Verstappen batte Hamilton ma va in testacoda nelle FP1

Max Verstappen ha superato la sessione di prove libere di apertura della Formula 1 per il Gran Premio d’Australia 2023, che è stato interrotto due volte da bandiere rosse, inclusa la risoluzione di uno strano problema tecnico nei sistemi GPS di tracciamento delle auto.

Verstappen della Red Bull ha fatto segnare il giro più veloce di 1m18.790 davanti a Lewis Hamilton della Mercedes, che inizialmente ha faticato a gestire la sua W14 e poi è risalito in classifica. Hamilton ha raggiunto il compagno di squadra George Russell durante i primi giri di ispezione con le gomme dure.

Sergio Perez è arrivato terzo davanti al pilota dell’Aston Martin Fernando Alonso sulla seconda Red Bull, anche se il miglior tempo del primo è stato segnato dai media quando ha fatto deragliare la sua corsa con gomme morbide.

Poi è arrivata la coppia Ferrari Charles Leclerc e Carlos Sainz, che hanno avuto un momento di fuori pista a metà sessione dopo aver attraversato il complesso delle curve 1-2 sul retro della SF-23.

Un certo numero di piloti ha avuto problemi simili, con Yuki Tsunoda di Albadari che è andato in testacoda in modo più drammatico e il suo AT04 è saltato in aria dopo aver colpito una trappola di ghiaia che correva dietro la fila sinistra/destra.

Durante questo periodo, forti venti hanno soffiato sulla pista dell’Albert Park per tutta la FP1, il che potrebbe aver contribuito a molti dei problemi che i piloti hanno avuto una volta che hanno iniziato a pressare le gomme a mescola morbida nelle prime sessioni di simulazione delle qualifiche.

Lando Norris è arrivato settimo per la McLaren, finendo tra i primi 10 sulla seconda Aston davanti a Pierre Gasly, Russell e Lance Stroll di Alpine. Stroll è stato l’unico altro pilota automobilistico di spicco.

READ  Don Lemon è stato licenziato dalla CNN dopo essersi separato dallo spettacolo mattutino

Nonostante il suo vantaggio, la sessione di Verstappen è stata tranquilla poiché ha mancato regolarmente l’apice della curva 1 e ad un certo punto ha dovuto prendere un grosso scatto di sovrasterzo attraversando rapidamente la curva 2 successiva.

Nelle fasi finali, è salito troppo oltre i cordoli di uscita della curva 4, ha schiacciato le gomme morbide ben usate ed è andato in testacoda di lato, esattamente nello stesso punto in cui Sebastian Vettel si è schiantato con la sua Aston nella gara del 2022 dello scorso anno.

Poco dopo la metà del percorso, la sessione è stata sospesa dopo che il sistema di F1, la FIA e il sistema GPS utilizzato dai team, si sono guastati. Molti conducenti perdono l’occasione perché non sono in grado di informarli dell’avvicinarsi di altre auto con grandi differenze di velocità.

Ciò ha portato a una bandiera rossa di nove minuti, con Logan Sergeant che ha fermato la sua Williams all’uscita della curva 11 con un sospetto problema elettrico e una seconda interruzione negli ultimi minuti.

Per saperne di più:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *