I mercati stanno vacillando per i timori sulle banche e per le deboli prospettive economiche

Le azioni sono scese martedì poiché i timori sulla salute del settore finanziario dopo il crollo della First Republic Bank si sono scontrati con preoccupazioni più ampie derivanti dai segnali di un indebolimento dell’economia.

Alcune banche regionali, che sono state sotto pressione dai fallimenti di Silicon Valley Bank e Signature Bank a marzo, hanno subito un duro colpo martedì, rompendo la calma che era prevalsa da quando First Republic è stata sequestrata dalle autorità di regolamentazione lunedì e venduta a JPMorgan Chase.

Le azioni di PacWest hanno perso oltre il 20% del loro valore, il peggior calo in un solo giorno dal picco della crisi bancaria a marzo. Western Alliance è scesa di quasi il 20%, mentre Comerica e Zions Bank hanno entrambe registrato cali percentuali a due cifre.

Le mosse sono arrivate con i dati che mostrano che i produttori statunitensi hanno ricevuto nuovi ordini meno del previsto a marzo e hanno continuato a raffreddarsi nel mercato del lavoro quel mese, con perdite di posti di lavoro e licenziamenti in aumento. Anche i prezzi del petrolio sono diminuiti bruscamente poiché la prospettiva di una recessione economica ha frenato la domanda di energia. Il greggio Brent, il punto di riferimento internazionale, è sceso a circa 76 dollari al barile, il minimo di quest’anno.

L’S&P 500 è sceso dell’1,3%. I titoli energetici sono scesi di più, con il settore nel suo complesso in calo di oltre il 4%, seguito dai finanziari, che sono scesi del 2,5%.

“La crisi bancaria continuerà”, ha affermato Andrew Brenner, responsabile del reddito fisso internazionale presso National Alliance Securities. Ci sono reali timori di instabilità e rallentamento economico.

READ  Dichiarazione del presidente Joe Biden sulla sentenza della Corte Suprema sullo sgravio dei prestiti agli studenti

Gli investitori hanno espresso preoccupazione in vista della riunione della Federal Reserve di mercoledì, in cui si prevede che la banca centrale alzerà i tassi di interesse. La banca centrale ha aumentato rapidamente i tassi nell’ultimo anno nel tentativo di raffreddare l’economia e controllare l’inflazione ostinatamente elevata. Ma gli alti tassi di interesse sono una fonte di problemi per le banche.

Alcuni investitori temono che l’aumento dei tassi possa innescare un’altra ondata di volatilità poiché i consumatori, guadagnando relativamente poco sui depositi bancari, si spostano verso alternative come i fondi del mercato monetario, che offrono rendimenti più elevati. Per fidelizzare i clienti, le banche possono offrire interessi più elevati sui depositi, ma ciò riduce i loro margini di profitto.

“Finora la banca centrale sembra essere molto schietta”, ha affermato Christina Hooper, chief global market strategist di Invesco. “Sono molto concentrati sull’inflazione, che è una questione di specchietto retrovisore, piuttosto che concentrarsi sui danni che possono alzando i tassi”.

Sulla base dei prezzi di mercato, gli investitori si aspettano ancora che i tassi di interesse aumentino di un quarto di punto mercoledì. Ma quell’ottimismo si è un po’ indebolito, con le scommesse su un taglio dei tassi già a settembre, un risultato probabile solo se l’inflazione scendesse bruscamente o l’economia scivolasse in una profonda recessione.

Martedì il rendimento dei Treasury a due anni, che è sensibile alle variazioni delle aspettative sui tassi di interesse, è sceso di quasi un quinto di punto al di sotto del 4%, che in genere si sposta di circa un centesimo di punto percentuale ogni giorno.

Altrove, Uno studio sulle condizioni di prestito bancario I finanziatori della zona euro si stanno ritirando dai prestiti al ritmo più veloce dalla crisi del debito europeo del 2011, pubblicata martedì dalla Banca centrale europea. Le preoccupazioni per una stretta creditizia che pesa sull’economia stanno diventando sempre più importanti tra i responsabili politici negli Stati Uniti.

READ  Dallas Mavericks contro Risultati e statistiche in tempo reale dei Minnesota Timberwolves - 30 maggio 2024 GameTracker

In aggiunta alle prospettive desolate, i legislatori statunitensi devono ancora concordare un accordo per aumentare il tetto del debito pubblico, con i funzionari dell’amministrazione che avvertono che potrebbero rimanere senza soldi entro giugno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *