Elon Musk è stato accolto con lusinghe e festeggiamenti durante la sua visita in Cina

PECHINO, 31 mag (Reuters) – E’ un “pioniere”, “Fratello Ma” e c’è chi lo vuole presidente degli Stati Uniti. Il miliardario Elon Musk è stato inondato di elogi dal popolo cinese durante la sua visita in Cina e si è assicurato un’udienza con tre ministri del governo.

Da quando è atterrato a Pechino martedì, l’amministratore delegato di Tesla Inc (TSLA.O) ha incontrato i ministri cinesi degli esteri, del commercio e dell’industria e ha cenato con Zheng Yukun, presidente del principale fornitore di batterie CATL (300750.SZ).

Sebbene si sappia poco di queste discussioni – il ministero dell’Industria ha affermato che Musk e il CEO Jin Zhuanglong si sono scambiati opinioni sullo sviluppo di veicoli elettrici e auto connesse – ciò non ha fermato l’entusiasmo di Musk sui social media cinesi.

“È un idolo globale”, ha commentato un utente. “Elon Musk è fantastico, se solo la Cina avesse qualcuno come Elon Musk”, ha detto un altro.

Il viaggio senza preavviso di Musk è l’ultimo di un importante CEO degli Stati Uniti in Cina da quando la Cina ha invertito la sua politica zero-covid e ha riaperto i suoi confini. Tim Cook di Apple ( AAPL.O ) ha fatto visita a marzo, mentre Jamie Dimon di JPMorgan ( JPM.N ) e Laxman Narasimhan di Starbucks ( SBUX.O ) sono in Cina questa settimana.

Ma rispetto ai ricevimenti di basso profilo dei suoi colleghi, la visita di Musk è stata un argomento di tendenza e la sua popolarità arriva nonostante le accresciute tensioni tra Stati Uniti e Cina, con molto interesse per le sue idee sull’intelligenza artificiale e sui veicoli elettrici.

READ  Corrispondente di KTLA Entertainment 64

Anche il menu per il pasto di 16 portate al ristorante Man Fu Yan, che ha condiviso con Zeng di CATL martedì sera, mostrava foto pubblicate sui social media.

Illustrato con due cavalli impennati – un carattere per il cavallo usato nel nome cinese di Musk – il menu descriveva Tesla come un cavallo oscuro che “si distingue dalle case automobilistiche tradizionali”.

Contrariamente alla sua tempesta sui social media in Cina e alla sua propensione a fare ondate su Twitter (che ora possiede), Musk non ha ancora rilasciato dichiarazioni pubbliche durante il suo viaggio. Twitter è disabilitato in Cina.

Tesla e CATL non hanno risposto alle richieste di commento. Anche il ministero del Commercio non ha risposto a una richiesta di commento. Il ministero degli Esteri ha citato il miliardario che descrive le economie statunitense e cinese come “gemelle siamesi”, dicendo che si oppone al loro disaccoppiamento.

La prima visita di Musk in Cina in tre anni arriva mentre Tesla deve affrontare alcune incertezze sui veicoli elettrici di fabbricazione cinese e prevede di espandere il suo stabilimento di Shanghai.

L’anno scorso la fabbrica ha prodotto 700.000 veicoli Model Y e Model 3, più della metà della produzione globale dell’azienda.

Non è chiaro se Tesla debba affrontare ostacoli normativi all’espansione dell’impianto.

Gli investitori sono ansiosi di vedere se le autorità di regolamentazione cinesi sveleranno le funzionalità avanzate di assistenza alla guida di Tesla. Come parte del software “Full Self Driving”, queste funzionalità sono vendute negli Stati Uniti per un veicolo da $ 15.000.

Musk dovrebbe visitare lo stabilimento di Shanghai nel corso della settimana per incontrare altri alti funzionari cinesi, anche se non è chiaro chi incontrerà o quali questioni discuterà, hanno detto le fonti.

READ  Guerra in Ucraina: attacchi aerei russi colpiscono Kiev per la terza notte consecutiva

Relazione di Martin Pollard; Segnalazioni aggiuntive di Josh Arslan, Wang Dingshu e Joe Cash a Pechino e Zhang Yan a Shanghai e la redazione di Shanghai; Scritto da Brenda Ko; Montaggio di Edwina Gibbs

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Martin Pollardo

Thomson Reuters

Martin Pollard è un corrispondente dalla Cina con sede a Pechino che si occupa di politica e affari pubblici. Da quando è entrato a far parte di Reuters nel 2017, ha raccontato alcune delle più grandi storie della regione, tra cui la guerra commerciale sino-americana, le proteste del 2019 a Hong Kong, la pandemia di Covid in Cina e i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 e Pechino 2022. Originario del sud-est dell’Inghilterra, Martin è un ex reporter televisivo e giornalista video con oltre un decennio di esperienza in Cina e parla fluentemente il mandarino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *