Dylan Mulvaney la mette sotto i riflettori per averla abbandonata a una folla di destra

Dylan Mulvaney, l’influencer trans al centro delle recenti polemiche per il gigante della birra Anheuser-Busch, ha qualcosa che non va.

Giovedì la star di TikTok ha pubblicato un lungo video su Instagram con nuovi dettagli sulle conseguenze personali e professionali di una recente campagna diffamatoria di destra contro di lui e la società, che ha scatenato una reazione all’inizio di quest’anno dopo avergli inviato una lattina pubblicitaria di Bud Light. Decorato con una grafica del suo volto.

Ha detto che l’intero incidente è iniziato quando ha concluso “un accordo con un marchio con un’azienda che amavo” per celebrare March Madness e il suo “365° giorno di femminilità” – ma le cose sono andate immediatamente male dopo che il suo singolo video ha scatenato uno degli incidenti più terribili. . Frenesia dell’ala nella memoria recente.

“Deve essere stata una settimana di notizie lente perché dal modo in cui questo annuncio è esploso, avresti pensato che fossi su un cartellone pubblicitario o uno spot televisivo o qualcosa del genere”, ha condiviso Mulvaney. “Ma no, è solo un video di Instagram.”

Subito dopo il video, figure di spicco dell’estrema destra hanno chiesto il boicottaggio della birra, mentre molti hanno adottato misure più radicali. Guidati dal musicista Kid Rock, alcuni conservatori di Internet hanno pubblicato video di se stessi che abbattevano casi di Bud Light con fucili d’assalto in apparente protesta contro la mini-collaborazione di Anheuser Bush con una persona trans.

Mulvaney ha detto nel suo video di giovedì che teneva la lattina su misura in casa sua, ma si è resa conto che doveva “proteggerla” e “nasconderla bene”. Tuttavia, una volta che l’ha fatto, Kane ha scherzato: “Dovrebbe andare in un museo, preferibilmente dietro un vetro antiproiettile”.

READ  Wyndham Clarke conquista gli US Open

“Ne parlo perché ciò che è venuto fuori da quel video è stato più bullismo e transfobia di quanto potessi mai immaginare”, ha detto trattenendo le lacrime. “Avevo paura di troppi contraccolpi e mi sentivo personalmente in colpa per quello che era successo, quindi ho aspettato pazientemente che le cose migliorassero. Ma sorpresa! Non l’hanno fatto davvero.”

“Ho continuato ad aspettare che il marchio mi contattasse, ma non l’hanno mai fatto”, ha aggiunto.

Un portavoce di Anheuser-Busch ha dichiarato a The Daily Beast in una dichiarazione: “L’azienda è impegnata nei programmi e nelle partnership che abbiamo costruito nel corso di decenni con organizzazioni in molte comunità, inclusa la comunità LGBTQ +”. Tuttavia, il rapporto non ha menzionato Mulvaney.

“La privacy e la sicurezza dei nostri dipendenti e dei nostri partner è sempre la nostra priorità”, ha scritto il portavoce. “Mentre andiamo avanti, ci concentreremo su ciò che sappiamo fare meglio: produrre ottima birra per tutti e prendere il nostro posto nei momenti che contano per i nostri consumatori”.

Settimane dopo l’inizio del contraccolpo anti-trans, Anheuser-Busch è stato rilasciato Una risposta confusa Ad aprile, la società ha evitato riferimenti a Mulvaney, dicendo vagamente che “non vuole far parte di una discussione che divide le persone”.

Ma l’azienda si è scavata un buco profondo dopo aver messo in congedo un paio di dirigenti di marketing che hanno supervisionato la collaborazione con Mulvaney. Anheuser Busch è stato costretto a distribuire casse gratuite di Bud Light ai distributori per “fare ammenda” dopo il suo successo di vendite.

È stato ancora più strano quando il CEO di Anheuser-Busch ha fatto completamente marcia indietro e ha detto agli investitori che non esisteva una campagna pubblicitaria legittima con Mulvaney.

READ  Luna rosa che sorge durante la notte! Guarda la luna piena di aprile in un webcast gratuito

I boicottaggi hanno poi preso una svolta di 180 gradi e gli uomini gay hanno iniziato a eliminare Anheuser-Busch dai propri scaffali, mostrando sostegno alla star trans, che credevano fosse stata abbandonata dalla compagnia.

“Avevo paura di uscire di casa, mi prendevano in giro in pubblico, mi seguivano, mi sentivo così solo che non volevo nessuno”, ha detto Mulvaney nel suo video di giovedì. “Non te lo dico perché voglio la tua pietà, te lo dico perché se questa è la mia esperienza da una prospettiva molto privilegiata, sappi che è molto peggio per le altre persone trans”.

“Per un’azienda assumere una persona trans e poi non stare pubblicamente con loro è peggio che non assumere affatto una persona trans”, ha continuato.

Sentiva che Bud Light aveva “permesso ai clienti di essere transfobici e odiosi quanto volevano” e che quell’odio aveva “conseguenze serie e terribili” per gli altri nella comunità LGBTQ +.

Mulvaney ha ripetutamente sottolineato che anche le persone queer e trans sono clienti. “Ho alcune amiche lesbiche che possono bere alcuni di quegli odiatori sotto il tavolo”, ha scherzato.

“Chiudere un occhio e fingere che vada tutto bene non è un’opzione ora. E potresti dire: “Ma Dylan, non voglio entrare in politica”. Bambino! Il sostegno alle persone con disabilità non dovrebbe essere politico. Non dovrebbe esserci nulla di controverso o divisivo nel lavorare con noi”, ha detto Mulvaney. “Sapevo che era possibile.”

Ha sottolineato che prendersi cura della comunità LGBTQ + “richiede più che donare da qualche parte durante il Pride Month”.

“Ehi, è un altro mese orgoglioso. Quindi celebrerò l’essere viva, celebrerò le persone trans della mia vita e le persone che non ho mai incontrato”, ha concluso. “Non importa quante migliaia di storie orribili, o conduttori di notizie mi fuorviano, o le aziende tacciono, festeggerò che posso guardarmi allo specchio e vedere la donna che amo. .”

READ  Nate Silver Out 538, ABC News I licenziamenti Disney hanno colpito ABC News - The Hollywood Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *