I dati sull’inflazione indicano una pausa della banca centrale sugli aumenti dei tassi

A giugno si sono rafforzate le argomentazioni a favore di una pausa nei rialzi dei tassi d’interesse.

Ad aprile i prezzi sono aumentati al ritmo annuale più lento degli ultimi due anni Ultimi dati Dal Bureau of Labor Statistics pubblicato mercoledì. L’indice dei prezzi al consumo (CPI) è aumentato dello 0,4% rispetto al mese scorso e del 4,9% rispetto all’anno precedente ad aprile, al di sotto delle aspettative economiche basate sui dati di consenso di Bloomberg, in calo rispetto a un aumento annuo del 5,0% a marzo.

Wall Street ha scommesso che Jerome Powell e la Federal Reserve sospenderanno il ciclo di rialzo dei tassi di interesse più aggressivo degli ultimi quattro decenni alla prossima riunione di giugno.

“Il FOMC manterrà il tasso sui fondi federali al suo livello attuale per il prossimo futuro, e mentre le pressioni sull’offerta continuano ad allentarsi, l’inflazione rallenterà ulteriormente e la crescita della domanda si indebolirà”, ha scritto mercoledì un team di economisti di Wells Fargo.

I mercati concordano. Dopo aver scontato una probabilità di circa il 78% di una pausa prima del rilascio dell’IPC, i mercati stanno ora scontando una probabilità del 97% di una pausa del rialzo dei tassi a giugno, Secondo lo strumento CME Fed Watch.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha segnalato ciò che alcuni economisti di Wall Street avevano ipotizzato Una “pausa da falco” durante la conferenza stampa del 3 maggio. Anche se Powell non ha chiuso la porta ai futuri rialzi dei tassi, ha indicato le parole chiave che la Fed ha omesso dal suo rapporto sulle sue aspettative per ulteriori rialzi dei tassi.

READ  Drone USA: jet russi abbattono MQ-9 Reaper sul Mar Nero

La Fed ha alzato i tassi dello 0,25% alla riunione di maggio, segnando il decimo rialzo consecutivo del ciclo. Il nuovo tasso ufficiale di riferimento della banca centrale, il tasso sui fondi federali, è ora compreso tra il 5% e il 5,25%, il più alto dal settembre 2007. Ma mentre i tassi in aumento inaspriscono le condizioni del credito, gli investitori stanno ora aspettando il momento della banca centrale. Permettendogli di mettere in pausa la sua traiettoria e subire l’impatto di tassi più elevati.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell tiene una conferenza stampa dopo aver rilasciato la decisione politica della Fed statunitense sui tassi di interesse, a Washington, il 3 maggio 2023. REUTERS/Kevin Lamarque

Intitolato “Supporting the Pause”, il gruppo di economisti della Bank of America sottolinea diversi fattori fondamentali all’interno del rapporto che sono costruttivi per la lotta della banca centrale contro l’inflazione.

“Questa è una stampa incoraggiante per la Fed”, ha scritto BofA. “I cali su larga scala e le preoccupazioni per le auto usate sono stati compensati (poiché i prezzi aggregati sono scesi di nuovo). Questo rapporto dovrebbe mantenere la Fed a suo agio a giugno. Si noti, tuttavia, che abbiamo ancora un rapporto sull’occupazione e una stampa sull’inflazione prima della riunione di giugno .”

I titoli azionari hanno chiuso mercoledì in modesto rialzo a causa della confluenza di altri fattori, tra cui le turbolenze bancarie regionali e la data X del tetto del debito.

Naturalmente, l’inflazione core, che esclude i prezzi di cibo ed energia, è rimasta bloccata il mese scorso. Su base sottostante, i prezzi ad aprile sono aumentati dello 0,4% rispetto al mese precedente e del 5,5% rispetto allo scorso anno.

READ  2 dirigenti di Bud Light in congedo dopo la promozione con Dylan Mulvaney

Tuttavia, la stampa è una vittoria per i tori, afferma Tom Lee, capo della ricerca presso Fundstrat.

“I mercati sono diventati un” gioco di pollici “(da Any Given Sunday 1999), e non tutti i punti dati in arrivo spostano le opinioni di consenso”,Lee ha scritto mercoledìSi riferisce ad Al Pacino Famosa linea di film Sull’importanza dei piccoli dettagli. “Il rapporto di oggi non è decisivo. Ci sono segnali di miglioramento dell’inflazione, ma ancora una volta, c’è la stessa volatilità nelle componenti che sostengono che l’inflazione è persistente. Ma nel complesso, vediamo le basi acquisite da queste disparità.

Josh è un giornalista di Yahoo Finance.

Fare clic qui per un’analisi approfondita, comprese le ultime notizie sul mercato azionario e gli eventi di movimento azionario

Leggi le ultime notizie finanziarie e commerciali da Yahoo Finance

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *