Procter & Gamble contrasta le affermazioni di “avidità” dopo l’aumento dei margini

Procter & Gamble ha aumentato i margini di profitto per la prima volta in due anni, poiché negli ultimi mesi il più grande produttore mondiale di articoli per la casa ha aumentato i prezzi per i consumatori più velocemente dei propri costi.

Ma i dirigenti del Bellwether dei beni di consumo hanno contestato l’idea di essere determinati a incrementare i profitti a spese degli acquirenti – criticati da alcuni economisti come “avidi” – e hanno avvertito che non vi era alcun “rilievo su larga scala” nei costi di input.

I prezzi di tutto il suo portafoglio di prodotti di consumo, tra cui il detersivo per piatti Fairy, gli spazzolini da denti Oral-B e i pannolini Pampers, sono aumentati di un decimo nell’ultimo trimestre.

Di conseguenza, i consumatori in difficoltà finanziarie hanno acquistato meno prodotti da P&G e le vendite dell’azienda sono diminuite del 3% nei tre mesi fino alla fine di marzo.

Tuttavia, i prezzi più alti hanno compensato il calo dei volumi e hanno aiutato l’azienda con sede a Cincinnati a generare un fatturato netto di 20,1 miliardi di dollari, in aumento del 4% rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

E nonostante l’aumento dei costi di beni e materiali, il margine lordo di P&G è aumentato di 1,5 punti percentuali al 48,2%, il primo miglioramento dal 2021.

I risultati hanno spinto le azioni di P&G, che finora sono cambiate poco per l’anno, a salire del 4% nelle negoziazioni mattutine a New York.

Sebbene l’aumento dei margini di P&G sia stato determinato principalmente dall’aumento dei prezzi, anche i risparmi di produttività hanno contribuito. L’utile netto è aumentato del 2% a 3,42 miliardi di dollari.

READ  Variante Covid "Arcturus": provoca occhi rosa e cos'altro sapere sul nuovo ceppo

Andre Schulten, chief financial officer, ha affermato che sia gli aumenti dei prezzi che le iniziative di produttività sono “assolutamente fondamentali per noi per continuare a operare in questo ambiente”.

Ha detto che la società, i cui prodotti includono shampoo Head & Shoulders, tamponi Tambox e rasoi Gillette, sta “iniziando a scavare una via d’uscita” dopo l’erosione dei margini nei trimestri precedenti.

Venerdì P&G ha dichiarato di dover affrontare un “vento contrario” di $ 3,5 miliardi nell’anno finanziario che si concluderà a giugno a causa del cambio estero sfavorevole e dei maggiori costi di materiali e attrezzature.

Il colpo previsto è stato di $ 200 milioni in meno rispetto alla previsione totale di gennaio a causa di costi di inventario e trasporto meno severi rispetto a quanto previsto in precedenza.

Anche così, Schulten ha affermato che i prezzi di alcuni prodotti, come la pasta di legno, stanno “diminuendo un po’”, mentre altri prodotti ad alta intensità energetica, tra cui la soda caustica e l’ammoniaca, stanno aumentando.

“Non c’è un ampio sollievo in termini di costi di input”, ha affermato, aggiungendo che il recente miglioramento dei margini è stato “modesto”.

Il CFO non è rimasto impressionato dai piani tariffari di P&G nei prossimi mesi, anche se ha lasciato intendere che il peggio è passato per gli acquirenti.

Ha notato che mentre il “contesto dei costi” era ancora “inutile”, non si era deteriorato in modo significativo nelle ultime settimane.

Sulla base dei risultati trimestrali, P&G ha affermato di aspettarsi che le vendite annuali crescano del 6% su base organica, rispetto al precedente intervallo compreso tra il 4 e il 5%.

READ  Fargo: un agente di polizia ucciso, altri 2 feriti nella sparatoria di Fargo

Tuttavia, prevede che l’utile per azione si collochi nella “fascia bassa” dell’intervallo precedentemente fornito. La società prevede che l’utile netto diluito per azione sarà stabile e in aumento del 4%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *