo con scarso accesso a risorse come autobus o rifugi.

I repubblicani incolpano Biden, un democratico che si candida alla rielezione nel 2024, per aver ribaltato le politiche di controllo dell’ex presidente Donald Trump mentre i repubblicani cercano di riconquistare la Casa Bianca.

Negli ultimi giorni, i funzionari dell’amministrazione Biden hanno intensificato i loro attacchi contro i repubblicani, che secondo loro non sono riusciti a fissare le leggi sull’immigrazione o a fornire finanziamenti adeguati alle frontiere.

“Ho chiesto al Congresso molti più soldi per la Border Patrol”, ha detto Biden mercoledì. “Non l’hanno fatto”.

Da quando Biden è entrato in carica nel gennaio 2021, il paese ha arrestato 4,6 milioni di immigrati clandestini, sebbene il numero includa molti attraversatori ripetuti. Un sondaggio Reuters/Ipsos pubblicato questa settimana ha mostrato che solo il 26% approva la gestione dell’immigrazione da parte di Biden.

In Texas, il governatore repubblicano Greg Abbott, un convinto critico delle politiche di confine del presidente, questa settimana ha ampliato gli schieramenti della Guardia Nazionale “per aiutare a intercettare e respingere grandi gruppi di immigrati che cercano di entrare illegalmente in Texas”.

READ  Elon Musk crea un paywall di lettura su Twitter

Alcune organizzazioni accolgono gli immigrati. A Yuma, Fernando Quiroz, 50 anni, di un gruppo di volontari chiamato AZ-CA Humanitarian Coalition, stava trainando un carro pieno di bottiglie d’acqua verso i migranti in attesa di essere processati nel cuore della notte.

“Il motivo per cui siamo qui è la nostra fede, la nostra compassione, la nostra empatia per molte di queste persone”, ha detto Quiros. “Vogliamo essere quel sorriso amichevole.

“Chissà cosa succederà se sali su quell’autobus?” Egli ha detto. “Questo è il primo passo di un viaggio molto lungo.”

Reportage di Mike Blake a San Diego, Ted Hessen a Washington e Lizbeth Diaz a Città del Messico; Segnalazioni aggiuntive di Jose Luis Gonzalez a El Paso, Texas e Christina Cook a San Francisco; Montaggio di Mary Milligan e Jamie Freed

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *