Blinken arriva a Pechino tra profonde spaccature nelle relazioni USA-Cina

PECHINO – Anthony Blinken è diventato domenica il primo ministro degli esteri a visitare la Cina in cinque anni, arrivando nel Paese per due giorni di incontri ad alto rischio volti a cementare una relazione sotto pressione storica.

I suoi ospiti hanno preceduto la tesa visita con diverse condanne degli Stati Uniti, accusando Washington di complicità.Bullismo sconsiderato” e vivere nell’“illusione” di poter trattare con la Cina da una “posizione di forza”.

Qin Gang, ministro degli Esteri cinese, ha avvertito Blinken.Mostra rispettoIn una telefonata prima del viaggio, ha chiarito la sua opinione secondo cui solo Washington era responsabile del deterioramento dello stato delle relazioni.

Ma Blinken ha affermato che i funzionari statunitensi sperano che i due paesi possano andare oltre la retorica bellicosa e fare progressi verso la creazione di comunicazioni regolari, un obiettivo modesto visti i numerosi disaccordi esistenti su commercio, diritti umani, Taiwan, Hong Kong e sicurezza informatica.

Il mese scorso, il presidente Biden Predetto una riva La rabbia della Cina dopo che gli Stati Uniti hanno abbattuto il loro pallone di osservazione ad alta quota a febbraio. La Casa Bianca ha lasciato intendere che il viaggio di Blinken potrebbe aprire incontri tra funzionari statunitensi e cinesi.

“Spero di incontrare di nuovo Xi nei prossimi mesi e parlare delle legittime differenze che abbiamo, ma anche di come… come andare d’accordo”, ha detto Biden ai giornalisti prima di partire per Filadelfia.

Alla domanda sulla gelida accoglienza di Blinken da parte dei funzionari cinesi, un alto funzionario del Dipartimento di Stato ha detto che il segretario era “ben consapevole dello stato attuale delle relazioni bilaterali” e ha sottolineato che entrambe le parti sarebbero “sincere” nell’esprimere le loro preoccupazioni.

Blinken è arrivato la mattina presto con un’agenda piena: incontri con la mafia; Wang Yi, alto funzionario di politica estera del Partito Comunista; dirigenti d’azienda americani; personale dell’ambasciata degli Stati Uniti; studenti di scambio; E potenzialmente lo stesso Xi.

Oltre a migliorare le comunicazioni, il team di Blinken è anche interessato ad aumentare il numero di voli commerciali tra Stati Uniti e Cina e trovare modi per ridurre la crisi del fentanil negli Stati Uniti, poiché molti precursori del farmaco provengono dalla Cina, ha affermato un alto funzionario del Dipartimento di Stato. Come altri, ha parlato a condizione di anonimato per discutere di importanti piani diplomatici.

READ  Jayson Tatum prende vita mentre i Celtics forzano Gara 7 contro Sixers

Blinken raggiunge i suoi colleghi nella famosa Daoyudai State Guesthouse di Pechino, un lussuoso complesso costruito mezzo secolo fa dal presidente Richard M. Nixon è stato ospitato durante la sua storica visita in Cina.

Allo stesso modo, gli Stati Uniti hanno alimentato una spinta all’impegno con la Cina, ma la dinamica del potere è cambiata radicalmente nei decenni successivi.

Molte volte più ricca e più connessa a livello globale di quanto non fosse negli anni ’70, la Cina ha recentemente mostrato i suoi muscoli diplomatici e forgiato un riavvicinamento tra rivali regionali. Arabia Saudita e Iran flirtano con il ruolo di pacificatore in Medio Oriente e la guerra in Ucraina, ospitando il presidente francese Emmanuel Macron e la presidente della Commissione europea Ursula van der Leyen.

La tendenza diplomatica proietta fiducia e indipendenza a Pechino, ma potrebbe creare un conflitto a lungo termine con Washington.

Di fronte a un rallentamento economico, all’aumento della disoccupazione giovanile e a un clima anemico per gli investimenti, i funzionari cinesi hanno esortato il segretario al Tesoro Janet L. La Yellen e il segretario al commercio Gina Raimondo sono ansiosi di affrontare le restrizioni tecnologiche statunitensi sulla Cina e altre questioni economiche. Nell’ambito di questa spinta pro-business, Xi ha incontrato venerdì il co-fondatore di Microsoft Bill Gates, un incontro che ha fatto seguito a una visita a Pechino del CEO di JPMorgan Chase Jamie Dimon, CEO di Starbucks. Laxman Narasimhan e Tesla e il CEO di Twitter Elon Musk.

Ma invece di aderire ai desideri cinesi che i consiglieri economici americani viaggiassero per primi, la Casa Bianca ha insistito affinché Blinken, uno dei più stretti confidenti di Biden, venisse prima a Pechino, secondo persone che hanno familiarità con i negoziati.

Di conseguenza, i funzionari cinesi considerano la visita di Blinken come un passo necessario per aprire incontri di follow-up con funzionari che vogliono concentrarsi immediatamente sulle questioni economiche, hanno affermato gli analisti.

“La visita di Blinken pone le basi per le successive visite dei segretari Yellen e Raimondo”, ha dichiarato David Dollar, membro anziano della Brookings Institution. “La Cina è preoccupata per varie restrizioni commerciali e tecnologiche [Blinken’s team] Non ci sono persone giuste per negoziare questi problemi.

Nel complesso, i funzionari statunitensi stanno telegrafando basse aspettative per il viaggio e minimizzando la possibilità che sarà l’inizio di una più ampia riconciliazione.

READ  I dati sull'inflazione indicano una pausa della banca centrale sugli aumenti dei tassi

“Non andremo a Pechino con l’intenzione di fare qualche tipo di progresso o di cambiare il modo in cui trattiamo gli uni con gli altri”, ha detto mercoledì ai giornalisti Daniel Grittenbrink, il massimo diplomatico statunitense per l’Asia orientale.

I funzionari cinesi hanno abbassato ulteriormente l’asticella, accusando Washington di inviare messaggi contrastanti su dove vuole portare la relazione. “La parte statunitense chiede da un lato la comunicazione, ma dall’altro sopprime e controlla la Cina in ogni modo possibile”, ha detto il mese scorso un portavoce del ministero degli Esteri cinese.

Durante la visita, Blinken sarebbe stato spinto in varie direzioni da attori chiave dentro e fuori dai suoi incontri.

I migliori repubblicani al Congresso stanno già indovinando la sua decisione di recarsi in Cina. “Una volta arrivati ​​lì, siamo esposti a un processo di concessioni completamente nuovo a causa della pressione per fare ‘consegnabili'”, ha detto il deputato Mike Gallagher (Wis.), presidente del comitato ristretto del Partito comunista cinese. In una rubrica per il Wall Street Journal.

Michael McCaul (R-Tex.), presidente della commissione per gli affari esteri della Camera, ha criticato Blinken per non aver imposto nuove sanzioni e restrizioni all’esportazione alla Cina, perseguendo invece “inutile retorica”.

Ma durante gli incontri di Blinken con i leader aziendali statunitensi, dovrebbe ottenere incoraggiamento ad adottare un approccio più conciliante nei confronti della Cina, irritato dalle sanzioni dell’amministrazione Biden sulle società cinesi e dalle restrizioni sulle tecnologie sensibili, compresi i semiconduttori avanzati.

Con 700 miliardi di dollari di scambi tra Stati Uniti e Cina, la comunità imprenditoriale statunitense è “focalizzata sull’importanza della relazione”, ha affermato un alto funzionario del Dipartimento di Stato.

“Gli uomini d’affari americani potrebbero chiedere una riduzione delle tensioni in modo che le loro attività in Cina abbiano meno rischi e meno disgrazie”, ha affermato Daniel Russell, esperto di Cina presso l’Asia Society.

L’obiettivo più urgente dei funzionari statunitensi è quello di ristabilire i legami tra militari e militari con Pechino a seguito di diverse pericolose chiamate ravvicinate negli ultimi mesi, tra cui una collisione di navi da guerra vicino a Taiwan e un aggressivo jet da combattimento che sorvolava il Mar Cinese Meridionale.

Pechino ha recentemente respinto un’offerta statunitense del segretario alla Difesa Lloyd Austin per incontrare la sua controparte cinese, Li Shangfu. I funzionari cinesi sono ancora sconvolti dalle sanzioni statunitensi del 2018 contro Li per l’acquisto di armi dalla Russia. Ritengono inoltre che il dispiegamento di mezzi aerei e navali da parte di Washington nel Mar Cinese Meridionale sia contrario alla sovranità della Cina. Gli analisti affermano che il miglioramento delle comunicazioni con Washington renderà il Pentagono più a suo agio nell’operare in Asia orientale.

READ  Janet Yellen ha criticato la gestione cinese delle società statunitensi

“Gli Stati Uniti sono diventati molto abituati a utilizzare le acque internazionali e lo spazio aereo per l’intelligence e la sorveglianza per decenni”, ha affermato Michael O’Hanlon, uno studioso militare presso la Brookings Institution. “Lo facciamo regolarmente a 20 miglia dalla costa cinese – di solito non sono a 20 miglia dalla nostra costa”.

“È così che ci piace come americani: non crediamo davvero nel giocare in modo corretto o in condizioni di parità quando si tratta di chi sta fissando chi”, ha aggiunto. “Tutte queste cose saranno tese.”

Nonostante i punti di vista opposti, il team di Blinken ritiene di poter fare progressi con la Cina aumentando almeno un coinvolgimento ufficiale nel viaggio. “Posso affermare con grande fiducia che entrambe le parti riconoscono che abbiamo bisogno di canali di comunicazione di alto livello”, ha affermato un alto funzionario del Dipartimento di Stato.

Una domanda chiave durante la visita di Blinken è stata se la profonda sfiducia tra i funzionari statunitensi e cinesi si stesse diffondendo agli occhi del pubblico durante il loro primo incontro in Alaska, poco dopo l’insediamento di Biden. Con il nazionalismo in voga in entrambi i paesi, non ci si può aspettare che nessuna delle due parti si tiri indietro o si alzi un po’ le spalle. Gli spettatori guarderanno per vedere se Blinken ribadisce la sua opinione secondo cui la Cina sta conducendo un genocidio contro la minoranza uigura del paese nella provincia dello Xinjiang, un’accusa che Pechino nega con veemenza.

Mentre i funzionari cinesi possono astenersi dal rimproverare pubblicamente Blinken quando appare nelle vicinanze, è improbabile che i media statali facciano marcia indietro.

“Mi aspetto che i media cinesi siano poco caritatevoli nei confronti del segretario Blinken durante e dopo il viaggio”, ha detto Ryan Haas, un esperto cinese ed ex funzionario dell’amministrazione Obama. “Sarà una prova di disciplina per il segretario Blinken e il suo team mettere a tacere il rumore e concentrarsi sul messaggio che i cinesi stanno trasmettendo a porte chiuse”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *