Un governatore regionale russo afferma che un gruppo sovversivo ucraino ha attraversato il confine

22 maggio (Reuters) – Il governatore della regione russa di Belgorod ha dichiarato lunedì che un “gruppo sovversivo” ucraino è entrato in territorio russo nel distretto confinante di Gravoron con l’Ucraina ed è stato respinto dalle forze russe.

Tuttavia, la pubblicazione ucraina Hromadske, citando l’intelligence militare ucraina, ha affermato che due gruppi armati anti-russi, la Legione della libertà di Russia e il Corpo dei volontari russi (RVC), hanno effettuato l’attacco, coinvolgendo entrambi civili russi.

Baza, un canale Telegram collegato ai servizi di sicurezza russi, ha diffuso riprese aeree che mostrano un veicolo blindato ucraino che avanza verso il posto di blocco del confine di Graivoron.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto che il presidente russo Vladimir Putin è stato informato e che sono in corso lavori per espellere i “sabotatori”, ha riferito l’agenzia di stampa statale RIA Novosti.

Il governatore di Belgorod Vyacheslav Klatkov ha dichiarato in un telegramma che l’esercito russo, le guardie di frontiera, le guardie presidenziali e il servizio di sicurezza dell’FSB erano coinvolti nell’operazione. Ha detto che nessun civile è rimasto ferito e non c’è stata evacuazione.

Basa ha detto che c’erano segni di combattimenti in tre insediamenti sulla strada principale verso la Russia. Il canale Telegram “Open Belgorod” ha riferito che l’elettricità e l’acqua sono state interrotte in diversi villaggi.

Reuters non ha potuto verificare la notizia e l’esercito ucraino non è stato immediatamente disponibile per un commento.

Un gruppo che si autodefinisce Legione della Libertà della Russia – una milizia russa con sede in Ucraina guidata dal personaggio dell’opposizione russa Ilya Ponomarev che si dice stia operando all’interno della Russia per rovesciare Putin – ha dichiarato su Twitter di aver “completamente liberato” la città di confine di Kozhikode. Diceva che le unità avanzate avevano raggiunto il centro del distretto di Greyvoron più a est.

READ  AI "Godfather" Geoffrey Hinton avverte delle insidie ​​mentre lascia Google

“Vai. La Russia sarà libera!” Ha scritto.

Il gruppo ha anche pubblicato un video che mostra cinque militanti armati.

“Siamo russi come te, siamo come te. Vogliamo che i nostri figli crescano in pace”, ha detto uno di fronte alla telecamera. “È ora di porre fine alla tirannia del Cremlino”.

Hromadske ha citato il portavoce dell’intelligence militare ucraina Andriy Yusov dicendo che l’operazione Belgorod creerebbe una “zona sicura” per proteggere gli ucraini dagli attacchi transfrontalieri russi.

Il Cremlino ha affermato che l’incursione mirava a distogliere l’attenzione dalla città ucraina orientale di Bakhmut, che le forze russe affermano di aver finalmente catturato completamente dopo più di nove mesi di intensi combattimenti.

“Comprendiamo appieno l’obiettivo di un tale diversivo: distogliere l’attenzione dalla direzione di Pakmut e ridurre l’effetto politico della perdita di Pakmut sulla parte ucraina”, ha detto Peskov.

All’inizio di marzo, l’FSB ha annunciato che un “gruppo armato di nazionalisti ucraini” dall’Ucraina si era infiltrato nella regione russa di Bryansk.

Nei video che circolavano online all’epoca, gli uomini armati si descrivevano come “liberatori” russi dalla RVC e affermavano di aver attraversato il confine per combattere quello che descrivevano come un “sanguinario regime putiniano e del Cremlino”.

La RVC è stata fondata lo scorso agosto da Denis Kapustin, un nazionalista russo residente in Ucraina, e il 17 maggio ha annunciato sul suo canale Telegram che si stava fondendo con la Freedom of Russia Legion.

L’RVC ha combattuto al fianco delle forze ucraine su vari fronti del conflitto ucraino e afferma di aver effettuato almeno tre incursioni nella regione di Bryansk da marzo.

READ  Il rapporto dell'autopsia mostra che l'adolescente era malato giorni prima della morte nel centro di cura dello Utah, dice l'avvocato

Segnalato da Reuters; Montaggio di Kevin Liffey

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *