Nel rapporto Durham, il consigliere speciale dell’era Trump ha negato l’indagine sulla Russia

John Durham, il consigliere speciale dell’era Trump che ha portato avanti quattro anni di indagini politicamente cariche sull’indagine sulla Russia, ha accusato l’FBI di “mancanza di rigore analitico”. Il rapporto finale è stato rilasciato lunedì Un’indagine del 2016 da parte dell’ufficio sull’eventuale collusione della campagna di Trump con Mosca.

Sig. Il rapporto di 306 pagine di Durham non ha rivelato nuove informazioni sostanziali sulla gestione da parte dell’FBI dell’indagine sulla Russia, soprannominata l’uragano Crossfire. Associati una volta Mr. Durham ha suggerito che lo avrebbe scoperto.

Invece, il procuratore generale Merrick B. Il rapporto – pubblicato senza commenti sostanziali o redazioni da parte di Garland – ripeteva difetti precedentemente esposti nelle indagini, incluso un rapporto dell’ispettore generale del 2019, mentre l’FBI soffriva di bias di conferma. I legami di Trump con la Russia.

“Durante l’uragano Crossfire, fatti e circostanze incoerenti con la premessa secondo cui Trump e/o gli individui associati alla campagna di Trump impegnati in una relazione collusiva o collusiva con il governo russo sono stati ignorati o semplicemente sminuiti”, ha affermato il sig. annunciò Durham.

Sig. Durham ha ampiamente ritrattato le critiche espresse in un’indagine separata e ha continuato a insistere sul fatto che la campagna di Hillary Clinton ha contribuito ad alimentare l’indagine sulla Russia. Nel 2019, un ispettore generale ha scoperto che l’FBI aveva manomesso le applicazioni di intercettazione utilizzate nelle indagini.

“La nostra indagine ha rivelato una mancanza di rigore analitico da parte del personale senior dell’FBI nelle informazioni che hanno esaminato, in particolare le informazioni ottenute da individui e organizzazioni politicamente connesse”, ha dichiarato il signor. Durham ha scritto. “Queste informazioni in parte hanno alimentato e perpetuato l’uragano Crossfire e hanno contribuito alla necessità di un’indagine del consulente speciale Mueller”.

READ  L'auricolare VR di Apple ha una durata della batteria di 2 ore e costa $ 3.499

Ma usando la parola “indotto”, Mr. Rapporto di Durham, sig. Facendo eco a una teoria del complotto avanzata dai sostenitori di Trump, l’FBI ha aperto un’indagine nel luglio 2016 sulla base del cosiddetto Steele Dossier, sonde anti-sonda presumibilmente finanziate dalla campagna di Clinton. Successivamente è stato svalutato.

In realtà, Sig. Come Durham ha riconosciuto altrove nel rapporto, il documento non è pervenuto a quegli investigatori fino a metà settembre. Invece, l’FBI ha aperto un’indagine sulla base di un suggerimento dei diplomatici australiani, in seguito al rilascio di e-mail democratiche hackerate da WikiLeaks, suggerendo che un aiutante della campagna di Trump sapeva in precedenza che la Russia avrebbe rilasciato informazioni dannose per la campagna di Clinton.

I risultati del consiglio speciale di venerdì Mr. Un portavoce del dipartimento ha detto che i documenti sono stati inviati a Garland e forniti al Congresso e ai mezzi di informazione senza alcuna aggiunta o modifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *