Trump in disprezzo per aver violato l'ordine di silenzio nell'indagine sul “silenzio”. Ecco quanto deve.

Giudice supervisore dell'ex presidente Indagine penale su Donald Trump a New York Martedì è stato accusato di oltraggio alla corte per aver violato i limiti su ciò che può dire sulle persone coinvolte e ha avvertito che potrebbe essere incarcerato se si oppone nuovamente all'ordine.

Il giudice Juan Merchan ha affermato che Trump ha violato l'ordine nove volte nelle ultime settimane sul sito web della verità e sulla campagna di Trump, molti dei quali hanno preso di mira i testimoni chiave del caso, Michael Cohen e Stormy Daniels. Merson ha ordinato la rimozione dei post e multato Trump di 9.000 o 1.000 dollari per ogni violazione. Tutte e nove le posizioni sono state eliminate martedì pomeriggio.

Il giudice ha pronunciato il verdetto dalla panchina Un ordine scritto lo accompagnava. Trump “ha violato l'ordine pubblicando post sui social media su testimoni noti relativi alla loro partecipazione a questo procedimento penale e rilasciando dichiarazioni pubbliche sui giurati in questo procedimento penale”, ha scritto.

Merchan ha scritto che la legge di New York non consente multe superiori a 1.000 dollari per violazione, il che “purtroppo non ottiene il risultato desiderato in questi casi. [defendant] Una multa del genere può essere facilmente pagata.” Ha detto che una multa più alta potrebbe essere appropriata in questi casi, ma poiché non ha questa discrezionalità, la corte “deve quindi considerare se, in alcuni casi, è necessaria una pena detentiva”.

Ha concluso con un avvertimento a Trump: “L'imputato è avvertito che la corte non tollererà la continua disobbedienza intenzionale ai suoi ordini statutari e che, se necessario e in circostanze appropriate, imporrà una pena detentiva”.

Ordine di silenzio di Trump

L'ex presidente Donald Trump parla ai media mentre arriva in tribunale durante la sua citazione in giudizio presso il tribunale penale di Manhattan il 30 aprile 2024 a New York City.

Seth Wenik-Pool/Getty Images


Mercante Emesso l'ordine di silenzio originale A marzo, prima dell'inizio del processo. Ha impedito a Trump di commentare potenziali testimoni, potenziali giurati, personale del tribunale, pubblici ministeri e altri collegati al caso. Poi il giudice allargato Il lavoro di consulenza con i candidati democratici e l'ordine di Trump di insabbiare i membri della sua stessa famiglia dopo aver attaccato sua figlia per cause progressiste.

L’ordine di silenzio non ha impedito a Trump di criticare Merson o il procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Brock.

Gli avvocati dell'ufficio di Praga hanno esortato il giudice a trovare più di 10 post che prendono di mira Cohen, Daniels e altri che insultano Trump. Merson ha scoperto che Trump ha violato l’ordine in tutti i post tranne uno.

Quando la corte si è riunita giovedì scorso, gli avvocati hanno presentato quattro casi in cui hanno affermato che Trump aveva violato l’ordine. Tutte e quattro queste violazioni saranno oggetto di un'udienza questa settimana.

In un'udienza sui post all'inizio della scorsa settimana, Chris Conroy, un avvocato del team di Bragg, ha affermato che avevano “deliberatamente e flagrantemente” violato l'ordine.

“Nessuno è interdetto all'imputato. Può attaccare e minacciare chiunque voglia servirlo”, ha detto l'avvocato Chris Conroy. Ha chiesto al giudice di multare ogni post di 1.000 dollari e di ordinare a Trump di licenziarli.

L'avvocato di Trump, Todd Blanche, ha sostenuto che il suo cliente stava rispondendo agli attacchi politici nei suoi post e non credeva che stesse violando l'ordine quando ha ripubblicato o citato altri. Merson gli ha chiesto più volte di nominare gli attacchi precisi a cui Trump stava rispondendo, cosa che Blanche non è stata in grado di fare.

“Signor Blanche, perde ogni credibilità. Devo dirglielo adesso. Perde ogni credibilità davanti alla corte”, ha detto Merson a un certo punto.

Trump è stato accusato di 34 capi d'accusa di falsificazione di documenti aziendali relativi a un pagamento di “hush money” di $ 130.000 a Daniels, una star del cinema per adulti che affermava di aver fatto sesso con Trump, cosa che Trump nega. Si è dichiarato colpevole di tutte le accuse del caso e ha ripetutamente protestato contro l'ordine di silenzio definendolo “incostituzionale”.

READ  Mike Pompeo ha annunciato che non si candiderà alla presidenza nel 2024

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *