I regolatori rilevano la First Republic Bank e vendono asset a JP Morgan

1 maggio (Reuters) – I regolatori hanno sequestrato la First Republic Bank (FRC.N) e venduto i suoi asset a JPMorgan Chase & Co (JPM.N) lunedì, in un accordo per risolvere il più grande fallimento bancario statunitense dalla crisi finanziaria del 2008. Una linea sotto le turbolenze bancarie prolungate.

First Republic è stata tra i prestatori regionali statunitensi colpiti da una crisi di fiducia nel settore bancario a marzo, quando i depositanti sono stati presi dal panico per il crollo di altre due banche statunitensi di medie dimensioni, provocando una fuga di massa dalle banche più piccole a giganti come JP Morgan.

La banca ha languito da allora, ma gli investitori sono fuggiti di nuovo la scorsa settimana quando ha rivelato l’intenzione di cancellare più di $ 100 miliardi di deflussi nel primo trimestre ed esplorare nuove opzioni.

Una settimana dopo, lunedì le autorità di regolamentazione della California hanno sequestrato First Republic e l’hanno posta in amministrazione controllata FDIC dopo aver venduto i suoi beni, segnando il terzo grande fallimento di una banca statunitense in due mesi e il più grande da Washington Mutual nel 2008.

Le azioni JPMorgan sono aumentate del 2% lunedì, mentre le azioni delle banche di fascia media sono diminuite e l’indice KBW Regional Bank (.KRX) è sceso del 2,7%. Gli azionisti di First Republic saranno spazzati via dalla transazione, hanno detto gli analisti di Wedbush. Lunedì le azioni della banca sono scese del 43,3% nelle negoziazioni pre-mercato.

Come parte di un accordo per pagare JP Morgan US Federal Deposit Insurance Corp (FDIC) $ 10,6 miliardi, la banca con sede a San Francisco controllerà la maggior parte delle sue attività e otterrà l’accesso all’ambita base di clienti benestanti della Prima Repubblica.

READ  Biden sta combattendo una pericolosa epidemia: l'uso della parola 'salvataggio'

Anche Jamie Dimon, presidente e amministratore delegato di JP Morgan, ha svolto un ruolo chiave nella crisi finanziaria del 2008.

Secondo la stima iniziale del regolatore, l’accordo costerebbe al fondo di assicurazione dei depositi della FDIC circa 13 miliardi di dollari.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden lunedì ha elogiato l’accordo per proteggere i depositanti piuttosto che pagare il conto per i contribuenti. Ha ripetuto il suo appello per una regolamentazione e una supervisione bancarie più forti.

“Queste azioni garantiranno che il sistema bancario rimanga sano e salvo”, ha detto Biden a un evento alla Casa Bianca. “Criticamente, i contribuenti non sono quelli sul gancio.”

La Casa Bianca ha elogiato i passi “decisivi” compiuti dalle autorità di regolamentazione per proteggere i depositanti e mantenere stabile il sistema bancario. La portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ha affermato che le misure garantiranno anche la responsabilità della Prima Repubblica, che ha definito “gravemente mal gestita”.

Troppo grande per fallire?

Analisti e dirigenti del settore hanno affermato che l’accordo, che ha visto diverse banche fare offerte durante il fine settimana dopo che la FDIC ha condotto un processo di offerta, dovrebbe calmare i mercati. Ma questo ha avuto un costo, hanno aggiunto: le grandi banche stanno diventando più forti, mentre le banche più piccole stanno diventando sempre più difficili da fare affari.

Dennis Kelleher, CEO di Better Markets, un gruppo di riforma di Wall Street, ha affermato che l’asta si traduce in “un malsano consolidamento, concorrenza sleale, un aumento allarmante delle banche troppo grandi per fallire, tutti fattori che danneggiano le banche comunitarie, i prestiti alle piccole imprese e la crescita economica”.

READ  Iam Tongi, vincitore del primo premio "American Idol" delle isole del Pacifico, incoraggia gli hawaiani

JPMorgan possiede già oltre il 10% dei depositi bancari totali del paese. Wells Fargo ha affermato in una nota di ricerca che i depositi netti di JPM aumenteranno del 3% a seguito dell’accordo.

“Abbiamo bisogno di banche grandi e di successo nella più grande economia del mondo”, ha detto Dimon ai giornalisti in una teleconferenza. “Abbiamo la capacità di servire i nostri clienti: città, scuole, ospedali, governi. Facciamo banca al FMI, alla Banca mondiale. Chiunque pensi che l’America non dovrebbe avere questo può chiamarmi direttamente”.

Jane Fraser, amministratore delegato della rivale Citigroup, ha salutato l’accordo come la soluzione dell’ultima grande incertezza per il settore dopo un periodo di turbolenze.

“Non stigmatizzare tutte le banche regionali e piccole come un unico grosso problema”, ha detto Fraser a una conferenza.

“Questa non è una crisi finanziaria globale, questa non è una crisi di risparmi e prestiti. Ci sarà stress, ma prendiamo di mira dove si trova”.

Tassi in aumento

L’attività bancaria globale è stata scossa dalla chiusura della Silicon Valley Bank e della Signature Bank a marzo, una fuga di depositi da istituti di credito statunitensi, costringendo la banca centrale ad adottare misure di emergenza per stabilizzare i mercati con la svizzera Credit Suisse (CSGN.S). UBS rivale ( UBSG.S ). Quei fallimenti sono avvenuti dopo che Silvergate, focalizzato sulle criptovalute, è stato liquidato volontariamente.

Alcuni hanno accusato anni di politica monetaria aggressiva come la causa principale della crisi nel settore bancario, a seguito dell’improvvisa inversione di tendenza della Federal Reserve statunitense e dei rapidi aumenti dei tassi di interesse dello scorso anno.

“Quando era solo l’SVB, era facile incolpare l’amministrazione. Ma ora, quando guardiamo al sistema, è chiaro che la banca centrale si sta muovendo troppo velocemente, troppo velocemente e rompendo le cose”, ha detto Thomas J. ha detto Hayes, presidente e presidente. Membro amministratore, Great Hill Capital.

READ  Il tribunale respinge l'ultimo disperato tentativo della FTC di bloccare l'acquisto di Blizzard da parte di Activision da parte di Microsoft

JPMorgan era tra i numerosi acquirenti interessati, tra cui PNC Financial Services Group (PNC.N) e Citizens Financial Group Inc (CFG.N), che domenica hanno presentato offerte finali in un’asta da parte delle autorità di regolamentazione statunitensi, hanno affermato fonti vicine alla questione.

JP Morgan ha accettato tutti i depositi della banca e rimborserà $ 25 miliardi dei $ 30 miliardi depositati presso First Republic a marzo.

Ha aggiunto che gli 84 uffici della banca fallita in otto stati riapriranno come filiali di JPMorgan Chase da lunedì.

Reportage di Saeed Azhar, Nubur Anand e Tatiana Bacher a New York; Montaggio di Stephen Coates e Kirsten Donovan

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *